fbpx
2010-2019Formula 1On this day

GP Giappone 2014: il dramma di Jules Bianchi offusca la doppietta Mercedes!

Non si è voluto festeggiare sul podio del Gran Premio del Giappone. La vittoria di Lewis Hamilton e la doppietta Mercedes è stata messa in ombra dal dramma che ha colpito il pilota della Marussia

Nonostante il GP Giappone 2014 sia stato messo in ombra dal dramma che ha colpito Jules Bianchi, a Suzuka a salire sul gradino più alto del podio è stato Lewis Hamilton, seguito da Nico Rosberg in una gara condizionata dalla pioggia. La coppia Mercedes è stata seguita dalla Red Bull di Sebastian Vettel che finalmente, forse fresco dall’addio a Milton Keynes, batte il ben più giovane compagno di squadra, Ricciardo, quarto a fine corsa.

Le qualifiche

Anche a Suzuka non c’è scampo per nessuno. Le due Mercedes hanno ottenuto la prima fila della griglia di partenza con Nico Rosberg, primo, che conquista la pole position nel GP del Giappone, la dodicesima partenza al palo della carriera e l’ottava dell stagione. Il tedesco, che ha staccato il tempo di 1’32″506 è riuscito a stare davanti a Lewis Hamilton, secondo, per 197 millesimi di secondo. Terzo e quarto posto per le Williams di Valterri Bottas e Felipe Massa: proprio il pilota brasiliano si è visto staccare di quattro decimi dal ben più giovane compagno di squadra. Quinta piazza, come al solito, per Fernando Alonso che ha accusato un ritardo di oltre un secondo da Rosberg. Nonostante con pista asciutta la F14T mostri tutte le sue carenze, in condizioni intemedie o di pista bagnata, come potrebbe avvenire per la gara, l’asturiano potrebbe dire la sua prima della fine di stagione.

Sesta e settima posizione per le McLaren di Kevin Magnussen e Jenson Button, mentre a chiudere la top ten sono la Red Bull di Sebastian Vettel, nono, e l’altra Ferrari, quella di Kimi Raikkonen, decimo ma con una power unit molto usata per evitare il cambio e non incorrere così in una penalità in griglia.

La griglia di partenza

Pos No Pilota Team Tempo Giri
1 6 Germany Nico Rosberg
Germany Mercedes 01:32.506 13
2 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:32.703 13
3 77 Finland Valtteri Bottas
United Kingdom Williams 01:33.128 16
4 19 Brazil Felipe Massa
United Kingdom Williams 01:33.527 16
5 14 Spain Fernando Alonso
Italy Ferrari 01:33.740 16
6 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 01:34.075 17
7 20 Denmark Kevin Magnussen
United Kingdom McLaren 01:34.242 16
8 22 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom McLaren 01:34.317 17
9 1 Germany Sebastian Vettel
Austria Red Bull 01:34.432 17
10 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 01:34.548 16
11 25 France Jean-Eric Vergne
Italy Toro Rosso 01:34.984 14
12 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 01:35.089 13
13 26 Russian Federation Daniil Kvyat
Italy Toro Rosso 01:35.092 13
14 27 Germany Nico Hulkenberg
United Kingdom Force India 01:35.099 13
15 99 Germany Adrian Sutil
Switzerland Sauber 01:35.364 14
16 21 Mexico Esteban Gutiérrez
Switzerland Sauber 01:35.681 14
17 13 Venezuela Pastor Maldonado
United Kingdom Lotus 01:35.917 9
18 8 France Romain Grosjean
United Kingdom Lotus 01:35.984 10
19 9 Sweden Marcus Ericsson
United Kingdom Caterham 01:36.813 6
20 17 France Jules Bianchi
United Kingdom Marussia 01:36.943 8
21 10 Japan Kamui Kobayashi
United Kingdom Caterham 01:37.015 9
22 4 United Kingdom Max Chilton
United Kingdom Marussia 01:37.481 8
safety car giappone 2014
© formula1.com

La gara

Il giorno del Gran Premio la pioggia fa la sua comparsa sul tracciato; la direzione di gara decide per la partenza dietro la Safety Car, anche se la corsa viene interrotta per le avverse condizioni meteo già dopo un giro con l’esposizione della bandiera rossa. Passano circa una ventina di minuti e finalmente le vetture possono iniziare a correre. Intorno al quindicesimo passaggio, i piloti rientrano ai box per montare le coperture da bagnato intermedio, nel frattempo Rosberg comanda il gruppo davanti al compagno di squadra Hamilton. Tuttavia l’inglese si dimostra più competitivo e verso metà della gara scavalca la Mercedes numero 6 con un gran sorpasso all’esterno in curva 1. Anche Ricciardo si dimostra a suo agio su questo asfalto viscido e dopo una serie di bei sorpassi arriva al quarto posto alle spalle di Vettel.

Mentre la corsa scorre senza troppe emozioni al 43esimo passaggio, Sutil esce alla curva Dunlop finendo contro le barriere: la direzione gara espone la bandiera gialla in quel punto e inizia la procedura di rimozione della vettura incidentata. Tutto procede senza intoppi finché le telecamere non inquadrano i volti dei meccanici della Marussia. Nel frattempo la regia trasmette il replay della Sauber del tedesco che impatta mentre si nota che sono due le monoposto coinvolte. Alla fine si scopre che la Marussia di Jules Bianchi, è andata lunga alla stessa curva, finendo per colpire il trattore intento a spostare la vettura del tedesco.

Il francese perde conoscenza e viene trasportando in ambulanza nell’ospedale più vicino; inizialmente la direzione di gara decide di sospendere la corsa con la bandiera rossa, per poi decretare la fine del GP. 

A salire sul gradino più alto del podio è Lewis Hamilton, seguito da Nico Rosberg. In terza e quarta posizione troviamo Sebastian Vettel al suo ultimo podio in Red Bull e Daniel Ricciardo che in condizioni miste hanno saputo tirare fuori il meglio dalle proprie RB10. In quinta piazza troviamo la McLaren di Jenson Button seguito dalle Williams di Valtteri Bottas, sesto, e Felipe Massa, settimo. A punti sono finite anche le Force India di Nico Hulkenberg, ottavo, e Sergio Perez, decimo a chiusura della top ten. Tra di loro si è inserita la Toro Rosso di Jean-Eric Vergne, nono.

Gara da dimenticare per la Ferrari. Dopo il ritiro di Fernando Alonso, avvenuto pochi giri dopo la ripartenza per un problema all’impianto elettrico, Kimi Raikkonen ha chiuso la gara in 12esima posizione, fuori dalla zona punti.

GP GIAPPONE 2014: è il momento delle voci

Quando la gara si è conclusa da nemmeno una mezz’ora è già tempo per le polemiche. Bianchi è stato trasferito in ospedale in ambulanza all’ospedale di Yokkaich in quanto l’elicottero, a causa delle condizioni meteo è impossibilitato dal prendere il volo, come ha confermato il responsabile della comunicazione della Fia, Matteo Bonciani. La Fom ha preferito non mostrare le immagini del terribile impatto tra la Marussia del francese e la gru che stava effettuando operazioni di recupero per la Sauber di Sutil, tanto che si è da subito pensato che le condizioni della punta di diamante della Ferrari Driver Academy siano abbastanza gravi. Si parla tanto di sicurezza in Formula 1, ma si è toppato ancora una volta. Da Jacques Villeneuve, a Fernando Alonso, passando per Felipe Massa, tanti sono stati i piloti che hanno espresso perplessità sul fatto se era necessario che la gara continuasse. C’è ansia per il pilota francese visto che anche Adrian Sutil, l’unico che ha visto il momento dell’impatto, si è rifiutato di descrivere in televisione l’incidente del pilota della Marussia.

GP Giappone 2014: l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:51:43.021 44
2
25
2 6 Germany Nico Rosberg
Germany Mercedes 00:00:09.180 44
1
18
3 1 Germany Sebastian Vettel
Austria Red Bull 00:00:29.122 44
9
15
4 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 00:00:38.818 44
6
12
5 22 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom McLaren 00:00:67.550 44
8
10
6 77 Finland Valtteri Bottas
United Kingdom Williams 00:01:13.773 44
3
8
7 19 Brazil Felipe Massa
United Kingdom Williams 00:01:15.126 44
4
6
8 27 Germany Nico Hulkenberg
United Kingdom Force India 00:01:15.948 44
13
4
9 25 France Jean-Eric Vergne
Italy Toro Rosso 00:01:27.638 44
20
2
10 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 00:00:00.000 43
11
1
11 26 Russian Federation Daniil Kvyat
Italy Toro Rosso 00:00:00.000 43
12
0
12 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 00:00:00.000 43
10
0
13 21 Mexico Esteban Gutiérrez
Switzerland Sauber 00:00:00.000 43
15
0
14 20 Denmark Kevin Magnussen
United Kingdom McLaren 00:00:00.000 43
7
0
15 8 France Romain Grosjean
United Kingdom Lotus 00:00:00.000 43
16
0
16 13 Venezuela Pastor Maldonado
United Kingdom Lotus 00:00:00.000 43
22
0
17 9 Sweden Marcus Ericsson
United Kingdom Caterham 00:00:00.000 0
17
0
18 4 United Kingdom Max Chilton
United Kingdom Marussia 00:00:00.000 43
21
0
19 10 Japan Kamui Kobayashi
United Kingdom Caterham 00:00:00.000 43
19
0
RIT 17 France Jules Bianchi
United Kingdom Marussia 00:00:00.000 41
18
0
RIT 99 Germany Adrian Sutil
Switzerland Sauber 00:00:00.000 40
14
0
RIT 14 Spain Fernando Alonso
Italy Ferrari Problema elettrico 2
5
0

FACT CHECKING
La cronaca della gara
Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio