fbpx
1960-1969Formula 1On this day

Professore di tedesco

A chi gli chiedeva quale corsa ricordava più volentieri, Jim Clark indicava il GP di Germania del ’62.
In quell’anno, il genio di Chapman, aveva partorito una monoposto destinata a diventare leggendaria: la Lotus 25.
Nel GP di Germania, disputatosi sul mitico tracciato del Nurburgring, a conquistare la pole è l’americano Gurney su Porsche. Dietro all’alfiere della casa tedesca, ma con distacchi abissali, troviamo Hull su BRM e Clark con la Lotus.

Dopo una pioggia torrenziale, finalmente la direzione gara da il via alla corsa. Mentre il gruppo delle monoposto si disputa ogni metro di pista per arrivare alla prima curva nella migliore posizione possibile, il motore della Lotus di Clark non si avvia.
Forse la tensione per la partenza o chissà… lo scozzese non ha acceso la pompe del carburante rimanendo attardato in mezzo al gruppo degli inseguitori mentre Gurney e Hill stanno battagliando per conquistare la testa della corsa.

gp germania 1962 partenza
© autosportworld.info

Nel corso del primo giro, Clark riesce a superare sedici vetture, quasi una ogni kilometro percorso e si ritrova in quinta posizione a lottare con Hill e Rodriguez.
A metà gara lo scozzese è il pilota più veloce in pista, secondo Chapman, team manager e proprietario Lotus, il suo pilota va talmente veloce da potersi ancora aggiudicare la corsa.
Clark rischia di uscire rovinosamente di pista all’undicesimo giro e al quindicesimo, solo la sua classe eccelsa gli permette di mantenere il controllo della vettura.

Probabilmente spaventato dal rischio occorso, e convinto di dover portare la macchina al traguardo, Clark decide di rallentare il ritmo.
Nonostante i tempi sul giro non siano più eccezionali, il pubblico sugli spalti gli tributa un ovazione in quanto testimone di una prestazione dal valore inestimabile.
Hill riesce a conquistare la gara davanti a Surtees e Gurney ma il vero eroe della giornata è il pilota della Lotus che, nonostante un modesto quarto posto, viene portato in trionfo dal pubblico e addetti ai lavori come il vero trionfatore della gara.

La classifica finale del GP di Germania ’62

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 11 United Kingdom Graham Hill
United Kingdom BRM 02:38:45.300 15
2
9
2 14 United Kingdom John Surtees
United Kingdom Lola 02:38:47.800 15
4
6
3 7 United States Dan Gurney
Germany Porsche 02:38:49.700 15
1
4
4 5 United Kingdom Jim Clark
United Kingdom Lotus 02:39:27.400 15
3
3
5 9 New Zealand Bruce McLaren
United Kingdom Cooper-Climax 02:40:04.900 15
5
2
7 8 Sweden Jo Bonnier
Germany Porsche 02:43:22.600 15
6
0
8 12 United States Richie Ginther
United Kingdom BRM 02:43:45.400 15
7
0
9 10 South Africa Tony Maggs
United Kingdom Cooper-Climax 02:43:52.300 15
23
0
10 2 Italy Giancarlo Baghetti
Italy Ferrari 02:47:00.000 15
13
0
11 25 United Kingdom Ian Burgess
United Kingdom Cooper-Climax 02:47:00.600 15
16
0
12 19 Switzerland Jo Siffert
United Kingdom Lotus 02:47:00.800 15
17
0
13 18 Netherlands Carel Godin de Beaufort
Germany Porsche 02:47:57.100 15
8
0
14 32 Germany Heini Walter
Germany Porsche +1 lap 14
14
0
15 26 Italy Nino Vaccarella
Germany Porsche +1 lap 14
15
0
16 21 Belgium Lucien Bianchi
Belgium ENB +1 lap 14
25
0
RIT 20 United Kingdom Jackie Lewis
United Kingdom Cooper-Climax Suspension 10
21
0
RIT 1 United States Phil Hill
Italy Ferrari Suspension 9
12
0
RIT 16 Australia Jack Brabham
United Kingdom Brabham Throttle 9
24
0
RIT 27 United Kingdom Keith Greene
United Kingdom Gilby Suspension 7
19
0
RIT 15 United Kingdom Roy Salvadori
United Kingdom Lola Gearbox 4
9
0
RIT 17 France Maurice Trintignant
United Kingdom Lotus Gearbox 4
11
0
RIT 4 Italy Lorenzo Bandini
Italy Ferrari Accident 4
18
0
RIT 28 Switzerland Heinz Schiller
United Kingdom Lotus Oil Pressure 4
20
0
RIT 31 France Bernard Collomb
United Kingdom Cooper-Climax Gearbox 2
22
0
RIT 6 United Kingdom Trevor Taylor
United Kingdom Lotus Accident 0
26
0
DNQ 29 New Zealand Tony Shelly
United Kingdom Lotus No Time 0

0
DNQ 34 Germany Wolfgang Seidel
United Kingdom Lotus No Time 0

0
DNQ 30 United States Jay Chamberlain
United Kingdom Lotus No Time 0

0
DNQ 34 Germany Günther Seiffert
United Kingdom Lotus No Time 0

0
WD 33 United Kingdom Tony Marsh
United Kingdom BRM Car not ready 0

0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio