fbpx
1990-1999Formula 1On this day

Brasile 95: un Gran Premio, due vincitori

Il mondiale di Formula Uno, la massima espressione dello sport automobilismo, spesso cade in contraddizioni non degni di uno sport a questi livelli.

Dopo una stagione 94 senza dubbio tragica, l’ambiente chiede una svolta che possa portare un po’ di serenità.
Il GP del Brasile 95 sembrava essere l’occasione per dimostrare che la svolta è in atto, invece ,durante le prime prove, i commissari prelevano alcuni campioni d carburante dalle vetture.
Ad un attento controllo, la benzina Elf d Williams e Benetton non è conforme ai campioni depositati prima dell’inizio del campionato.

gp brasile 1995 piloti
© f1.con

Il regolamento parla chiaro: le vetture non conformi devono essere squalificate.
I team manager delle scuderie in questione si oppongono e, per non fare figuracce con gli sponsor, ottengono di partecipare alla corsa sub judice.
La prima giornata di prove vede Schumacher, tronfio col suo numero uno, uscire rovinosamente di pista mentre cerca di battere il tempo di Hill.
Le Ferrari, nonostante le preoccupazioni per l’affidabilità, non hanno mal figurato ottenendo la seconda e la quarta posizione.
La sessione del sabato vede tutti i concorrenti migliorare tranne Hill, che, grazie al crono di venerdi, riesce comunque a conquistare la pole. Le due Ferrari si devono accontentare della terza fila ma per la gara il box italiano nutre un certo ottimismo.

Alla partenza Schumy brucia Hill e si porta in testa mentre le rosse mantengono le posizioni di partenza.
La prima sosta della gara la compie Alesi e via via riforniscono tutti tranne Berger che lascia presupporre a una strategia improntata su un solo rifornimento.
A metà gara, mentre i ferraristi occupano stabilmente il quinto e il sesto posto, Hill compie il primo di una lunga serie d’errori andando in testacoda regalando il primo posto alla Benetton di un incredulo Schumacher.

Al secondo turno dei pit stop, le posizioni vengono mischiate. Berger guadagna due posizioni andando ad occupare il quarto posto mentre a sorprendere è Salo che occupa il terzo posto nonostante sia affaticato da una posizione di guida non aderente al suo fisico.
Quando, ormai spossato, il finlandese compie un testacoda, Berger conquista una posizione e va ad occupare un buon terzo posto.
Ormai le posizioni sono cristallizzate e Schumy e Coulthard, rispettivamente primo e secondo, pensano solo ad arrivare al traguardo. I ferraristi, grazie alla strategia riescono ad occupare un terzo e un quinto posto e nelle battute finali rallentano vistosamente per tutelare la meccanica delle loro monoposto.
Quando la bandiera a scacchi sventola salutando Schumy vincitore e Coulthard secondo, non immagina che i primi due vengono squalificati catapultando Berger al primo posto e Alesi al terzo.

gp brasile 1995 ferrari Alesi
© Ferrari Press Area

La squalifica deve essere ratificata dalla Federazione che, con una decisione tragicomica ammette che i campioni di carburante erano in effetti irregolari ma non essendo, la non conformità imputabile ai piloti, questi conservano i punti conquistati in pista.
La Scuderia Ferrari, derubata della vittoria è indignata e allibita, vorrebbe fare ricorso ma il presidente Montezemolo fa capire a Todt che bisogna essere davanti per merito e non per squalifica.

Brasile 95: la classifica finale

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Germany Michael Schumacher
Italy Benetton 01:38:34.154 71
2
10
2 6 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom Williams 01:38:45.214 71
3
6
3 28 Austria Gerhard Berger
Italy Ferrari +1 lap 70
5
4
4 8 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren +1 lap 70
7
3
5 27 France Jean Alesi
Italy Ferrari +1 lap 70
6
2
6 7 United Kingdom Mark Blundell
United Kingdom McLaren +1 lap 70
9
1
7 4 Finland Mika Salo
United Kingdom Tyrrell +2 laps 69
12
0
8 25 Japan Aguri Suzuki
France Ligier +2 laps 69
15
0
9 17 Italy Andrea Montermini
United Kingdom Pacific +6 laps 65
22
0
10 21 Brazil Pedro Paulo Diniz
Italy Forti +7 laps 64
25
0
RIT 9 Italy Gianni Morbidelli
United Kingdom Footwork Engine 62
13
0
RIT 10 Japan Taki Inoue
United Kingdom Footwork Engine 48
21
0
RIT 24 Italy Luca Badoer
Italy Minardi Engine 47
18
0
RIT 22 Brazil Roberto Moreno
Italy Forti Spun off 47
23
0
RIT 29 Austria Karl Wendlinger
Switzerland Sauber Electrical 41
19
0
RIT 5 United Kingdom Damon Hill
United Kingdom Williams Gearbox 30
1
0
RIT 2 United Kingdom Johnny Herbert
Italy Benetton Collision 30
4
0
RIT 16 France Bertrand Gachot
United Kingdom Pacific Gearbox 23
20
0
RIT 14 Brazil Rubens Barrichello
Ireland Jordan Gearbox 16
16
0
RIT 12 Netherlands Jos Verstappen
United Kingdom Simtek Gearbox 16
24
0
RIT 3 Japan Ukyo Katayama
United Kingdom Tyrrell Spun off 15
11
0
RIT 15 United Kingdom Eddie Irvine
Ireland Jordan Clutch 15
8
0
RIT 11 Italy Domenico Schiattarella
United Kingdom Simtek Steering 12
26
0
RIT 30 Germany Heinz-Harald Frentzen
Switzerland Sauber Electrical 10
14
0
RIT 26 France Olivier Panis
France Ligier Collision 0
10
0
RIT 23 Italy Pierluigi Martini
Italy Minardi Gearbox 0
17
0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio