fbpx
1990-1999Formula 1On this day

Austria ’99: il gregario sogna in grande

Dopo l’incidente di Schumacher in Inghilterra, la Scuderia Ferrari teme che la stagione sia compromessa. I tempi di recupero del tedesco, viste le ferite, sono decisamente lunghi e la Ferrari decide di sostituirlo con un pilota che possa fare da scudiero ad Irvine e lo aiuti a fare punti per il campionato costruttori.

Dopo una serie di riunioni Todt decide che ad affiancare l irlandese sarà Mika Salo, pilota di buone capacità ma non un talento eccelso.
In Austria ’99 ci si aspetta un’ennesima vittoria della McLaren di Hakkinen annunciata dall’ennesima pole ottenuta dal finlandese battendo il proprio compagno di squadra Coulthard.
Alla partenza, proprio Coulthard ha uno scatto migliore del compagno che resiste arrivando a toccarsi al tornantino.

Altri articoli interessanti
gp austria 99 eddie irvine
© Motorsport Images

Il finlandese va in testacoda, lascia al compagno la testa della corsa e riparte ultimo prodigandosi in una grande rimonta. Nelle retrovie la seconda Ferrari, quella di Salo, viene a contatto con Herbert danneggiando il musetto e dovendo rientrare ai box per sostituirlo.
In testa al GP d’Austria ’99, Coulthard conduce indisturbato, il gran premio è animato dalla rimonta del compagno Hakkinen che, sfruttando la sua McLaren Mercedes, riesce ad essere in zona punti e, paradossalmente, davanti allo stesso compagno che aveva appena rifornito ai box.

I giri che Coulthard passa dietro ad Hakkinen lo rallentano eccessivamente e il muretto rosso ordina al proprio pilota di spingere al massimo sfruttando la propria Ferrari scarica di benzina. Quando si ferma ai box, i meccanici Ferrari eseguono tutte le operazioni in modo impeccabile e lo rispediscono in pista ancora in testa di un soffio su Coulthard.

La Ferrari numero “4” fa sognare le migliaia di italiani giunti in Austria per sostenere una Ferrari orfana della sua prima guida, e avvantaggiato dal doppiaggio di Zanardi che, involontariamente, blocca la McLaren, va a tagliare il traguardo aggiudicandosi il gran premio.

Con la vittoria di Irvine la Ferrari capisce che deve far di tutto per appoggiare l’irlandese, che da gregario si ritrova ad essere il candidato della Ferrari alla conquista del titolo.

PHOTO CREDITS
motorsportimages.com
Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio