fbpx
2010-2019Formula 1On this day

GP Abu Dhabi 2014: Hamilton si prende vittoria e mondiale

Il pilota britannico della Mercedes vince a Yas Marina laureandosi Campione del Mondo

Lewis Hamilton vince il GP di Abu Dhabi laureandosi Campione del Mondo 2014. Il pilota britannico ha ottenuto il secondo mondiale della sua carriera, bissando il successo del 2008. Hamilton, grazie a uno scatto fulmineo al via, è riuscito a mettere la sua W05 davanti a quella del compagno di box e avversario nel Mondiale, Nico Rosberg, che partiva dalla pole position. Proprio il tedesco, 14esimo a fine gara, ha perso ogni sogno iridato nel corso del 24esimo giro ha perso l’uso dell’ERS. Sul podio con Hamilton a gioire è la Williams con Felipe Massa, secondo, e Valtteri Bottas, terzo. In classifica piloti il doppio punteggio non ha aiutato Fernando Alonso, relegato in sesta posizione con 161 punti iridati.

GP abu dhabi 2014 lewsi hamilton
© Pirelli Press Area

Le qualifiche

Anche in occasione dell’ultimo Gran Premio della stagione non cambiano i valori in campo. La Mercedes ha agguantato la prima fila anche nella tappa conclusiva di Yas Marina con Nico Rosberg che prenderà il via del Gp Abu Dhabi dalla pole position. Il tedesco, che ha fermato il cronometro sul tempo di 1’40″480, si è lasciato il suo avversario nella lotta mondiale, Lewis Hamilton, alle spalle ad appena due decimi. Ci può essere solo che rammarico per il britannico, nonostante il vantaggio in classifica Piloti, dato che proprio nel giro buono è stato autore di ben due errori che potevano valergli la partenza al palo. Terzo e quarto posto per le Williams di Valtteri Bottas e Felipe Massa, che però non sembrano avere le carte giuste per mettere in difficoltà le W05.

Altri articoli interessanti

La terza fila era un affare di famiglia Red Bull con Daniel Ricciardo, quinto, che ancora una volta è riuscito a battere il più blasonato compagno, Sebastian Vettel, sesto e prossimo ferrarista. Ma le Red Bull sono state clamorosamente escluse dalle qualifiche di questo pomeriggio ad Abu Dhabi a causa di una irregolarità riscontrate dai commissari sulle ali anteriori delle due RB10. Sia Ricciardo che Vettel partiranno dall’ultima fila dello schieramento, lasciando la terza fila a Daniil Kvyat su Toro Rosso e alla McLaren di Jenson Button. Settima e ottava posizione per le Ferrari di Kimi Raikkonen e Fernando Alonso, alla sua ultima qualifica in Rosso e staccato di oltre 2 secondi da Rosberg. Chiudono la top ten la McLaren di Kevin Magnussen, nono, e l’altra STR9, quella di Jean-Eric Vergne, decimo.

 

La griglia di partenza del GP di Abu Dhabi 2014

Pos No Pilota Team Tempo Giri
1 6 Germany Nico Rosberg
Germany Mercedes 01:40.480 13
2 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:40.866 12
3 77 Finland Valtteri Bottas
United Kingdom Williams 01:41.025 18
4 19 Brazil Felipe Massa
United Kingdom Williams 01:41.119 20
DSQ 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 01:41.267 12
DSQ 1 Germany Sebastian Vettel
Austria Red Bull 01:41.893 17
7 26 Russian Federation Daniil Kvyat
Italy Toro Rosso 01:41.908 18
8 22 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom McLaren 01:41.964 18
9 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 01:42.236 15
10 14 Spain Fernando Alonso
Italy Ferrari 01:42.866 19
11 20 Denmark Kevin Magnussen
United Kingdom McLaren 01:42.198 13
12 25 France Jean-Eric Vergne
Italy Toro Rosso 01:42.207 12
13 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 01:42.239 15
14 27 Germany Nico Hulkenberg
United Kingdom Force India 01:42.384 12
15 99 Germany Adrian Sutil
Switzerland Sauber 01:43.074 14
16 8 France Romain Grosjean
United Kingdom Lotus 01:42.768 8
17 21 Mexico Esteban Gutiérrez
Switzerland Sauber 01:42.819 8
18 13 Venezuela Pastor Maldonado
United Kingdom Lotus 01:42.860 8
19 10 Japan Kamui Kobayashi
United Kingdom Caterham 01:44.540 7

La gara

Il pilota britannico ha ottenuto il secondo mondiale della sua carriera, bissando il successo del 2008. Hamilton, grazie a uno scatto fulmineo al via, è riuscito a mettere la sua W05 davanti a quella del compagno di box e avversario nel Mondiale, Nico Rosberg, che partiva dalla pole position. Proprio il tedesco, 14esimo a fine gara, ha perso ogni sogno iridato nel corso del 24esimo giro ha perso l’uso dell’ERS.

Sul podio con Hamilton a gioire è la Williams con Felipe Massa che è riuscito ad arrivare davanti a uno straordinario Valtteri Bottas, che dopo la disastrosa partenza ha saputo recuperare numerose posizioni per chiudere sul podio dell’ultima gara del Mondiale.

Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo, scattato con Sebastian Vettel dalla pit lane dopo che la Federazione ha escluso entrambe le RB10 dalle qualifiche per irregolarità tecnica, mentre in quinta posizione troviamo la McLaren di Jenson Button.

GP abu dhabi 2014 lewsi hamilton campione del mondo
© Pirelli Press Area

Sesta e settima piazza per le Force India di Nico Hulkenberg e Sergio Perez che sono riusciti ad arrivare davanti alla Red Bull di Sebastian Vettel, ottavo.

Ennesima gara da dimenticare per la Ferrari al GP di Abu Dhabi 2014, che nemmeno in occasione dell’ultima gara della stagione riesce a rialzare la testa dopo un Campionato deludente: i piloti del Cavallino Rampante chiudono la top ten con Fernando Alonso, nono, che è riuscito ad arrivare davanti a Kimi Raikkonen, decimo. Un vero disastro per gli alfieri della Rossa di Maranello che sono stati tra i primi a rientrare ai box per la prima sosta a causa del graining comparso sulle gomme Super Soft.

GP abu dhabi 2014 hamilton rosberg
© Pirelli Press Area

Lewis Hamilton: “Mi mancano le parole, ringrazio tutti

È la giornata più bella della mia vita e posso solo ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato a raggiungere questo risultato. Il 2008 è stato sicuramente un momento importante, ma le sensazioni che sto provando oggi sono più forti rispetto a quelle di quel giorno. È stata davvero una bella partenza, forse la migliore che abbia mai fatto: se fossi stato indietro avrei dovuto aspettare la prima sosta, ma stando davanti sapevo che potevo fare la mia gara. La vettura è stata perfetta e mi ha permesso di gestire la corsa in ogni fase. La prima cosa che voglio fare è ringraziare tutte le persone che mi hanno permesso di arrivare fino a qui. Poi non posso non ringraziare la mia famiglia, che è venuta tutta qui, e la mia squadra che durante l’anno ha fatto un lavoro davvero incredibile: senza il loro apporto non sarei qui a festeggiare in questo momento. Faccio davvero fatica a spiegare cosa significa questo secondo titolo. Significa di più rispetto al primo. Un pensiero a Nico: corriamo insieme dal 1997 ed abbiamo sempre detto che sarebbe stato bellissimo arrivare un giorno a lottare per il titolo, quindi sono dispiaciuto che abbia avuto un problema e che non si sia potuto giocare le sue carte fino alla fine. Mi ha fatto piacere che sia venuto nella saletta a congratularsi subito con me, il suo è stato un gesto molto professionale”.

GP abu dhabi 2014 nico rosberg
© Pirelli Press Area

Nico Rosberg: “Lewis si è meritato il titolo

La partenza è stata davvero pessima, ma in generale è stata una giornata difficile. I miei problemi con la vettura poi non hanno cambiato un gran che, perché credo che avrebbe vinto comunque Lewis. Ormai è andata così e se lo è meritato. A Lewis dico solo che se lo è meritato e che ora deve fare festa perché l’anno prossimo sarò pronto a tornare all’attacco”.

GP di Abu Dhabi 2014: l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:39:02.619 55
01:45.599
49
2
50
2 19 Brazil Felipe Massa
United Kingdom Williams 00:00:02.576 55
01:44.826
47
4
36
3 77 Finland Valtteri Bottas
United Kingdom Williams 00:00:28.880 55
01:45.727
54
3
30
4 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 00:00:37.237 55
01:44.496
50
20
24
5 22 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom McLaren 00:00:60.334 55
01:46.739
47
6
20
6 27 Germany Nico Hulkenberg
United Kingdom Force India 00:00:62.148 55
01:45.777
47
12
16
7 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 00:00:71.060 55
01:45.808
49
11
12
8 1 Germany Sebastian Vettel
Austria Red Bull 00:00:72.045 55
01:45.552
51
19
8
9 14 Spain Fernando Alonso
Italy Ferrari 00:00:85.813 55
01:47.424
45
8
4
10 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 00:00:87.820 55
01:47.736
46
7
2
11 20 Denmark Kevin Magnussen
United Kingdom McLaren 00:00:90.376 55
01:46.824
37
9
0
12 25 France Jean-Eric Vergne
Italy Toro Rosso 00:00:91.947 55
01:45.686
50
10
0
13 8 France Romain Grosjean
United Kingdom Lotus 00:00:00.000 54
01:47.897
35
18
0
14 6 Germany Nico Rosberg
Germany Mercedes 00:00:00.000 54
01:46.869
17
1
0
15 21 Mexico Esteban Gutiérrez
Switzerland Sauber 00:00:00.000 54
01:47.698
43
14
0
16 99 Germany Adrian Sutil
Switzerland Sauber 00:00:00.000 54
01:47.508
44
13
0
17 46 United Kingdom Will Stevens
United Kingdom Caterham 00:00:00.000 54
01:48.398
47
17
0
RIT 10 Japan Kamui Kobayashi
United Kingdom Caterham 00:00:00.000 42
01:47.431
38
16
0
RIT 13 Venezuela Pastor Maldonado
United Kingdom Lotus 00:00:00.000 26
01:48.933
9
15
0
RIT 26 Russian Federation Daniil Kvyat
Italy Toro Rosso 00:00:00.000 14
01:48.748
10
5
0

FACT CHECKING
raisport.rai.it
Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio