fbpx
2020-2029Formula 1On this day

GP Monaco 2021: Verstappen, prima vittoria nel Principato

Una domenica ricca di “up and down” emotivi: dalla delusione di Charles all’euforia di Max. Ecco come è andata la gara a Monte Carlo

Max Verstappen ha dominato il GP di Monaco 2021, approfittando dell’assenza di Charles Leclerc dalla gara; l’olandese, scattato dalla seconda posizione, ha superato Valtteri Bottas al via con una partenza fulminante. Da quel momento in poi, ha controllato la gara senza mai essere messo in discussione.
Carlos Sainz ha conquistato il suo primo podio con la Ferrari, chiudendo al secondo posto. Lo spagnolo ha beneficiato dell’incidente di Leclerc, che lo ha costretto al ritiro. Sainz ha superato Lando Norris nel finale di gara. La gara è stata ricca di incidenti e ritiri, tra cui quello di Fernando Alonso. La Safety Car è stata schierata due volte.

gp monaco 2021
© Pirelli Press Area

La qualifica

In modo rocambolesco, sbattendo nella chicane delle piscine, Charles Leclerc ha conquistato la pole position del GP di Monaco, precedendo Verstappen e Bottas. Carlos Sainz ci ha provato ad andareoltre il quarto posto, ma la bandiera rossa non gli ha permesso di concludere un giro, altrimenti molto positivo. Deludente Hamilton solo settimo.

Q1: TUTTI GIÀ AL LIMITE, BENE LE ALFA, MALE ALONSO

Si sa, in un cittadino come Montecarlo dove le barriere sono vicine e anche un semplice traverso si paga con un botto, è fondamentale la confidenza. Per cui al semaforo verde del Q1 tutti in pista per iniziare a girare. Già dopo i primi giri, si accende la lotta Ferrari-Red Bull, con Mercedes e McLaren.

La sensazione è che la pista sia soggetto ad un miglioramento impressionante e il tempismo con cui si fa il giro è fondamentale. Al termine di una prima sessione tesissima sono stati eliminati: Tsunoda, Alonso, delusione di giornata, Latifi, Mazepin e Schumacher che non ha proprio preso parte alla qualifica dopo aver sbattuto in Q3.

Q2: A SORPRESA FUORI RICCIARDO, STREPITOSO GIOVINAZZI

In Q2 sono Verstappen e Leclerc i primi a scendere in pista per affinare il giro e prepararsi al Q3. Anche la seconda sessione di qualifica è estremamente combattuta. La lotta per entrare in Q3 è serratissima, cosi come quella tra Verstappen e le Ferrari per la prima posizione.

Alla fine anche il Q2 ne riserva di sorprese. Mentre Stroll e Ricciardo vengono clamorosamente eliminati, insieme a Raikkonen, Stroll e Russell. Molto positivo Antonio Giovinazzi che trova il giro perfetto ed entra in Q3.

Q3: FINALE A SORPRESA E LECLERC IN POLE

Il Q3 conferma l’efficienza delle Ferrari, mentre evidenzia le difficoltà della Mercedes e soprattutto Lewis Hamilton. Dopo dodici minuti di pura adrenalina Charles Leclerc conquista in modo clamoroso la pole position, andando a sbattere all’uscita delle piscine e causando una bandiera rossa.

Al netto dell’incidente felicissimo il monegasco che avrà una chance coolossale in gara. Delusi Sainz e Verstappen che si stavano migliorando e che invece sono stati costretti ad alzare il piede a causa della bandiera rossa.

Bravo Bottas, terzo nettamente davanti ad Hamilton solo settimo. Ottimo lavoro anche di Norris, quinto e di Vettel, ottavo. Per la Ferrari ora occhio al cambio di Leclerc: l’urto contro le barriere è stato pesante e il rischio che possa essere sostituito non è da escludere. In tal caso saranno cinque posizioni.

La griglia di partenza

Pos No Pilota Team Tempo Giri
1 16 Monaco Charles Leclerc
Italy Ferrari 01:10.346 27
2 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:10.576 23
3 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 01:10.601 28
4 55 Spain Carlos Sainz Jr
Italy Ferrari 01:10.611 25
5 4 United Kingdom Lando Norris
United Kingdom McLaren 01:10.620 23
6 10 France Pierre Gasly
Italy AlphaTauri 01:10.900 30
7 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:11.095 30
8 5 Germany Sebastian Vettel
United Kingdom Aston Martin 01:11.419 26
9 11 Mexico Sergio Pérez
Austria Red Bull 01:11.573 26
10 99 Italy Antonio Giovinazzi
Switzerland Alfa Romeo Racing 01:11.779 28
11 31 France Esteban Ocon
France Alpine F1 Team 01:11.486 22
12 3 Australia Daniel Ricciardo
United Kingdom McLaren 01:11.598 21
13 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Aston Martin 01:11.600 20
14 7 Finland Kimi Raikkonen
Switzerland Alfa Romeo Racing 01:11.642 21
15 63 United Kingdom George Russell
United Kingdom Williams 01:11.830 24
16 22 Japan Yuki Tsunoda
Italy AlphaTauri 01:12.096 13
17 14 Spain Fernando Alonso
France Alpine F1 Team 01:12.205 12
18 6 Canada Nicholas Latifi
United Kingdom Williams 01:12.366 14
19 9 Russian Federation Nikita Mazepin
United States Haas 01:12.958 12
DNP 47 Germany Mick Schumacher
United States Haas 00:00.000 0
gp monaco 2021 charles leclerc qualifica
© Ferrari Press Area

LA GARA

La qualifica (col botto) ha fatto tornare a sognare i tifosi della Rossa. Con Charles Leclerc capace di agguantare la Pole Position nella sua Monaco, contrassegnata da un bacio neanche troppo velato contro le barriere alle Piscine e che gli costerà poi caro. Ed infatti a poco prima dell’inizio della gara arriva la doccia fredda: i problemi (non risolvibili) nel giro out che non hanno nemmeno permesso a Leclerc di partire. Verstappen così vince e si impone, senza mai alcuna profonda preoccupazione.

gp monaco 2021 partenza
© Pirelli Press Area

PRELUDIO

Dalle prove del giovedì, passando per la qualifica del sabato, fino alla gara. Un weekend in cui la Ferrari è stata capace di rendersi protagonista, accanto alle solite Red Bull e Mercedes. O meglio: accanto a Max Verstappen e a Valtteri Bottas, mentre Hamilton è parso meno a suo agio alla guida della W12 tra le vie del Principato non riuscendo a essere il solito Lewis.

La partenza dalla prima casella della griglia era stata assicurata dalla Scuderia, che con un comunicato via social, aveva confermato la non necessità di sostituire la scatola del cambio. Così la Race sembrava prendere il via con Leclerc e Verstappen in prima fila. Sembrava, appunto. Al primissimo outlap i fantasmi si sono palesati con il Poleman che non ha potuto poi neanche prendere parte alla gara.

START

I piloti si sono quindi disposti lasciando vuoto il riquadro dedicato al Polesitter. Una situazione che aveva messo nelle migliori condizioni sia l’olandese che il finlandese nel loro confronto con il sette volte campione del mondo – che invece partiva solo in settima (in realtà sesto). Un’occasione però per l’altra Ferrari, quella di Carlos Sainz, per raggiungere il primo podio con la Rossa a Monaco.

Allo Start Verstappen si è rivelato bravo, furbo e aggressivo nel chiudere immediatamente lo spazio a Bottas; mentre dietro alcuni sono riusciti a guadagnare posizioni: come Schumacher su Mazepin, e Stroll e Raikkonen su Ricciardo. Le strategie a Monaco non possono chissà quanto variare, e così ecco il consueto “trenino”.

Se poi a Monte Carlo non pensavamo di sentir parlare di track limits, ebbene siamo stati smentiti. Poco dopo 21 giri sia Mazepin che Norris erano stati già avvisati di una bandiera bianco/nera sulla loro testa per non aver rispettato più volte i confini in curva 10. Così anche Schumacher avvisato di questo al 41° giro, e Tsunoda al 77°.

CAOS MERCEDES

Al 30° Hamilton ha aperto il gioco dei pit stop, inaugurando la solita danza. Poi con Bottas ecco il colpo di scena! Il ritiro inaspettato del finlandese causato dal fatto che, durante la sosta, la crew non è riuscita clamorosamente a togliere l’anteriore destra usurata. La gara (in sette giri) si è improvvisamente accesa: tra gli errori strategici della Mercedes capace anche di far perdere al suo pilota di punta una posizione e l’ottimo lavoro di Red Bull, Aston Martin e AlphaTauri.

Con Ferrari che invece con Sainz ha fatto il suo, e allo stesso modo Mclaren con Norris. Allo spagnolo va il merito di essere stato in grado (per la maggior parte del GP) di tenere il passo della RB16B leader. Una curiosità è data dal numero di doppiati – tutti i piloti dall’ottava posizione (occupata da Stroll) sono stati doppiati – e dall’investigazione sull’Aston Martin del canadese per non essersi mantenuto la destra all’uscita dai box (poi senza conseguenze).

GP MONACO 2021, VINCITORI E VINTI

Una Monaco che ha visto vittorioso non solo Max Verstappen, ma tutta la Red Bull che è stata in grado di mettere Perez nella condizione di insidiare la terza posizione della McLaren dell’inglese, senza riuscire però nel sorpasso. Una gara dolce/amara invece per quelli di Maranello. Delusi per le sorti del monegasco ma entusiasti per Sainz (2°), in grado di conquistare il suo primo podio nel Principato (e, più in generale, il suo primo podio con il Cavallino). Vincitore anche il team di Lawrance Stroll visti i risultati portati a casa da Vettel (5°) e Stroll (8°).

Tra chi è andato bene questo fine settimana c’é l’Alfa Romeo – Giovinazzi (10°) e Raikkonen (11°); e a suo modo anche la Williams – Russell (14°) e Latifi (15°). Delusione per Ricciardo che chiude addirittura doppiato dal suo compagno di squadra in dodicesima posizione, e per Alonso (anch’esso lontano da Ocon).

Vinta è sicuramente la Mercedes, che dopo diverso tempo, a Monte Carlo è protagonista di una débâcle. Il punto addizionale del Fast Lap conquistato da Hamilton (finito 7°) è solo una piccolissima toppa in un weekend poco convincente già dal giovedì. Mentre Verstappen e Red Bull si prendono, per la prima volta, la leadership sia nella classifica piloti che in quella costruttori.

gp monaco 2021 podio
© Gonzalo Fuentes/Red Bull Content Pool

Max Verstappen: “Vincere qui è motivo di orgoglio

“È davvero speciale vincere il Gran Premio di Monaco. E’ persino anche la mia prima vittoria qui ed è stata una bellissima gara. Ci sono parecchi giri da fare su questo circuito, quindi è sempre difficile mantenere una concentrazione costante per tutta la durata della gara, ma è stata una vera figata. Un po’ di preoccupazione c’è sempre, anche quando sembra che fili tutto liscio. Non si può mai sapere cosa accadrà durante la gara e si deve essere maniacali in ogni cosa, specialmente qui. Inoltre si devono gestire le mescole e trovare anche il momento giusto per effettuare il pit stop. Credo però di essere riuscito a tenere tutto sotto controllo. Ricordo che da piccolo guardavo questa gara con grande ammirazione. E’ innegabile il fascino che la sua storia emana. Essere qui e vincere è infatti motivo di orgoglio, però voglio già guardare avanti, in quanto la stagione è davvero lunga.”

gp monaco 2021 max verstappen
© Mark Thompson/Red Bull Content Pool

Carlos Sainz: “Dobbiamo essere fieri dei progressi fatti”

“È un bel risultato. Se mi avessero detto prima di venire a Monaco che avrei ottenuto il secondo posto avrei accettato subito. Nonostante tutte le circostanze verificatesi nel weekend: la pole di Charles e la mia frustrazione per non aver potuto completare l’ultimo giro che era buono, quando ripenserò a questo weekend sarò comunque felice e fiero di quello che abbiamo fatto. Penso che la Ferrari debba essere fiera dei progressi fatti quest’anno. Quando vedi che l’altra vettura non può partire ed era in pole, sicuramente senti di avere più responsabilità. Ciò perché tutto il weekend è sulle tue spalle, e inoltre vuoi regalare almeno un podio al team. Dovevo azzeccare la partenza, gestire il traffico ed effettuare nel momento giusto il pit stop. Nonostante i problemi avuti da Valtteri, io mi sentivo comunque a mio agio con la monoposto oggi. Sicuramente il team meritava questo podio. Onestamente oggi sono più contento di ieri. Ieri è stata una giornata durissima per me. Essere partito dalla quarta posizione ed essere arrivato secondo a Monaco rende la giornata bella per me come pilota. Nel complesso però sono consapevole che non sia una bella giornata per il team, per ciò che è accaduto a Charles. Penso che la squadra questo weekend meritava una vittoria e penso che oggi Charles avrebbe potuto vincere. Mi sento giù per lui e per la Ferrari, ma spero di averli resi felici con il secondo posto ottenuto. Dobbiamo essere fieri dei passi in avanti e dei progressi fatti, ma penso che lottare per la vittoria non ci succederà più quest’anno. Pensandoci bene forse a Singapore avremo una chance, ma in generale non si presenteranno altri weekend così. Nel caso in cui si presentino, spero che riusciremo a sfruttarli al massimo vincendo.”

gp monaco 2021 carlos sainz
© Ferrari Press Area

Lando Norris: “Non pensavo che sarei salito sul podio

“Non so cosa dire, non pensavo che sarei salito sul podio oggi. Devo ringraziare questi ragazzi. È sempre un sogno poter salire sul podio qui. E’ qualcosa di speciale, non pensavo che sarebbe accaduto. Un pochino di fortuna, ma devo dire che ho anche guidato abbastanza bene e ho avuto una buona macchina per tutto il weekend. E’ stato un weekend molto forte. Il podio qui è qualcosa di speciale, voglio godermi questo momento. Un trofeo bellissimo, non vedo l’ora di potermi godere il podio.”

gp monaco 2021 lando norris
© Pirelli Press Area

GP Monaco 2021: la classifica finale

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:38:56.820 78
01:14.649
58
2
25
2 55 Spain Carlos Sainz Jr
Italy Ferrari 01:39:05.788 78
01:14.621
35
4
18
3 4 United Kingdom Lando Norris
United Kingdom McLaren 01:39:16.247 78
01:14.670
76
5
15
4 11 Mexico Sergio Pérez
Austria Red Bull 01:39:17.310 78
01:14.552
32
9
12
5 5 Germany Sebastian Vettel
United Kingdom Aston Martin 01:39:49.411 78
01:15.316
33
8
10
6 10 France Pierre Gasly
Italy AlphaTauri 01:39:50.716 78
01:15.412
71
6
8
7 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:40:05.051 78
01:12.909
69
7
7
8 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Aston Martin 01:39:01.997 78
01:14.674
74
13
4
9 31 France Esteban Ocon
France Alpine F1 Team 01:39:38.906 77
01:15.316
41
11
2
10 99 Italy Antonio Giovinazzi
Switzerland Alfa Romeo Racing 01:39:39.322 77
01:15.331
41
10
1
11 7 Finland Kimi Raikkonen
Switzerland Alfa Romeo Racing 01:39:40.674 77
01:14.971
55
14
0
12 3 Australia Daniel Ricciardo
United Kingdom McLaren 01:39:42.824 77
01:14.578
43
12
0
13 14 Spain Fernando Alonso
France Alpine F1 Team 01:39:43.312 77
01:15.026
70
17
0
14 63 United Kingdom George Russell
United Kingdom Williams 01:40:08.621 77
01:15.539
59
15
0
15 6 Canada Nicholas Latifi
United Kingdom Williams 01:40:09.705 77
01:16.866
64
18
0
16 22 Japan Yuki Tsunoda
Italy AlphaTauri 01:40:10.464 77
01:14.037
66
16
0
17 9 Russian Federation Nikita Mazepin
United States Haas 01:39:34.863 75
01:16.866
64
19
0
18 47 Germany Mick Schumacher
United States Haas 01:39:36.319 75
01:16.425
51
20
0
RIT 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 00:37:06.997 29
01:15.706
18
3
0
DNP 16 Monaco Charles Leclerc
Italy Ferrari 00:00:00.000 0
00:00.000
0
1
0

 

Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio