fbpx
2010-2019Formula 1On this day

Faide turche ed evanescenze d’autore

Il settimo evento della stagione 2010 coincide con l’ottocentesima corsa disputata dalla Scuderia Ferrari. Purtroppo, dopo un inizio di stagione promettente, la scuderia italiana si ritrova a vivere un momento difficile evidenziato dalle bizze di Alonso che comincia a palesare atteggiamenti divistici da primadonna.

Assenti le Ferrari dalle posizioni di testa, lo spettacolo è dato dal dualismo tra McLaren e Red Bull, con quest’ultima che conquista la pole position con Mark Webber e si vede soffiare la seconda posizione di Vettel da un giro magistrale di Hamilton che sfrutta al massimo la vettura di Woking.
Al via l’australiano tiene la testa seguito come un ombra dal compagno, autore di una partenza da manuale, e dal fuoriclasse della McLaren che, approfittando di un momento di rilassatezza di Vettel, lo passa e si installa in seconda posizione. L’altra McLaren del campione del mondo in carica, Jenson Button, è rallentata dal tappo della Mercedes di Michael Schumacher.

gp turchia 2010 michael schumacher
© Mercedes Press Area

Dopo aver faticato non poco, il campione del mondo salta l’ex Schumacher dei tempi d’oro e va a prendere il trio di testa. Il quartetto guida la corsa, Hamilton prova a mettere sotto pressione Webber ma inutilmente.
Poi, di li a poco, i rispettivi box li richiamano per i cambi gomma.

L’inglese purtroppo perde tempo e in uscita è superato da Vettel. In terza posizione, Hamilton non si perde d’animo e, intuendo un certo nervosismo nel tedeschino bibitaro, comincia ad attaccarlo in ogni punto del circuito. Il tedesco, irritato dall’inglese in terza posizione e dal compagno in testa particolarmente lento, forza il passaggio sul compagno col risultato di arrivare a speronarlo compromettendo la gara di entrambi.
Vettel deve ritirarsi subito mentre Webber guadagna i box per farsi riparare il musetto danneggiato.
Il disastro in famiglia Red Bull lascia pista libera al duo McLaren che comincia a litigare in pista con sorpassi e mosse azzardate, tanto da arrivare a toccarsi senza conseguenze. Dal box di Woking parte l’ordine di congelare le posizioni e salvaguardare il risultato di squadra.

gp turchia 2010 felipe massa
© Ferrari Press Area

Sul podio del GP di Turchia 2010 anche Webber, che nonostante una Red Bull claudicante col terzo posto riesce ad incrementare la sua posizione in testa alla classifica.
Nel giorno degli “800 GP Rossi“, la Ferrari brilla per la sua evanescenza. Ma i duelli che hanno caratterizzato la corsa turca hanno dimostrato che la F1 rispecchia quella dei tempi eroici.

L’ordine di arrivo del GP di Turchia 2010

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 2 United Kingdom Lewis Hamilton
United Kingdom McLaren 01:28:47.620 58
2
25
2 1 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom McLaren 01:28:50.265 58
4
18
3 6 Australia Mark Webber
Austria Red Bull 01:29:11.905 58
1
15
4 3 Germany Michael Schumacher
Germany Mercedes 01:29:18.730 58
5
12
5 4 Germany Nico Rosberg
Germany Mercedes 01:29:19.886 58
6
10
6 11 Poland Robert Kubica
France Renault 01:29:20.444 58
7
8
7 7 Brazil Felipe Massa
Italy Ferrari 01:29:24.255 58
8
6
8 8 Spain Fernando Alonso
Italy Ferrari 01:29:34.164 58
12
4
9 14 Germany Adrian Sutil
United Kingdom Force India 01:29:36.649 58
11
2
10 23 Japan Kamui Kobayashi
Switzerland BMW Sauber 01:29:53.270 58
10
1
11 22 Spain Pedro de la Rosa
Switzerland BMW Sauber 01:29:53.564 58
13
0
12 17 Spain Jaime Alguersuari
Italy Toro Rosso 01:29:55.420 58
16
0
13 15 Italy Vitantonio Liuzzi
United Kingdom Force India +1 lap 57
18
0
14 9 Brazil Rubens Barrichello
United Kingdom Williams +1 lap 57
15
0
15 12 Russian Federation Vitaly Petrov
France Renault +1 lap 57
9
0
16 16 Switzerland Sébastien Buemi
Italy Toro Rosso +1 lap 57
14
0
17 10 Germany Nico Hulkenberg
United Kingdom Williams +1 lap 57
17
0
18 24 Germany Timo Glock
United Kingdom Virgin Racing +3 laps 55
21
0
19 25 Brazil Lucas di Grassi
United Kingdom Virgin Racing +3 laps 55
23
0
20 20 India Karun Chandhok
Spain Hispania Racing Fuel Pump 52
24
0
RIT 21 Brazil Bruno Senna
Spain Hispania Racing Fuel Pressure 46
22
0
RIT 5 Germany Sebastian Vettel
Austria Red Bull Collision 39
3
0
RIT 19 Finland Heikki Kovalainen
United Kingdom Lotus Hydraulics 33
20
0
RIT 18 Italy Jarno Trulli
United Kingdom Lotus Hydraulics 32
19
0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio