fbpx
1990-1999Formula 1On this day

GP Italia 1999: lacrime amare e lacrime di ghiaccio

Qualche settimana prima del GP d’Italia 1999, le squadre si ritrovano sulla pista brianzola per un’ intensa sessione di test.
Il pubblico affluisce numeroso, la Ferrari porta tre monoposto e una è quella di Schumacher.
Il tedesco, ancora claudicante per l’incidente di qualche mese prima in Inghilterra, è spinto dalla squadra a rientrare e il tedesco vuole provare nei test se è tornato quello di prima.
I giri in pista sono un verdetto inesorabile: il tedesco non riesce a guidare la sua Ferrari e ad ogni salto sui cordoli il dolore alla gamba si ripresenta inesorabile.
A fine test, in una affollata conferenza stampa, Schumacher conferma la sua defezione per il GP d’Italia e la Ferrari, suo malgrado, deve riconfermare Salo per la gara.
Nonostante l’assenza del campione tedesco, il pubblico riempie le tribune e spera di essere il “turbo” della Ferrari lanciata verso il mondiale con Irvine.
Al venerdì a ottenere i migliori tempi sono Ralf Schumacher e Trulli mentre Hakkinen ottiene il quinto posto e le Ferrari, vittime di problemi ottengono il sedicesimo e il diciassettesimo posto. La F399 sembra afflitta da diversi problemi che sfociano in continui controsterzi che causano diversi testacoda.
Oltre ai problemi alla monoposto, la Ferrari si rende conto che Irvine è stranamente nervoso e teso. Al contrario Hakkinen è tranquillo, forte della bontà della sua McLaren e prenota la pole.
Al sabato il finlandese domina le qualifiche e conquista la sesta pole consecutiva precedendo Frentzen e Coulthard.

gp italia 1999 Fretzen
© Motorsport Images/ Twitter

Salo con la Ferrari, modificata nell’assetto chiude sesto mentre Irvine un po’ assente l’ottavo.
Alla partenza la Mclaren in pole parte bene e mantiene la testa davanti ai piloti della Williams, autori di una partenza da manuale. Già nel corso del primo giro Frentzen conquista il secondo posto e Salo il sesto cominciando a rimontare girando su tempi molto competitivi.
In testa alla gara, il campione del mondo pare non avere avversari e ad ogni giro conquista un margine sempre più ampio sui propri inseguitori.
Le Ferrari hanno un ritmo altalenante e solo Salo riesce ad ottimizzarlo tanto che sugli spalti il pubblico pensa che la squadra glia abbia dato la macchina di Irvine.

Altri articoli interessanti
gp italia 1999 hakkinen
© Motorsport Images/ Twitter

Improvvisamente alla prima variante Hakkinen, con un buon margine su Fretzen secondo, sbaglia una scalata andando a finire della via di fuga ritirandosi. Il pilota butta il volante e si sfila i guanti lasciandosi andare a un pianto ripreso in mondovisione che incrinò non poco l’immagine di uomo di ghiaccio che il circus gli aveva attribuito.
Al comando passa Fretzen seguito da Ralf e Salo mentre Irvine, grazie ai pit stop, riesce a conquistare il sesto posto.

Frentzen, un talento mai sbocciato completamente, conquista la sua seconda vittoria in carriera e Irvine, grazie al sesto posto raggiunge Hakkinen in testa alla classifica.
Il Gran premio verrà ricordato per il rifiuto di Schumacher ma anche per la crisi di pianto di Hakkinen che lo pone ai tifosi sotto una luce diversa chissà se migliore.

L’ordine di arrivo del GP d’Italia 1999

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 8 Germany Heinz-Harald Frentzen
Ireland Jordan 01:17:02.923 53
2
10
2 6 Germany Ralf Schumacher
United Kingdom Williams 01:17:06.195 53
5
6
3 3 Finland Mika Salo
Italy Ferrari 01:17:14.855 53
6
4
4 16 Brazil Rubens Barrichello
United Kingdom Stewart 01:17:20.553 53
7
3
5 2 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom McLaren 01:17:21.065 53
3
2
6 4 United Kingdom Eddie Irvine
Italy Ferrari 01:17:30.325 53
8
1
7 5 Italy Alessandro Zanardi
United Kingdom Williams 01:17:30.970 53
4
0
8 22 Canada Jacques Villeneuve
United Kingdom BAR 01:17:44.720 53
11
0
9 11 France Jean Alesi
Switzerland Sauber 01:17:45.121 53
13
0
10 7 United Kingdom Damon Hill
Ireland Jordan 01:17:59.182 53
9
0
11 18 France Olivier Panis
France Prost Engine 52
10
0
RIT 17 United Kingdom Johnny Herbert
United Kingdom Stewart Clutch 40
15
0
RIT 15 Japan Toranosuke Takagi
United Kingdom Arrows Spun off 35
22
0
RIT 14 Spain Pedro de la Rosa
United Kingdom Arrows Withdrew 35
21
0
RIT 1 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren Spun off 30
1
0
RIT 19 Italy Jarno Trulli
France Prost Overheating 29
12
0
RIT 23 Brazil Ricardo Zonta
United Kingdom BAR Wheel bearing 25
18
0
RIT 20 Italy Luca Badoer
Italy Minardi Collision 23
19
0
RIT 10 Austria Alexander Wurz
Italy Benetton Electrical 11
14
0
RIT 12 Brazil Pedro Paulo Diniz
Switzerland Sauber Spun off 1
16
0
RIT 9 Italy Giancarlo Fisichella
Italy Benetton Spun off 1
17
0
RIT 21 Spain Marc Gené
Italy Minardi Collision 0
20
0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio