Carlos Reutemann e quel brutto week-end a Zolder nel 1981


gp belgio 1981 podio Carlos Reutemann

Il 17 maggio 1981 si è corso a Zolder il gran premio del Belgio quinta prova della stagione. La gara è stata vinta dall’argentino Carlos Reutemann con la  Williams motorizzata Ford. Sul podio anche il francese Jacques Laffite su Ligier e per la prima volta in carriera anche Nigel Mansell con la Lotus

Fu un week-end di gara tutt’altro che allegro perché è ancora negli occhi di tutti il volto del meccanico dell’Osella morto il venerdì in una corsia box troppo stretta per la categoria regina del motorsport

gp belgio 1981 incidente Giovanni AmadeoGiovanni Amadeo, solo 22 anni, era stato investito dalla Williams dell’argentino Carlos Reutemann, leader di campionato, ed era morto in ospedale per le ferite riportate.
In qualifica proprio Reutemann conquistò la pole position davanti al brasiliano Nelson Piquet con la Brabham e alla Ferrari 126 CK di Didier Pironi. L’altra rossa, quella di Gilles Villeneuve, non andò oltre il settimo posto.

Alla partenza un nuovo incidente sconvolge il paddock: la Arrows dell’italiano Riccardo Patrese si spegne sulla griglia. Il pilota agita le braccia e istintivamente il meccanico Dave Luckett salta il muretto e cerca di far ripartire la vettura.
gp belgio 1981 partenza
Solo che il direttore di gara fa iniziare la corsa. Tutti riescono ad evitare quella macchina ferma in griglia e il suo meccanico: tutti tranne l’altra Arrows guidata da Siegfried Stohr che centra la vettura e il meccanico.

Luckett perde conoscenza, ma per fortuna riesce a riprendersi senza troppe ferite evitando così la seconda tragedia in due giorni. La gara non viene sospesa e a parte Reutemann e Piquet il resto dei piloti si fermano spontaneamente per costringere il direttore di gara ad esporre la bandiera rossa. La corsa riprende ma a pochi interessa ancora del risultato.

Se ti è piaciuto condividilo sui social. Ti sarò eternamente grato.

Nessun commento

Lasciami un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.