fbpx
1900-19091940-1949BiografieMille MigliaOn this day

Achille Varzi, un pilota d’altri tempi

Achille Varzi nacque a Galliate, in provincia di Novara, nel 1904. Proveniva da una ricca famiglia d’industriali tessili, ma fin da bambino mostrò un’innata passione per la velocità.

Le prime esperienze

Le sue prime esperienze su due ruote furono dettate dalla necessità di spostarsi per andare a scuola o per svolgere commissioni per l’azienda dei genitori. Tuttavia, ben presto Varzi iniziò a gareggiare, conquistando il suo primo titolo italiano nel 1923. L’anno successivo passò alla classe 500, dove conobbe Tazio Nuvolari, suo grande rivale e amico.

La rivalità con Nuvolari

Varzi e Nuvolari furono due dei più grandi piloti della storia del motociclismo e dell’automobilismo. I due si sfidarono a lungo sui circuiti di tutto il mondo, dando vita a gare memorabili.

Una delle gare più iconiche della loro rivalità fu il Gran Premio di Monaco del 1933. Varzi e Nuvolari si scambiarono la leadership per ben 97 giri, fino a quando Varzi riuscì a prevalere negli ultimi metri.

1932 gp italia
© Agence de presse Meurisse/Wikimedia

Il passaggio alle 4 ruote

Nel 1928, Varzi decise di passare alle automobili, acquistando una Bugatti Tipo 35 insieme a Nuvolari e al meccanico Guido Bignami. Tuttavia, la collaborazione tra i tre piloti fu breve e turbolenta, a causa delle forti personalità di Varzi e Nuvolari.

Dopo aver lasciato Bugatti, Varzi si accasò alla Maserati, con cui vinse il titolo italiano nel 1930 e la Targa Florio nel 1931. Nel 1933, Varzi si riscattò da una stagione difficile battendo Nuvolari nel Gran Premio di Monaco.

1934 Biella Alfa P3 Varzi
© Agence de presse Meurisse/Wikimedia

La tragedia di Bremgarten

Nel 1948, Achille Varzi era di nuovo in testa al campionato italiano quando, durante le qualifiche del Gran Premio di Svizzera, perse il controllo della sua Alfa Romeo 158 a causa della pista bagnata. La vettura si schiantò contro le barriere e il pilota morì sul colpo.

Varzi è considerato uno dei più grandi piloti di tutti i tempi. Era un pilota talentuoso, tenace e coraggioso, con uno stile di guida unico e inimitabile. La sua morte prematura, a soli 44 anni, lo rese un mito immortale.

Il pilota di Galliate era un pilota estremamente versatile, capace di vincere su qualsiasi tipo di pista. Era anche un pilota molto coraggioso, che non si tirava mai indietro davanti a una sfida. La sua morte prematura ha lasciato un vuoto incolmabile nel mondo dello sport ma sopratutto è stato un’ispirazione per molti piloti, sia del suo tempo che di quelli successivi. 

Le vittorie più belle

  • Gran Premio di Monaco del 1933, in cui batté Nuvolari dopo una gara strenua.
  • La vittoria alla Targa Florio del 1931, in cui superò Chiron in un duello all’ultimo respiro.
  • Gran Premio di Francia del 1931, in coppia con Chiron.

Mi si potrà obiettare come mai con tanta passione per l’automobile io abbia principiato con le motociclette. Semplicemente la motocicletta è stato il primo mezzo motorizzato capitatomi tra le mani. Dovevamo andarci a scuola, i miei 2 fratelli e io, fare più presto a detta di mio padre. Fu così che si principiò a … fare presto, cioè a correre – Achille Varzi

PHOTO CREDITS
Comune di GalliateAchille Varzi Moto Club
Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio