fbpx
Formula 1Il Cavallino nella storia

2010 l’occasione mancata

Quando nel 2010, a Maranello viene presentata la F10, in fabbrica si respira un certo ottimismo sia per il nuovo pilota, Fernando Alonso sicuramente il più talentuoso dell’ultima leva di piloti sbarcati in formula uno, ma anche per la monoposto che ha dato dei risultati eccezionali in galleria del vento e ora aspetta il resoconto della pista.
Dopo i test a Barcellona, l’ottimismo si trasforma in certezza: in Barhain, Alonso si aggiudica la corsa grazie a una Ferrari super affidabile e dopo poche gare il pilota spagnolo e la scuderia italiana sembrano essere seriamente candidati al titolo.

ferrari f10 alonso jerez
© Ferrari Press Area

Nonostante la validità della monoposto, la Ferrari deve subire il ritorno degli avversari quali Hamilton con la McLaren e la coppia Red Bull Vettel e Weber.

In Germania, grazie sacrificio di Massa, Alonso e la Ferrari tornano a vincere ma soprattutto cominciano a ridurre i 47 punti di svantaggio dalla vetta della classifica. Dopo il Gran Premio tedesco, Alonso si impone a Monza a Singapore e in Corea e conquista dei podi importanti in Brasile Giappone e in Ungheria.
Questo filotto di risultati permette alla scuderia italiana di affrontare l’ultimo appuntamento ad Abu Dhabi con la certezza quasi matematica di riuscire a vincere il titolo.

ferrari f10 jerez
© Ferrari Press Area

Ad GP di Abu Dhabi 2010 la Ferrari sbaglia sia l’assetto e la strategia e in una gara dove è sufficiente arrivare quarti per vincere il titolo, la scuderia italiana dopo l errata scelta di fermarsi a cambiare le gomme, si ritrova ad essere bloccato da Petrov regalando a un incredulo Vettel un mondiale insperato.
Al termine della stagione Alonso e la Ferrari perdono il titolo piloti per quattro punti ma, nonostante la delusione a Maranello cercano di ripartire dalla F10 per creare una monoposto imbattibile per il 2011.

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio