fbpx
2020-2029Formula 1On this day

GP Arabia Saudita 2023: Red Bull altro pianeta

Il GP d’Arabia Saudita 2023 ha confermato la Red Bull come la squadra favorita per il titolo mondiale. Sergio Pérez ha dimostrato di essere un serio candidato alla vittoria, mentre Verstappen dovrà ritrovare la continuità di rendimento. La Ferrari ha mostrato buone prestazioni, ma deve ancora lavorare sulla affidabilità della vettura.

f1 gp arabia saudita 2023
© Pirelli Press Area

PROVE LIBERE 1

Nelle prime prove libere del Gran Premio di Arabia Saudita, Max Verstappen si impone con autorità, piazzandosi al comando dei tempi seguito da Sergio Perez, il suo compagno di squadra. La terza posizione è occupata da Fernando Alonso, dimostrando ancora una volta il suo talento al volante. Nonostante le caratteristiche del circuito di Jeddah possano favorire altre squadre, Aston Martin mostra una performance competitiva, con Lance Stroll al quarto posto, avvicinandosi sempre più a una completa guarigione.

La Ferrari, al contrario, si trova in una posizione più complicata. Charles Leclerc, nonostante il suo talento, deve affrontare una penalità di dieci posizioni sulla griglia di partenza per la sostituzione della centralina, rendendo la sua sfida ancor più impegnativa. Tuttavia, il team italiano mostra una determinazione senza precedenti nel voler migliorare la propria performance. Durante il fine settimana, sono stati introdotti nuovi aggiornamenti aerodinamici, con modifiche significative nella zona delle pance e dell’ala posteriore, oltre a cambiamenti nella Power Unit.

La Ferrari ha anche apportato modifiche alla Power Unit, con Charles Leclerc e Carlos Sainz ricevendo nuove componenti come la seconda MGU-H e l’unità endotermica. Queste modifiche, sebbene possano comportare una penalità, sono viste come necessarie per migliorare la competitività della vettura e superare le sfide incontrate nelle prime gare della stagione.

In definitiva, mentre Verstappen e Red Bull mostrano un dominio incontestabile nelle prime prove, la Ferrari si impegna a ritrovare la propria competitività attraverso aggiornamenti e modifiche tecniche. La sfida è aperta, e il Gran Premio in Arabia Saudita promette emozioni e sorprese.

f1 gp arabia saudita 2023 leclerc
© Ferrari Press Area

PROVE LIBERE 2

La seconda sessione di prove libere ha visto entrambe le Red Bull prime nella classifica dei tempi, seguite da un’ottima prestazione dell’Aston Martin di Alonso, mentre le Ferrari si sono posizionate solo settima e undicesima. Questo risultato, a prima vista poco significativo, va contestualizzato considerando le diverse strategie adottate dalle squadre per il fine settimana in Arabia Saudita. Le FP2, invece, hanno fornito spunti più interessanti per comprendere le prospettive del Gran Premio.

Per la Scuderia Ferrari, la sessione è iniziata con l’applicazione di flow-viz sull’ala posteriore a monopilone della SF23, evidenziando l’attenzione alla comprensione dei flussi aerodinamici intorno alla parte posteriore della vettura. Riguardo alle gomme, la griglia si è divisa tra coloro che hanno iniziato a girare con pneumatici gialli e chi con quelli bianchi, generando un certo caos dovuto al traffico in pista.

Successivamente, è stato il momento di provare le qualifiche con le mescole più morbide. Anche in questa occasione, il numeroso traffico in pista ha reso estremamente difficile trovare spazio per un giro pulito, soprattutto in un circuito con una carreggiata così stretta. Prima di riuscire a completare un giro veloce, molti piloti hanno dovuto attendere pazientemente. Non a caso, Leclerc si è lamentato via radio con il suo ingegnere definendo la situazione del traffico come un “incubo”.

PROVE LIBERE 3

Red Bull si conferma come la favorita fin dalla giornata precedente, con Verstappen che chiude in testa segnando un impressionante 1:28:485, seguito da Perez e le due Aston Martin di Alonso e Stroll. Hamilton è quinto, Leclerc sesto e Sainz decimo. Verstappen emerge come il grande favorito per la pole position, creando un notevole divario rispetto agli altri piloti.

Perez si dimostra un ottimo compagno di squadra, rimanendo vicino al pilota numero uno. Al di là di loro, non è chiaro chi possa conquistare la terza posizione in qualifica, con la Ferrari che rimane ancora un po’ nascosta. L’analisi dei dati della telemetria evidenzia una notevole differenza di velocità tra la Ferrari e la Red Bull, suscitando speranze di una sorpresa nelle qualifiche. La squadra di Maranello ha adottato una strategia diversa rispetto agli altri team fin dalla giornata precedente. Sia Leclerc che Sainz hanno concentrato i loro sforzi su lunghi run durante le FP2, dimostrando miglioramenti nella costanza rispetto al GP del Bahrain. Questo suscita speranze di un possibile podio. Aston Martin si presenta come la seconda forza più competitiva, mentre Mercedes rimane in disparte, pronta a cogliere opportunità in caso di sviluppi inaspettati in gara. C’è incertezza sulla performance di Alpine sul passo gara, anche se ha dimostrato tempi competitivi nei giri veloci.

f1 gp arabia saudita 2023 fernando alonso
© Pirelli Press Area

Le qualifiche

Il semaforo verde si accende sul circuito di Jeddah, dando il via alla sessione del Q1 con una temperatura ambiente di trentadue gradi. Nick De Vries è il primo a scendere in pista, ma affronta difficoltà evidenti con la sua vettura, situazione che rispecchia anche le difficoltà dell’Alpha Tauri e delle Ferrari, che ancora non riescono a mostrare il loro pieno potenziale. Al contrario, la Red Bull si distingue con prestazioni eccellenti, occupando le prime due posizioni al termine del Q1.

Nel Q2, Fernando Alonso dimostra determinazione ottenendo il miglior tempo, seguito da Charles Leclerc con un distacco di soli 0,311 secondi. Carlos Sainz, invece, fatica e si colloca solo al quarto posto. Un colpo di scena arriva con Max Verstappen, il quale è costretto a rientrare ai box a causa di un problema al motore, perdendo così preziosi minuti di tempo. Sergio Perez, cercando di rimettere in gioco la squadra, conquista la pole position.

Nell’ultima sessione, la Ferrari di Charles Leclerc ottiene una prestazione eccezionale, conquistando la pole position provvisoria nonostante le penalità che dovrà affrontare nella gara successiva. Tuttavia, la Red Bull di Sergio Perez si rivela impeccabile, strappando la pole position al pilota monegasco al termine del Q3.

f1 gp arabia saudita 2023 qualifica
© Pirelli Press Area

La griglia di partenza

Pos No Pilota Team Tempo Giri
1 11 Mexico Sergio Pérez
Austria Red Bull 01:28.265 18
PEN 16 Monaco Charles Leclerc
Italy Ferrari 01:28.420 19
3 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom Aston Martin 01:28.730 18
4 63 United Kingdom George Russell
Germany Mercedes 01:28.857 21
5 55 Spain Carlos Sainz Jr
Italy Ferrari 01:28.931 24
6 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Aston Martin 01:28.945 20
7 31 France Esteban Ocon
France Alpine F1 Team 01:29.078 24
8 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:29.223 21
9 81 Australia Oscar Piastri
United Kingdom McLaren 01:29.243 23
10 10 France Pierre Gasly
France Alpine F1 Team 01:29.357 23
11 27 Germany Nico Hulkenberg
United States Haas 01:29.461 18
12 24 China Zhou Guanyu
Italy Alfa Romeo 01:29.461 18
13 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:29.634 17
14 77 Finland Valtteri Bottas
Italy Alfa Romeo 01:29.668 18
15 1 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:49.953 6
16 22 Japan Yuki Tsunoda
Italy AlphaTauri 01:29.939 10
17 23 United Kingdom Alexander Albon
United Kingdom Williams 01:29.994 9
18 21 Netherlands Nyck De Vries
Italy AlphaTauri 01:30.244 10
19 4 United Kingdom Lando Norris
United Kingdom McLaren 01:30.447 4
20 2 United States Logan Sargeant
United Kingdom Williams 02:08.510 8

La gara

All’inizio del Gran Premio dell’Arabia Saudita, Fernando Alonso è il più rapido. Il due volte campione del mondo sorpassa Perez alla prima curva e si porta in testa alla gara. Tuttavia, Alonso riceve una penalità di cinque secondi per non aver posizionato correttamente la sua vettura sulla linea di partenza. Nel frattempo, Leclerc recupera tre posizioni nel primo giro, mentre un contatto con Gasly costringe Piastri a fermarsi immediatamente per sostituire l’ala anteriore.

f1 gp arabia saudita 2023 partenza
© Pirelli Press Area

Lance Stroll supera la Ferrari di Carlos Sainz, mentre Verstappen recupera terreno. Dopo quattro giri, Perez riprende la leadership, con Alonso che si mantiene inizialmente entro il secondo, ma poi perde terreno nei confronti della Red Bull. Nel frattempo, Leclerc risale nella top 10 e supera Hamilton, che evidenzia difficoltà con le gomme medie. Verstappen raggiunge presto il pilota monegasco.

Al giro 15, il muretto box della Ferrari richiama Sainz ai box, tendendo una trappola all’Aston Martin e costringendo Stroll a fermarsi. Sainz rientra in pista al giro successivo, completando un ottimo overcut e ritrovandosi in nona posizione davanti a Stroll. Anche Leclerc effettua il suo pit stop, permettendo a Verstappen di avanzare in quarta posizione. La gara viene poi interrotta da una Safety Car a causa di Stroll che deve fermare la sua monoposto in pista.

Durante la Safety Car, Perez, Russell, Verstappen e Hamilton effettuano il pit stop. Alonso sconta la sua penalità. La Safety Car rientra alla fine del ventesimo giro. Hamilton supera Sainz, mentre Verstappen sorpassa Russell e inizia a inseguire Alonso. Albon accusa problemi ai freni e si ritira dal Gran Premio.

f1 gp arabia saudita 2023 podio
© Pirelli Press Area

Le Red Bull si allontanano dal resto del gruppo: al giro 30 sono più veloci di nove decimi rispetto all’Aston Martin di Fernando Alonso, la terza vettura più veloce in pista. Verstappen cerca di avvicinarsi a Perez, ma deve rallentare il ritmo. Nel frattempo, c’è una battaglia serrata per la decima posizione tra Tsunoda e Magnussen, con quest’ultimo che conquista il punto. Alla fine della gara, Sergio Perez vince il Gran Premio dell’Arabia Saudita, seguito dal compagno di squadra Max Verstappen, che si aggiudica il giro veloce, e Fernando Alonso. Tuttavia, dopo la cerimonia del podio, ad Alonso viene assegnata una penalità di dieci secondi per non aver eseguito correttamente la sua penalità, facendo salire George Russell sul terzo gradino del podio.

L’ordine di arrivo del GP dell’Arabia saudita 2023

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 11 Mexico Sergio Pérez
Austria Red Bull 01:21:14.894 50
01:32.188
38
1
25
2 1 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:21:20.249 50
01:31.906
50
15
19
3 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom Aston Martin 01:21:35.622 50
01:32.240
50
2
15
4 63 United Kingdom George Russell
Germany Mercedes 01:21:40.760 50
01:32.433
50
3
12
5 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:21:45.959 50
01:32.941
47
7
10
6 55 Spain Carlos Sainz Jr
Italy Ferrari 01:21:50.770 50
01:32.822
50
4
8
7 16 Monaco Charles Leclerc
Italy Ferrari 01:21:58.056 50
01:33.056
47
12
6
8 31 France Esteban Ocon
France Alpine F1 Team 01:22:07.726 50
01:33.222
49
6
4
9 10 France Pierre Gasly
France Alpine F1 Team 01:22:09.641 50
01:33.392
50
9
2
10 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:22:19.720 50
01:33.374
44
13
1
11 22 Japan Yuki Tsunoda
Italy AlphaTauri 01:22:22.388 50
01:33.931
50
16
0
12 27 Germany Nico Hulkenberg
United States Haas 01:22:25.482 50
01:33.780
50
10
0
13 24 China Zhou Guanyu
Italy Alfa Romeo 01:22:30.954 50
01:33.894
49
11
0
14 21 Netherlands Nyck De Vries
Italy AlphaTauri 01:22:32.372 50
01:33.609
49
18
0
15 81 Australia Oscar Piastri
United Kingdom McLaren 01:22:39.915 50
01:34.287
48
8
0
16 2 United States Logan Sargeant
United Kingdom Williams 01:22:41.187 50
01:34.469
49
10
0
17 4 United Kingdom Lando Norris
United Kingdom McLaren 01:22:41.339 50
01:34.122
49
19
0
18 77 Finland Valtteri Bottas
Italy Alfa Romeo 01:21:44.478 49
01:34.384
37
14
0
RIT 23 United Kingdom Alexander Albon
United Kingdom Williams 00:47:05.946 27
01:35.567
24
17
0
RIT 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Aston Martin 00:25:57.184 16
01:35.140
7
5
0

L’albo d’oro del GP dell’Arabia Saudita

Anno Gara Data Winning Driver Team Giri
4 2024 Gran Premio dell'Arabia Saudita 09 marzo Netherlands Max Verstappen Austria Red Bull 50
3 2023 Gran Premio dell'Arabia Saudita 19 marzo Mexico Sergio Pérez Austria Red Bull 50
2 2022 Gran Premio d'Arabia Saudita 27 marzo Netherlands Max Verstappen Austria Red Bull 50
1 2021 Gran Premio dell'Arabia Saudita 05 dicembre United Kingdom Lewis Hamilton Germany Mercedes 50

Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio