2010-2019Formula 1On this day

Con Genova nel cuore

Un giorno di estate apparentemente come tanti altri, caratterizzato da una pioggia battente, inusuale per la stagione, che si trova ad essere protagonista di una straziante tragedia: il ponte Morandi a Genova collassa su ste stesso strappando la vita a 43 vittime innocenti delle incompetenze altrui.L’evento è tanto grave che distrugge completamente l’atmosfera vacanziera del periodo ed interrompe l’estate: l’Europa intera non può chiudere gli occhi di fronte a questa sciagura civile!
Anche il mondo dello sport e, in particolare la F1, ricorda questa tragedia, italiana ed europea. Sul muso della Ferrari appare un adesivo del ponte sorretto dal cavallino, un gesto volto ad onorare quelle povere vittime ed a far capire ai loro famigliari che il mondo intero non dimentica ed è al loro fianco.

L’atmosfera della gara in Belgio è tesa

La Mercedes, temendo il ritorno della casa del cavallino, è riuscita ad ottenere uno stanziamento per potenziare il gruppo Power Unit.

Sulla vettura di Hamilton viene montato un nuovo motore termico, un nuovo turbocompressore ed una nuova mg-uh!

L’azione in pista è subito eccitante: Vettel strappa il miglior tempo, davanti a Verstappen e a Hamilton.

Il maestro di Spa è solo quinto….
Ogni pilota si è concentrato su un aspetto: Hamilton sullo studio delle gomme, Vettel su una nuova ala posteriore, Kimi su un profilo posteriore a cucchiaio.

Ed è proprio il profilo di Raikkonen ad avere la meglio.
Il finlandese nella seconda sessione strappa il miglior tempo, battendo addirittura il record della pista!

Le macchine italiane sono davanti. La Ferrari in Q2 arriva addirittura a battere sé stessa, ottenendo il nuovo record del tracciato belga…

Solo Vettel, il compagno di Kimi, riesce a superarlo nel finale, candidandosi alla pole position!

In Q3, Hamilton ha ragione di un Vettel che, nel momento più importante, è stoppato da un problema alle batterie e deve accontentarsi del secondo tempo…

In partenza Lewis mantiene la testa all’ingresso della source, con Vettel subito minaccioso negli specchietti.
La prima curva è protagonista di una carambola che mette fuori gioco diversi protagonisti, tra i quali Kimi che, nonostante una resistenza pervicace, deve arrendersi ai danni della sua rossa.

Partenza gp belgio 2018
© Ferrari

Le Red Bull si ributtano in pista, ma mentre Ricciardo deve arrendersi, Verstappen riesce ad adoperarsi in una rimonta eccezionale.

Nel lungo rettilineo del Kemmel è Sebastian Vettel a sverniciare la Mercedes portandosi in testa.
Il pilota tedesco non ha ancora superato lo choc della sua uscita di pista in Germania che ha aperto la porta ad una facile vittoria di Hamilton…È così che impone alla gara un ritmo
irraggiungibile!

Tra i protagonisti, Verstappen che, grazie alla sua rimonta, riesce a portarsi in zona punti e, gestendo bene le soste, guadagna una seconda posizione.Il dominio della Ferrari è tale che Vettel entra ed esce dai box sempre primo, continuando a dominare Hamilton. Quest’ultimo quando capisce che per lui è impossibile vincere, rallenta per preservare la macchina ed arrivare in fondo alla competizione.La Ferrari numero 5 passa il traguardo in prima posizione.

Vettel, con 13 vittorie, entra di diritto nella storia Ferrari!

È inferiore solo a Lauda e Schumacher…

Con 52 vittorie nessuno può mettere in dubbio le capacità del pilota tedesco che, nonostante l’atmosfera dimessa a causa degli eventi genovesi, è riuscito a ridurre il distacco dal leader della classifica e porterà la sua Ferrari a Monza con soli 17 punti di svantaggio su Hamilton! I giochi sono ancora aperti ed è possibile ribaltare la classifica!

ferrari belgio 2018
© Ferrari

La Ferrari vinse, quel giorno, onorando la memoria delle vittime di una catastrofe incomprensibile e rendendo vivo il loro ricordo nel cuore di tutti i tifosi del mondo!

L’ordine di arrivo del GP del Belgio 2018

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 5 Germany Sebastian Vettel
Italy Ferrari 01:23:34.476 44
01:46.644
25
2
25
2 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:23:45.537 44
01:46.721
23
1
18
3 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:24:05.848 44
01:46.946
36
7
15
4 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 01:24:38.081 44
01:46.286
32
17
12
5 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 01:24:45.499 44
01:48.080
38
4
10
6 31 France Esteban Ocon
United Kingdom Force India 01:24:53.996 44
01:48.078
35
3
8
7 8 France Romain Grosjean
United States Haas 01:25:00.429 44
01:48.283
35
5
6
8 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:25:02.115 44
01:47.937
36
9
4
9 10 France Pierre Gasly
Italy Toro Rosso 01:25:20.368 44
01:48.588
10
10
2
10 9 Sweden Marcus Ericsson
Switzerland Sauber 01:23:39.447 43
01:48.694
35
12
1
11 55 Spain Carlos Sainz Jr
France Renault 01:23:51.895 43
01:48.670
32
19
0
12 35 Russian Federation Sergey Sirotkin
United Kingdom Williams 01:23:54.334 43
01:49.113
42
15
0
13 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Williams 01:23:56.544 43
01:49.287
39
16
0
14 28 New Zealand Brendon Hartley
Italy Toro Rosso 01:24:12.518 43
01:48.756
33
12
0
15 2 Belgium Stoffel Vandoorne
United Kingdom McLaren 01:24:18.767 43
01:48.956
38
20
0
RIT 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 00:59:35.967 28
01:49.242
27
8
0
RIT 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 00:19:53.263 8
01:54.320
6
6
0
RIT 16 Monaco Charles Leclerc
Switzerland Sauber 00:00:00.000 0
00:00.000
0
13
0
RIT 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom McLaren 00:00:00.000 0
00:00.000
0
13
0
RIT 27 Germany Nico Hulkenberg
France Renault 00:00:00.000 0
00:00.000
0
18
0

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button