2000-2009Formula 1On this day

Fernando Alonso domina il GP di Monaco 2006, Schumacher penalizzato

Il 28 maggio 2006, si corse il settimo appuntamento della calendario di Formula 1, sul consueto circuito di Monaco. Fernando Alonso arrivò a Monte Carlo con in tasca già tre vittorie e altrettanti tre secondi posto. Ma nelle prove del sabato fu Michael Schumacher ad ottenere il miglior crono, anche se, negli ultimi istanti delle qualifiche, il tedesco parcheggiò la propria Ferrari all’imbocco della curva “Rascasse” impedendo così allo spagnolo di terminare il suo ultimo tentativo. Questo episodio fu severamente sanzionato dai commissari, che accusarono il tedesco di aver volontariamente impedito a Fernando Alonso di completare il giro. Per questo fu retrocesso in fondo alla griglia di partenza.

Le parole di Jean Todt: “La Ferrari prende atto con grande dispiacere della decisione della giuria della corsa, in virtù della quale sono stati cancellati i tempi ottenuti da Michael Schumacher nelle qualifiche del Gran Premio di Monaco, ma non la condivide, nella maniera più assoluta. Una simile decisione crea infatti un precedente molto grave, cancellando il diritto all’errore del pilota. Michael, infatti, nel suo ultimo giro cronometrato, era impegnato nel riconfermare la sua prima posizione, tanto è vero che aveva fatto segnare il miglior parziale nel primo settore ed era ancora in grado di fare un ottimo tempo. Pur in mancanza di elementi reali, è stata fatta una presunzione di colpevolezza

La pole andò quindi alla Renault dello spagnolo, affiancato da Mark Webber con la Williams.
Seconda fila per le due McLaren di Kimi Raikkonen e Juan Pablo Montoya, davanti a Rubens Barrichello con la Honda e Jarno Trulli su Toyota. La top 10 si completò con la Red Bull di David Coulthard, seguito da Nico Rosberg con la seconda Williams, poi Giancarlo Fisichella e Ralf Schumacher con la seconda vettura giapponese.

partenza gp monaco 2006
© Ferrari

In una giornata calda e soleggiata, Alonso partì subito a razzo, portandosi dietro Webber, che però fu subito passato da Raikkonen alla Sainte Devote, poi Juan Pablo Montoya. I primi 4 imposero un bel ritmo, facendo supporre che si sarebbero fermati due volte, mentre Barrichello, che si trovava al quinto posto, aveva impostato la gara su un solo rifornimento, formando così, un bel trenino composto da Rosberg, Coulthard e Fisichella

Con le prime soste non ci furono variazioni tra i piloti di testa, mentre Coulthard e Fisichella cercarono di passare Barrichello.

gp monaco 2006
© Ferrari

Al 44esimo giro, la monoposto di Webber iniziò a rallentare a causa di un problema elettrico che causò un principio d’incendio al propulsore della Williams. A seguito di ciò, fece il suo ingresso in pista la safety car. Molti piloti approfittarono della presenza della vettura di cortesia per anticipare la seconda sosta, mentre dietro alla la safety car e Alonso, si ritrovarono alcuni doppiati che ritardarono parzialmente la rimonta del pilota finlandese. Purtroppo la gara di Raikkonen, finì poco dopo per un inconveniente tecnico al propulsore della sua McLaren.

La gara proseguì con lo spagnolo in netto vantaggio su Montoya e Barrichello, poi a seguire, Trulli, le due Red Bull e Michael Schumacher, seguito a breve distanza da Fisichella.

gp monaco 2006
© Ferrari

Al passaggio numero 63 arrivò una penalità per Barrichello, per eccesso di velocità nella corsia dei box lasciando a Trulli il podio virtuale. Inaspettatamente, a sei giri dal traguardo, la Toyota del pilota abruzzese si fermò per un problema idraulico, consentendo a David Coulthard di conquistare la terza posizione, seguito da Barrichello, dopo il ritiro di Klien.

La gara si concluse con la vittoria schiacciante della Renault di Fernando Alonso, che condivise il podio con Montoya e Coulthard. Poi Barrichello e un grandioso Schumacher, che riuscì a risalire fino al quinto posto, davanti a Fisichella, Heidfeld e il fratello Ralf Schumacher.

Ecco l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Spain Fernando Alonso
France Renault 01:43:43.116 78
1
10
2 4 Colombia Juan Pablo Montoya
United Kingdom McLaren 01:43:57.683 78
4
8
3 14 United Kingdom David Coulthard
Austria Red Bull 01:44:35.414 78
7
6
4 11 Brazil Rubens Barrichello
Japan Honda 01:44:36.453 78
5
5
5 5 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:44:36.946 78
22
4
6 2 Italy Giancarlo Fisichella
France Renault 01:44:45.188 78
9
3
7 16 Germany Nick Heidfeld
Switzerland BMW Sauber +1 lap 77
15
2
8 7 Germany Ralf Schumacher
Japan Toyota +1 lap 77
10
1
9 6 Brazil Felipe Massa
Italy Ferrari +1 lap 77
21
0
10 20 Italy Vitantonio Liuzzi
Italy Toro Rosso +1 lap 77
12
0
11 12 United Kingdom Jenson Button
Japan Honda +1 lap 77
13
0
12 19 Netherlands Christijan Albers
Russian Federation Midland +1 lap 77
16
0
13 21 United States Scott Speed
Italy Toro Rosso +1 lap 77
18
0
14 17 Canada Jacques Villeneuve
Switzerland BMW Sauber +1 lap 77
14
0
15 18 Portugal Tiago Monteiro
Russian Federation Midland +2 laps 76
17
0
16 23 France Franck Montagny
Japan Super Aguri +3 laps 75
20
0
17 8 Italy Jarno Trulli
Japan Toyota Hydraulics 72
6
0
RIT 15 Austria Christian Klien
Austria Red Bull Transmission 56
11
0
RIT 10 Germany Nico Rosberg
United Kingdom Williams Accident 51
8
0
RIT 3 Finland Kimi Raikkonen
United Kingdom McLaren Heat shield fire 50
3
0
RIT 9 Australia Mark Webber
United Kingdom Williams Exhaust 48
2
0
RIT 22 Japan Takuma Sato
Japan Super Aguri Electrical 46
19
0

Topics
Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close