fbpx
2010-2019Formula 1On this day

GP Germania 2018, Hamilton sovverte il pronostico e vince. Errore clamoroso di Vettel!

Il britannico guadagna in un colpo solo 25 punti al rivale. Vettel butta tutto all’aria con un’uscita di pista su asfalto viscido. Completano il podio Bottas e Raikkonen. Per Mercedes è doppietta

Un risultato inaspettato al GP di Germania 2018, che in pochi alla vigilia avrebbero potuto prevedere. Sebastian Vettel sbaglia nel momento critico, quando dopo metà gara la pioggia scombina i piani di tutta la griglia. Il tedesco, nella curva a 180° della sezione dello Stadio, sbaglia le misure in frenata e finisce “lungo”, parcheggiando la SF71-H contro le barriere e insabbiandola. Visibile la rabbia dell’ormai ex leader del mondiale, che agita pugni contro il volante e lascia la gara di casa col morale sotto i tacchi. Poco prima, tutto era sembrato andare bene per il pilota tedesco, a parte un contrattempo quando si è ritrovato dietro a Kimi Raikkonen e ha finito per surriscaldare pericolosamente le gomme (rischio poi scongiurato dal box Ferrari, che ha prontamente dato ordine a Kimi di far sfilare il compagno).

gp germania 2018 partenza
© Pirelli Press Area

È stata la gara degli imprevisti, ma anche degli ordini di scuderia. Alla ripresa delle ostilità, dopo la Safety Car, Lewis Hamilton si trova leader della corsa, viene insidiato da Bottas, ma il muretto prontamente ridimensiona le ambizioni del finlandese, che deve mantenere la piazza d’onore davanti a Raikkonen. Abilissimo, ma anche un po’ baciato dalla fortuna, il pilota inglese, che aveva effettuato una sosta su pista asciutta e, quando è venuto a piovere, è stato l’unico dei top a non fermarsi ai box, ritrovandosi così in testa. Peggio è andata a Bottas e Raikkonen, ambedue fermatisi ai box sotto la pioggia, col risultato di lasciare strada libera ad Hamilton. L’inglese balza pure in testa alla classifica con 17 lunghezze su Vettel: in un colpo solo, Lewis ha fatto bottino pieno a casa del nemico, nella gara che secondo le previsioni avrebbe dovuto condannarlo a subire una grossa perdita di punti nel Mondiale (pensiamo che Vettel partiva in pole e Lewis 14°).

gp germania 2018 hamilton e bottas
© Pirelli Press Area

Dietro, Verstappen termina 4°, dopo la sfortunata decisione di tentare la carta delle intermedie su asfalto viscido. Dietro di lui, Hulkenberg, 5°, Grosjean e le due Force India nell’ordine di Perez e Ocon. Ericsson e Hartley completano la zona punti, segnalando che per il neozelandese è il secondo ingresso in top ten in carriera. Da sottolineare il ritiro di Daniel Ricciardo, autore finché è stato in pista di una gara incolore, alle prese con problemi di grip con le Medium. Disastro anche la corsa della McLaren: Vandoorne, scattato ultimo, ha chiuso 13°, Alonso è stato classificato 16°, in fondo alla classifica.

Le parole dei primi tre

Lewis Hamilton

Ho sempre creduto di poter vincere questa gara. Ovviamente è molto difficile rimontare dalla quattordicesima posizione in partenza, però ci devi sempre credere. Ho detto una lunga preghiera prima dell’inizio della corsa, e nel giro di riscaldamento ho visto quanto supporto avessi. Ho cercato di stare tranquillo e di mantenere la calma. Il team ha fatto un lavoro straordinario, e sono molto grato di aver potuto guidare una macchina così. Non ho mai smesso di crederci. Il mio desiderio oggi si è avverato. Quando ha piovuto, sapevo di trovarmi in una buona posizione, ma l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. Dopo la safety car, c’erano dei piloti alle mie spalle con gomme fresche. Spero che questa vittoria abbia dimostrato le mie abilità alla guida.

Valtteri Bottas

Come pilota cerco sempre la vittoria. Oggi ho pensato di avere buone possibilità di vittoria, ma dopo la Safety Car mi sono dovuto accontentare della seconda posizione. Si deve pensare al bene del team e pensando a questo è stato grandioso ottenere la doppietta qui. Con Lewis abbiamo avuto un po’ di battaglia dopo che la Safety Car ha lasciato la pista. Sapevo che potevo sorpassarlo, ma era anche importante ridurre al minimo i rischi.

Kimi Raikkonen

Cosa vuoi che faccia? Se vuoi che lo lasci passare, dimmelo chiaramente! Ho sempre accettato le regole. Avevo velocità seppur sorpassare era difficile, infatti entrare nella zona DRS sembrava incredibilmente impossibile! Si ha la possibilità di scegliere quale opzione può essere la più giusta per la gara ed io ero incline ad effettuare due soste, ma dall’inizio della gara sono cambiate tante cose, tra cui la pioggia e le condizioni scivolose che hanno complicato il tutto. Ma anche i doppiaggi non hanno reso semplice il tutto, anzi per scansare una vettura sono stato costretto ad andare largo, perciò non è stata una gara facile per tanti fattori.
Non so come andava la Mercedes, ho guidato la Ferrari ed è stato molto difficile con quella pioggia, era difficile capire quali aree del circuito fossero più umide e quali meno“.

GP Germania 2018: l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:32:29.845 67
01:15.545
66
14
25
2 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 01:32:34.380 67
01:15.721
65
2
18
3 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 01:32:36.577 67
01:15.990
64
3
15
4 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:32:37.499 67
01:15.852
66
4
12
5 27 Germany Nico Hulkenberg
France Renault 01:32:56.454 67
01:17.910
66
7
10
6 8 France Romain Grosjean
United States Haas 01:32:58.716 67
01:16.716
66
6
8
7 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 01:33:00.401 67
01:17.867
66
10
6
8 31 France Esteban Ocon
United Kingdom Force India 01:33:01.595 67
01:17.941
64
15
4
9 9 Sweden Marcus Ericsson
Switzerland Sauber 01:33:02.207 67
01:17.745
65
13
2
10 28 New Zealand Brendon Hartley
Italy Toro Rosso 01:33:04.042 67
01:17.681
66
16
1
11 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:33:04.764 67
01:17.697
66
5
0
PEN 55 Spain Carlos Sainz Jr
France Renault 01:33:12.914 67
01:17.430
63
8
0
13 2 Belgium Stoffel Vandoorne
United Kingdom McLaren 01:33:16.462 67
01:17.537
67
18
0
14 10 France Pierre Gasly
Italy Toro Rosso 01:33:08.490 66
01:17.762
66
20
0
15 16 Monaco Charles Leclerc
Switzerland Sauber 01:33:10.282 66
01:17.852
64
9
0
16 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom McLaren 01:31:52.896 65
01:17.741
60
11
0
RIT 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Williams 01:14:16.475 53
01:18.861
35
17
0
RIT 5 Germany Sebastian Vettel
Italy Ferrari 01:07:13.692 51
01:17.290
39
1
0
RIT 35 Russian Federation Sergey Sirotkin
United Kingdom Williams 01:09:59.300 51
01:18.934
36
12
0
RIT 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 00:36:06.859 27
01:18.262
22
19
0

Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio