2010-2019Formula 1On this day

GP Gran Bretagna 2018: “Qui a casa loro!”

Vettel vince in terra inglese e si lascia andare in un team radio emozionante. Sul podio anche Hamilton e Raikkonen

Grazie ragazzi”: ennesimo team radio entusiasta per Sebastian Vettel, che conquista sul circuito di Silverstone il GP di Gran Bretagna 2018, dopo una gara e, soprattutto, un finale di gara al cardiopalma.

Il team radio con Arrivamene e Vettel

Al via, Vettel che parte dalla seconda posizione si porta subito testa, mentre Raikkonen lotta con Hamilton, partito male: i due vengono a contatto con la Mercedes si gira, mentre il finlandese prosegue in quarta posizione ripassando Ricciardo alla fine del primo giro.
Mentre Vettel inizia a dettare il passo Raikkonen si fa sempre più vicino a Verstappen. Dopo 7 giri, però, la direzione gara decide di assegnare alla Ferrari numero 7 una penalità di 10 secondi per la collisione in curva 3 con Hamilton. Al 13esimo passaggio, entra ai box Raikkonen per cambiare le gomme e scontare la penalità: il finnico rientra in pista al decimo posto, ma guadagna subito posizioni arrivando ben presto a ridosso delle due Red Bull che, per evitare di essere superati, si fermano entrambi ai giri 17 e 18.

gp gran bretagna 2018 partenza
© Ferrari Press Area

Nella stessa tornata anche Charles Leclerc, fino a quel momento il lotta per la settima posizione con la Renault di Hulkenberg, torna ai box per il cambio gomme, ma è costretto immediatamente al ritiro a causa del fissaggio errato di una delle ruote posteriori.

Alla fine del ventesimo giro entra Vettel per il primo cambio gomme: via le soft e su le medium. Esce davanti a Hamilton, come previsto per la strategia. Come è ovvio, gli avversari richiamano Bottas ai box, ma il tedesco riesce a mantenere il comando con lo stesso distacco 4 secondi, prima della sosta.

La classifica vede sempre al comando Vettel, davanti a Bottas e le due Red Bull. Al trentesimo giro c’è il secondo cambio gomme per Ricciardo, che torna in gara sesto, alle spalle di Raikkonen e Hamilton.

La gara si svolge sul filo dei decimi, fino a venti giri dalla fine: Ericsson si pianta nelle barriere alla prima curva ed entra la safety car che cambia fisionomia della gara.

I piloti della Ferrari e Verstappen decidono quindi di rientrare ai box per montare un set nuovo di gomme soft, e così Bottas guadagna la testa della corsa ai danni di Vettel, mentre Hamilton si colloca virtualmente sul gradino più basso del podio, davanti a Verstappen, Raikkonen.

Alla fine del giro 37 si riparte, ma subito c’è un altro incidente: Sainz e Grosjean entrano in collisione stavolta, alla Copse. Si ricomincia da capo con la safety car.

Rimosse le vetture incidentate, e rientrata la Safety Car, Vettel si mette subito all’inseguimento di Bottas, braccato a sua volta da Hamilton, mentre Raikkonen ha la meglio su Verstappen e punta Hamilton.
Al 45esimo giro Vettel passa Bottas e si riprende la leadership con una bella manovra in staccata alla curva Brooklands mentre nel giro successivo arriva il ritiro dell’olandese per un guasto al cambio.

La gara termina quindi con Vettel che vince il suo cinquantunesimo Gran Premio, eguagliando il numero di vittorie ottenute in carriera da Alain Prost, davanti al pilota di casa Hamilton e al compagno di squadra Raikkonen.

Quarto l’altro pilota della Mercedes, Valtteri Bottas entrato in grosse difficoltà durante le ultime battute della gara mancando così il podio.
Unico pilota Red Bull in pista, Daniel Ricciardo che ha chiuso in quinta posizione precedendo Nico Hulkenberg, nona, invece, l’altra Haas di Kevin Magnussen.

In top ten anche Esteban Ocon, mentre l’altra Force India ha chiuso in undicesima posizione; dentro anche Fernando Alonso, che ha conquistato l’ottava posizione, mentre l’ultimo posto dei primi dieci è toccato a Pierre Gasly.

Le parole di Sebastian Vettel

Ogni gara è una gara di squadra, ma qui oggi la vittoria è stata ancora più importante, anche le edizioni degli ultimi anni erano state difficili per noi. Quest’anno abbiamo dimostrato, finora, di essere forti sempre e su ogni pista. La cosa più importante è che la macchina è forte e veloce. I nuovi aggiornamenti che abbiamo portato qui hanno funzionato bene per tutto il weekend. In qualifica siamo stati leggermente più lenti, ma in gara è andata benissimo. Oggi nel primo “stint” ho spinto forse troppo sulle Soft, ma con il secondo treno di gomme avevo tutto sotto controllo. La Safety Car ha reso tutto più elettrizzante, ma anche più difficile. Ad ogni modo, la strategia in tema di pneumatici è stata fantastica e alla fine abbiamo ottenuto una vittoria magnifica, un successo di squadra. Mi è piaciuta questa gara e sono felice per me e il team. Anche la partenza è stata importante ed è andata benissimo. Nel frattempo, è importante continuare a lavorare. Ringrazio tutta la squadra per questa vittoria!

L’ordine di arrivo del gp gran bretagna 2018

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 5 Germany Sebastian Vettel
Italy Ferrari 01:27:29.784 52
01:30.696
47
2
25
2 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:27:32.048 52
01:31.245
52
1
18
3 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 01:27:33.436 52
01:30.795
51
3
15
4 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 01:27:38.667 52
01:31.377
43
4
12
5 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 01:27:39.284 52
01:31.589
46
6
10
6 27 Germany Nico Hulkenberg
France Renault 01:27:58.004 52
01:33.405
48
11
8
7 31 France Esteban Ocon
United Kingdom Force India 01:27:59.714 52
01:33.606
48
10
6
8 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom McLaren 01:28:00.899 52
01:33.482
52
13
4
9 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:28:02.972 52
01:33.604
48
7
2
10 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 01:28:04.492 52
01:33.472
48
12
1
11 2 Belgium Stoffel Vandoorne
United Kingdom McLaren 01:28:05.558 52
01:33.551
48
17
0
12 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Williams 01:28:08.913 52
01:33.465
48
18
0
PEN 10 France Pierre Gasly
Italy Toro Rosso 01:28:08.913 52
01:33.465
48
14
0
14 35 Russian Federation Sergey Sirotkin
United Kingdom Williams 01:28:17.897 52
01:34.620
52
18
0
RIT 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:18:40.679 46
01:32.007
42
5
0
RIT 8 France Romain Grosjean
United States Haas 01:01:57.160 37
01:34.391
28
8
0
RIT 55 Spain Carlos Sainz Jr
France Renault 01:01:57.353 37
01:34.602
25
16
0
RIT 9 Sweden Marcus Ericsson
Switzerland Sauber 00:49:53.800 31
01:33.675
26
15
0
RIT 16 Monaco Charles Leclerc
Switzerland Sauber 00:28:46.875 18
01:35.209
3
9
0
RIT 28 New Zealand Brendon Hartley
Italy Toro Rosso 00:02:54.472 1
00:00.000
0
20
0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, Ciclismo, Pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio