fbpx
2000-2009Formula 1On this day

GP Europa 2005, Raikkonen k.o., gode Alonso

La sospensione della McLaren cede all'ultimo, regalando la vittoria all'asturiano

La sospensione che si sbriciola, la vettura in testacoda e i sogni di gloria sfumati nella ghiaia a una manciata di chilometri dalla bandiera a scacchi. Per un giovane e arrembante Kimi Raikkonen fu questo l’epilogo del GP d’Europa, andato in scena sul tracciato del Nurburgring, nell’edizione del 2005. Quella dell’alfiere McLaren fu una corsa dominata, in un’epoca in cui la direzione tecnica di Woking era in mano nientemeno che ad Adrian Newey, noto per sfornare gioielli tecnologici all’avanguardia ma al contempo estremamente fragili.

Arma a doppio taglio

Era così anche la McLaren MP4-20, assurta a rivale della Renault dopo un esordio di rodaggio, ma troppo vulnerabile sul fronte affidabilità per consentire a Raikkonen di giocarsela fino in fondo. Non solo il Nurburgring fu d’intralcio ai sogni di gloria del finlandese: anche a Hockenheim, due mesi dopo, l’allora 25enne dovette ammainare la bandiera nel bel mezzo di un GP dominato. Tutti eventi che alla lunga spianarono la strada a Fernando Alonso e alla sua Renault, meno esplosiva come velocità ma decisamente più affidabile.

gp europa 2005 partenza
© Scuderia Ferrari

Il GP d’Europa al Nurburgring fu la dimostrazione di quei rapporti di forza. La corsa fu dominata da Raikkonen, portatosi in testa già dal via grazie al sorpasso sul poleman Nick Heidfeld, al volante della Williams-BMW, mentre dietro Webber seminava il panico colpendo Montoya e costringendo ambedue le Ferrari a un “lungo”.

Sospensione fatale

La gara proseguì con il dominio di Raikkonen, mentre Alonso conduceva una forsennata rimonta, che lo portò dal 6° posto in griglia fino al terzo dopo il pit stop iniziale. Il ritmo di Raikkonen fu scalfito solo da un fuoripista, che gli fece perdere temporaneamente la posizione su Heidfeld. Il tedesco della Williams venne poi sopravanzato anche da Alonso, che si installò al secondo posto mettendo pressione su Raikkonen.

Pressione fatale per le ambizioni McLaren. A una decina di giri dal termine, il blister sull’anteriore destra del finlandese cominciò a sottoporre la sospensione a uno stress anomalo. Le sollecitazioni continuarono fino a farsi insostenibili, con la sospensione che a inizio ultimo giro cedette di schianto. La MP4-20 “piroettò” lungo la frenata, rischiando di colpire il doppiato Button, fino a fermarsi nella via di fuga, per la costernazione di Ron Dennis e Norbert Haug. La vittoria la ereditò Alonso, che siglò il quarto successo di un’annata trionfale.

Incubo Ferrari

Per Raikkonen fu un macigno. Già in deficit di punti, Kimi lasciò la foresta dell’Eifel a 32 lunghezze dall’asturiano, un abisso per il sistema di punteggio dell’epoca, che assegnava 10 punti al vincitore. Se andò male alla McLaren per questioni tecniche, la Ferrari quell’anno masticò ancora più amaro. Il GP d’Europa ne fu l’ennesima prova, tanto che la terza piazza di Rubens Barrichello dietro ad Heidfeld poteva essere considerata un successo per una F2005 lontana parente delle monoposto precedenti. Michael Schumacher chiuse invece quinto, attardato dal patatrac iniziale causato da Webber e mai capace di impensierire la Red Bull di David Coulthard davanti a lui. Un copione, questo, che per la Rossa si ripeté ogni domenica nell’annata forse più difficile degli anni Duemila.

L’ORDINE DI ARRIVO del GP d’Europa 2005

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 5 Spain Fernando Alonso
France Renault 01:31:46.648 59
6
10
2 8 Germany Nick Heidfeld
United Kingdom Williams 01:32:03.215 59
1
8
3 2 Brazil Rubens Barrichello
Italy Ferrari 01:32:05.197 59
7
6
4 14 United Kingdom David Coulthard
Austria Red Bull 01:32:18.236 59
12
5
5 1 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:32:37.093 59
10
4
6 6 Italy Giancarlo Fisichella
France Renault 01:32:38.580 59
9
3
7 10 Colombia Juan Pablo Montoya
United Kingdom McLaren 01:32:44.821 59
5
2
8 16 Italy Jarno Trulli
Japan Toyota 01:32:57.739 59
4
1
9 15 Italy Vitantonio Liuzzi
Austria Red Bull 01:32:58.177 59
14
0
10 3 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom BAR 01:33:22.434 59
13
0
11 9 Finland Kimi Raikkonen
United Kingdom McLaren Suspension/Accident 58
2
0
12 4 Japan Takuma Sato
United Kingdom BAR +1 lap 58
16
0
13 11 Canada Jacques Villeneuve
Switzerland Sauber +1 lap 58
15
0
14 12 Brazil Felipe Massa
Switzerland Sauber +1 lap 58
11
0
15 18 Portugal Tiago Monteiro
Ireland Jordan +1 lap 58
17
0
16 19 India Narain Karthikeyan
Ireland Jordan +1 lap 58
19
0
17 21 Netherlands Christijan Albers
Italy Minardi +2 laps 57
20
0
18 20 Austria Patrick Friesacher
Italy Minardi +3 laps 56
18
0
RIT 17 Germany Ralf Schumacher
Japan Toyota Spin 33
8
0
RIT 7 Australia Mark Webber
United Kingdom Williams Accident 0
3
0

Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio