fbpx
1980-1989Formula 1On this day

GP Belgio 1989: alta pressione a Spa

Dopo l’incredibile vittoria di Mansell e la Ferrari in Ungheria, Senna meditava di tornare alla vittoria già in Belgio a SPA, da sempre il suo circuito preferito, ma anche l’università dei piloti di F1.
Il circus che si presenta in Belgio è un ambiente in fermento.

Ormai manca solo l’ufficialità ma tutti nel paddock sanno che Alain Prost correrà con la Ferrari nel 1990. Berger, invece, autore di una stagione sfortunata, diventerà compagno di squadra di Ayrton Senna.
Nelle interviste Prost lascia intendere che, con lui alla guida, il 1990 sarà l’anno della conquista del titolo e della fine del digiuno Ferrari che dura ormai dal lontano 1979.
Gossip a parte, anche a SPA la McLaren e’ la macchina migliore, ma anche la Ferrari sta arrivando, la grande innovazione dovuta all’introduzione del cambio elettro-idraulico sembra finalmente funzionare.
Mansell da inizio estate è costantemente sul podio e nelle posizioni di testa. L’inglese esalta le folle, in Inghilterra è l’unico in grado di lottare con Prost per la vittoria, arrivando comunque secondo ed esaltando il caldo pubblico di casa.

Altri articoli interessanti

In Ungheria, nonostante una qualifica disarmante, in gara rimonta e umilia Senna con un sorpasso entrato negli annali della F1.
In Belgio la ritrovata Ferrari sembra essere l’unica in grado di contendere il successo ai dioscuri della McLaren.
Purtroppo nelle qualifiche i “rossi” si perdono nel traffico e lasciano a Senna l’onore della pole position e al suo compagno di squadra la piazza d’onore.
Alla fine del turno di qualifica un po’ di malinconia serpeggia nel circus.
Le Lotus, una volta scuderia di vertice, non si sono qualificate ed è l’inizio del calvario che porterà la scuderia inglese a sparire dalla griglia di partenza.
Il giorno della gara la pioggia recita il ruolo da protagonista. Piove talmente forte che gli organizzatori sono obbligati a ritardare la partenza per rendere agibile la pista.

gp belgio 1989 partenza
© Wikipedia/Verneuil Grand

Quando finalmente la corsa parte, Senna mantiene la testa ma dopo poche curve si accorge che la pressione delle gomme non è ottimale. La macchina tende a sbandare in frenata e in accelerazione.
Obbligato, quindi, a equilibrismi da vero acrobata del volante, Senna teme il ritorno di Mansell, che con la Ferrari sta tallonando Prost non proprio a suo agio sull’acqua e da l’impressione di poterlo superare.
L’inglese alla guida è un vero leone ma sopraggiunto alle spalle della Arrows di Cheever, la resistenza di quest’ultimo a farsi superare dalla Ferrari, favorisce Prost che riesce a prendere qualche metro di sicurezza.

gp belgio 1989 partenza
© Wikipedia/Verneuil Grand

Superato l’americano di Roma, l’irruenza di Mansell lo porta a riagganciare Prost.
Subito dopo la Source, l’inglese finta un sorpasso a destra e si butta sulla sinistra.
Sembra fatta per la “27”. Prost riesce a impostare la curva obbligando la Ferrari a improvvisare una manovra tipica dei rally alla chicane danneggiando le gomme e di fatto rendendo vano ogni tentativo di arrivare secondo.

gp belgio 1989 Nigel Mansell
© Wikipedia/Verneuil Grand

È chiaro a tutti come l’inquietudine dell’inglese sia la miglior alleata di Senna, infatti, nonostante la sua monoposto sia poco equilibrata a causa della pressione sbagliata, Prost ha pensato bene a difendere il secondo posto dagli attacchi anche scomposti della Ferrari che attaccarlo per aggiudicarsi una vittoria di prestigio.

L’ordine di arrivo del GP del Belgio 1989

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Brazil Ayrton Senna
United Kingdom McLaren 01:40:54.196 44
1
9
2 2 France Alain Prost
United Kingdom McLaren 01:40:55.500 44
2
6
3 27 United Kingdom Nigel Mansell
Italy Ferrari 01:40:56.020 44
6
4
4 5 Belgium Thierry Boutsen
United Kingdom Williams 01:41:48.604 44
4
3
5 19 Italy Alessandro Nannini
Italy Benetton 01:42:03.001 44
7
2
6 9 United Kingdom Derek Warwick
United Kingdom Arrows 01:42:12.512 44
10
1
7 15 Brazil Maurício Gugelmin
United Kingdom March +1 lap 43
9
0
8 36 Sweden Stefan Johansson
Italy Onyx +1 lap 43
15
0
9 23 Italy Pierluigi Martini
Italy Minardi +1 lap 43
14
0
10 20 Italy Emanuele Pirro
Italy Benetton +1 lap 43
13
0
11 22 Italy Andrea de Cesaris
Italy Dallara +1 lap 43
18
0
12 16 Italy Ivan Capelli
United Kingdom March +1 lap 43
19
0
13 26 France Olivier Grouillard
France Ligier +1 lap 43
26
0
14 3 United Kingdom Jonathan Palmer
United Kingdom Tyrrell +2 laps 42
21
0
15 24 Spain Luis Perez-Sala
Italy Minardi +3 laps 41
25
0
16 30 France Philippe Alliot
France Larrousse Engine 39
11
0
RIT 10 United States Eddie Cheever
United Kingdom Arrows Wheel 38
24
0
RIT 37 France Bertrand Gachot
Italy Onyx Spun Off 21
23
0
RIT 6 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Williams Collision 20
5
0
RIT 29 Italy Michele Alboreto
France Larrousse Collision 19
22
0
RIT 21 Italy Alex Caffi
Italy Dallara Spun Off 13
12
0
RIT 7 United Kingdom Martin Brundle
United Kingdom Brabham Brakes 12
20
0
RIT 28 Austria Gerhard Berger
Italy Ferrari Spun Off 9
3
0
RIT 8 Italy Stefano Modena
United Kingdom Brabham Handling 9
8
0
RIT 25 France René Arnoux
France Ligier Collision 4
17
0
RIT 4 United Kingdom Johnny Herbert
United Kingdom Tyrrell Spun Off 3
16
0
DNQ 12 Japan Satoru Nakajima
United Kingdom Lotus No Time 0

0
DNQ 11 Brazil Nelson Piquet
United Kingdom Lotus No Time 0

0
DNQ 38 Germany Christian Danner
Germany Rial No Time 0

0
DNQ 39 France Pierre-Henri Raphanel
Germany Rial No Time 0

0
DNPQ 17 Italy Nicola Larini
Italy Osella No Time 0

0
DNPQ 18 Italy Piercarlo Ghinzani
Italy Osella No Time 0

0
DNPQ 31 Brazil Roberto Moreno
Italy Coloni No Time 0

0
DNPQ 40 Italy Gabriele Tarquini
France AGS No Time 0

0
DNPQ 34 Germany Bernd Schneider
Germany Zakspeed No Time 0

0
DNPQ 35 Japan Aguri Suzuki
Germany Zakspeed No Time 0

0
DNPQ 41 France Yannick Dalmas
France AGS No Time 0

0
DNPQ 33 Switzerland Gregor Foitek
Italy Euro Brun No Time 0

0
DNPQ 32 Italy Enrico Bertaggia
Italy Coloni No Time 0

0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio