fbpx
2010-2019Formula 1On this day

GP Giappone 2019, vince Bottas. Mercedes 6 grande!

Ferrari paga una serie di errori commessi al via della gara e deve accontentarsi del secondo gradino del podio con Vettel e della sesta posizione con Leclerc. Hamilton terzo posto amaro

Il pilota finlandese Valtteri Bottas conquista la sua terza vittoria della stagione aggiudicandosi il GP del Giappone 2019 e recuperando 9 punti in classifica sul leader del mondiale Hamilton. Invece il team di Brakley conquista il suo sesto titolo costruttori consecutivo piazzando entrambi i propri piloti sul podio, in prima e terza posizione; a molti non è però chiara la strategia adottata dalle Frecce d’Argento

Le qualifiche

Sebastian Vettel conquista la sua quinta pole in Giappone, così com’è la quinta consecutiva per la Ferrari in stagione. Il tedesco si è dimostrato superiore sin dal primo tentativo della Q3, ribadendo e migliorando la leadership nel secondo push. Charles Leclerc non è lontano e conferma una prima fila tutta Rossa, nel Gran Premio che scatterà tra meno di tre ore.

Vettel torna a battere il proprio compagno di team in qualifica, cosa che non succedeva dallo scorso Gran Premio del Canada. Se il passo gara è tutto da decifrare, dopo la cancellazione del sabato, le due vetture di Maranello partiranno con un grosso vantaggio potendo scattare davanti alle due Mercedes.

Valtteri Bottas è riuscito a precedere Hamilton, seppur di soli 9 millesimi. Se la Mercedes pareva la chiara candidata alla pole position di questo Gran Premio, la sessione odierna ha cambiato le carte in tavola, relegando le due Frecce d’Argento alla seconda fila. Non fa meglio della quinta posizione Max Verstappen che conclude per pochi millesimi davanti al proprio compagno di team Alexander Albon.

GP Giappone 2019 sebastian vettel
© Colombo Images

Ancora due vetture con gli stessi colori in quarta fila. La McLaren, così come venerdì, si è dimostrata la miglior vettura del midfield, precedendo un’ottima Toro Rosso nelle mani di Pierre Gasly, nono. Decima posizione per la Haas pilotata da Romain Grosjean.

Antonio Giovinazzi è stato il primo eliminato della Q2, riuscendo comunque ancora una volta a precedere il compagno di team Kimi Raikkonen, tredicesimo. Buona dodicesima prestazione per Lance Stroll, mentre Daniil Kvyat è quattordicesimo. Nico Hulkeneberg è stato fermato da un problema al motore nel finale della seconda tagliola di qualifica e deve accontentarsi della quindicesima posizione.

Sorprendente è stata l’eliminazione in Q1 di Daniel Ricciardo, che scatterà diciassettesimo, negativa anche la qualifica di Sergio Perez, appena davanti a George Russell. In ultima fila scatteranno Kevin Magnussen e Robert Kubica, autori di un crash nell’ultima curva, a causa del forte vento presente sul circuito giapponese.

La griglia di partenza del GP del Giappone 2019

Pos No Pilota Team Tempo Giri
1 5 Germany Sebastian Vettel
Italy Ferrari 01:27.064 16
2 16 Monaco Charles Leclerc
Italy Ferrari 01:27.253 16
3 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 01:27.293 21
4 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:27.302 20
5 23 United Kingdom Alexander Albon
Austria Red Bull 01:27.851 19
6 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:27.851 16
7 55 Spain Carlos Sainz Jr
United Kingdom McLaren 01:28.304 21
8 4 United Kingdom Lando Norris
United Kingdom McLaren 01:28.464 21
9 10 France Pierre Gasly
Italy Toro Rosso 01:28.836 21
10 8 France Romain Grosjean
United States Haas 01:29.341 15
11 99 Italy Antonio Giovinazzi
Switzerland Alfa Romeo Racing 01:29.254 15
12 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Racing Point 01:29.345 12
13 7 Finland Kimi Raikkonen
Switzerland Alfa Romeo Racing 01:29.358 15
14 26 Russian Federation Daniil Kvyat
Italy Toro Rosso 01:29.563 16
15 27 Germany Nico Hulkenberg
France Renault 01:30.112 13
16 3 Australia Daniel Ricciardo
France Renault 01:29.822 8
17 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Racing Point 01:30.344 9
18 63 United Kingdom George Russell
United Kingdom Williams 01:30.364 10
19 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 00:00.000 2
20 88 Poland Robert Kubica
United Kingdom Williams 00:00.000 1
Valtteri Bottas GP Giappone 2019
© Colombo Images

La gara

In terra giapponese le Frecce d’Argento si aggiudicano il sesto titolo costruttori, eguagliando così le vittorie Ferrari di Todd e Schumacher. Cavallino Rampante a briglie (troppo) sciolte.
Non abbiamo raccolto quello che abbiamo seminato“. Così commenta la gara ai microfoni di Sky Sport Italia il Team Principal di Maranello, Mattia Binotto.
Dopo le qualifiche scoppiettanti, che hanno ribadito l’incontrastata potenza del motore Ferrari sul giro secco, Vettel e Leclerc non sono infatti riusciti ad agguantare la doppietta che speravano.
Bottas beffa Hamilton grazie all’aiuto del team che gli consegna la vittoria.

Allo spegnimento dei semafori, il primo passo falso in casa Ferrari: una partenza anticipata di Vettel costringe il pilota tedesco ad accodarsi dietro a Bottas che, partito terzo dalla piazzola alle sue spalle, sopravanza lui e il suo compagno di squadra Leclerc con una brillante manovra che lo porta in prima posizione. Meno convincente Hamilton, che non approfitta della brutta partenza del poleman, ma che riesce a segnare il giro veloce in gara.

BOTTAS VOLA E CHARLES PERDE I PEZZI

Dopo pochi secondi dal via, Leclerc e Verstappen, che nel frattempo ha guadagnato terreno, sono protagonisti di un contatto che danneggia l’alettone anteriore del monegasco e che al sedicesimo giro costringe al ritiro l’olandese.
Situazione pericolosa con un detrito dell’alettone che, staccatosi dalla macchina di Leclerc, colpisce Lewis e danneggia lo specchietto della sua Mercedes. Il muretto box Ferrari chiama Leclerc al box per la sostituzione del pezzo danneggiato e qui svaniscono le sue possibilità di vittoria. Per lui un sesto posto. Quarto Albon; il pilota Red Bull disputa una bellissima gara, che sa di riscatto dopo diversi GP deludenti.

Ancora una volta, McLaren ribadisce il suo ritorno, con un quinto posto per Sainz. Il suo compagno di squadra Norris, invece, si deve accontentare di un dodicesimo posto e 0 punti in tasca.
Delusione per Perez che perde il controllo della sua Racing Point all’ultimo giro e si priva della nona posizione.

Giornata amara per Alfa Romeo, che chiude in tredicesima posizione con Raikkonen e in quindicesima con l’italiano Giovinazzi.

GP Giappone 2019 Valtteri Bottas
© Colombo Images

Valtteri Bottas: “Me la sono goduta questa gara e sono fiero del team

Il passo è stato ottimo, sono riuscito a controllare la gara, a dare il massimo e mi sono davvero divertito! Me la sono goduta questa gara, veramente e ne sono molto felice. Per quel che riguarda i pit stop, sapevo che non c’era una grossa differenza tra una o due soste e che entrambi i scenari erano aperti, ma alla fine tutto è andato liscio fortunatamente. Sono davvero orgoglioso di far parte di questo team, ottenere il sesto titolo consecutivo è davvero qualcosa di impressionante. Sono molto fiero di ogni membro del team, sia di quelli presenti in pista che di quelli in fabbrica e voglio ringraziarli tutti perché sono eccezionali!.

GP Giappone 2019 sebastian vettel
© Ferrari Press Area

Sebastian Vettel: “Unico obiettivo è stato difendermi da Lewis”

Abbiamo avuto una mattinata fantastica. Il pomeriggio invece è stato meno buono per quanto riguarda il risultato che come squadra siamo riusciti a portarci a casa.
La partenza non è stata buona né per me né per Charles e credo che se non fosse stato per il via così negativo saremmo stati entrambi in grado di stare davanti. Ma onestamente oggi i nostri rivali in gara erano più veloci e Valtteri in particolare andava fortissimo.
Il mio avvio è stato pessimo: ho rilasciato la frizione in anticipo, quindi l’ho dovuta riazionare e ho perso il momento buono per scattare. Di solito le nostre partenze sono molto buone, certamente non questa volta. Dietro a Valtteri ci mancava un po’ di ritmo e abbiamo usurato le gomme più dei nostri rivali. Specialmente alla fine degli stint andavamo in difficoltà, mentre loro tenevano il passo senza problemi.
Verso la fine il mio unico obiettivo è stato difendermi da Lewis: sapevo che sui rettilinei avrebbe fatto fatica a superarmi, quindi mi sono concentrato sull’uscire pulito dalle curve dopo le quali lui avrebbe potuto attaccarmi”.

Leclerc Hamilton GP Giappone 2019
© Colombo Images

Lewis Hamilton: “Improbabile ottenere il titolo in Messico

Voglio innanzitutto congratularmi con il team per questo fantastico risultato, che è davvero meritato. Oggi era importante ottenere punti per la squadra per raggiungere questo traguardo. Io volevo soltanto ottenere il massimo numero di punti possibile. Valtteri e io abbiamo combattuto tutto l’anno, e sarà così fino alla fine della stagione. Ritengo che sia improbabile ottenere il titolo in Messico. Se non sarà su quella pista, sarà sulla prossima, ma il Messico è una traccia su cui andiamo forti”.

GP Giappone 2019: l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 01:21:46.755 52
01:31.862
49
3
25
2 5 Germany Sebastian Vettel
Italy Ferrari 01:22:00.098 52
01:32.621
46
1
18
3 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:22:00.613 52
01:30.983
45
4
16
4 23 United Kingdom Alexander Albon
Austria Red Bull 01:22:46.292 52
01:32.775
36
5
12
5 55 Spain Carlos Sainz Jr
United Kingdom McLaren 01:22:55.856 52
01:33.563
46
7
10
DSQ 3 Australia Daniel Ricciardo
France Renault 01:21:57.458 51
01:33.481
48
16
0
7 16 Monaco Charles Leclerc
Italy Ferrari 01:22:06.731 51
01:31.611
48
2
8
8 10 France Pierre Gasly
Italy Toro Rosso 01:22:09.795 51
01:35.321
43
9
6
RIT 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Racing Point 01:22:10.165 51
01:32.621
46
17
4
DSQ 27 Germany Nico Hulkenberg
France Renault 01:22:10.780 51
01:34.921
47
15
0
11 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Racing Point 01:22:13.400 51
01:34.713
26
12
2
12 26 Russian Federation Daniil Kvyat
Italy Toro Rosso 01:22:17.115 51
01:33.239
47
14
1
13 4 United Kingdom Lando Norris
United Kingdom McLaren 01:22:24.504 51
01:34.116
31
8
0
14 7 Finland Kimi Raikkonen
Switzerland Alfa Romeo Racing 01:22:37.491 51
01:33.190
50
13
0
15 8 France Romain Grosjean
United States Haas 01:22:44.514 51
01:34.988
18
10
0
16 99 Italy Antonio Giovinazzi
Switzerland Alfa Romeo Racing 01:23:03.072 51
01:32.369
51
11
0
17 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:23:05.388 51
01:31.732
49
19
0
18 63 United Kingdom George Russell
United Kingdom Williams 01:21:43.978 50
01:35.458
27
18
0
19 88 Poland Robert Kubica
United Kingdom Williams 01:23:11.838 50
01:36.332
44
20
0
RIT 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 00:22:58.020 14
01:37.249
10
6
0

FACT CHECKING
raisport.rai.it
Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio