fbpx
2020-2029Formula 1On this day

GP Monaco 2023: Verstappen è principe anche sotto la pioggia

Una gara “regolare” si trasforma in un attimo in un caos per via della pioggia che è cominciata a scendere. Ciò però non ha per nulla indispettito l’olandese, capace di vincere in tutte le condizioni

Neanche la pioggia ferma Max Verstappen dal vincere il GP di Monaco 2023, chiudono il podio Fernando Alonso ed Esteban Ocon.

La qualifica del GP di Monaco 2023

La pole position, oggi, non era affatto scontata: ma Max Verstappen l’ha spuntata ancora una volta, dopo una lotta all’ultimo millesimo nelle qualifiche del GP Monaco.

Q1: UNA RED BULL FUORI DAI GIOCHI

La prima sessione di qualifica è una battaglia all’ultimo secondo. Battaglia da cui Sergio Perez è costretto a ritirarsi anzitempo. Il pilota, infatti, perde la monoposto in sovrasterzo alla Santa Devota,
Il miglior tempo del Q1 viene registrato da Max Verstappen in 1’12″386, a cui seguono dei sorprendenti Yuki Tsunoda e Alexander Albon. Carlos Sainz, fino alla fine a rischio a causa del secondo tentativo abortito, riesce ad assicurarsi il quarto tempo. Alle sue spalle, l’Aston Martin di Stroll e le due Mercedes, tra cui quella di Hamilton in settima posizione, in grande difficoltà. Chiudono la top 10 la McLaren di Norris, l’Asto Martin di Alonso e la Ferrari di Leclerc. Gli eliminati sono, dal basso: Sergio Perez, Zhou Guanyu, Nico Hulkenberg, Kevin Magnussen e Logan Sargeant.

Q2: I PILOTI SFIORANO I MURETTI DEL PRINCIPATO

La tensione è alle stelle: sono diversi i piloti che sfiorano i muretti fra le curve di Montecarlo, pur di ottenere la miglior prestazione. La Red Bull è, senza dubbio, la monoposto meno nervosa sul circuito del Principato. È di nuovo di Verstappen il tempo più veloce, questa volta in 1’11″908. Lo seguono a quasi due decimi di distanza Leclerc e Alonso. Gli esclusi, invece, sono Valtteri Bottas, Lance Stroll, Alexander Albon, Nick De Vries e Oscar Piastri. Qualifiche difficili per il canadese dell’Aston Martin. Dopo aver saltato la pesa della monoposto al termine del Q1, i suoi meccanici hanno spinto la vettura per riportarla alla bilancia, perdendo tempo prezioso per la qualifica. Nonostante ciò, Stroll viene messo sotto investigazione. Danni al braccetto per Norris, che va a sbattere contro il muro. Il pilota McLaren riesce comunque a qualificarsi per il Q3.

Q3: MAX VERSTAPPEN DOMINA LE QUALIFICHE DEL GP DI MONACO

La pole position provvisoria è di Fernando Alonso in 1:11.706. Lo seguono, racchiusi in 53 millesimi, i due piloti Ferrari, con Sainz al comando. Nel frattempo i meccanici della McLaren, con un lavoro velocissimo, riescono a rimandare in pista Norris. La battaglia per la pole position si fa serratissima: ci prova prima Ocon, in 1’11″706. Lo supera Leclerc, per soli ottantadue millesimi. Alonso sembrava poi essersi assicurato la pole position, anche qui per soli ventidue millesimi sul monegasco. Ma alla fine è sempre lui, Max Verstappen, il migliore della griglia. Con un ultimo settore micidiale, sfiorando i muretti per ben due volte, il due volte campione del mondo conquista la sua prima pole position a Monaco, con un crono di 1’11″365.

gp monaco 2023 qualifiche_verstappen
© Mark Thompson/Red Bull Content Pool

La griglia di partenza del GP di Monaco 2023

Pos No Pilota Team Tempo Giri
1 1 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:11.365 30
2 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom Aston Martin 01:11.449 25
3 16 Monaco Charles Leclerc
Italy Ferrari 01:11.471 26
4 31 France Esteban Ocon
France Alpine F1 Team 01:11.553 26
5 55 Spain Carlos Sainz Jr
Italy Ferrari 01:11.630 30
6 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:11.725 30
7 10 France Pierre Gasly
France Alpine F1 Team 01:11.933 25
8 63 United Kingdom George Russell
Germany Mercedes 01:11.964 29
9 22 Japan Yuki Tsunoda
Italy AlphaTauri 01:12.082 29
10 4 United Kingdom Lando Norris
United Kingdom McLaren 01:12.254 23
11 81 Australia Oscar Piastri
United Kingdom McLaren 01:12.395 22
12 21 Netherlands Nyck De Vries
Italy AlphaTauri 01:12.428 20
13 23 United Kingdom Alexander Albon
United Kingdom Williams 01:12.527 19
14 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Aston Martin 01:12.623 19
15 77 Finland Valtteri Bottas
Italy Alfa Romeo 01:12.625 21
16 2 United States Logan Sargeant
United Kingdom Williams 01:13.113 13
17 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:13.270 9
18 27 Germany Nico Hulkenberg
United States Haas 01:13.279 8
19 24 China Zhou Guanyu
Italy Alfa Romeo 01:13.523 13
20 11 Mexico Sergio Pérez
Austria Red Bull 01:13.850 4

LA GARA

Più che la maledizione del Principato, su Leclerc si ci abbatte quella della Ferrari. La Rossa inanella un filotto di errori da anni. Ed anche in questo GP di Monaco 2023 non si è smentita condannando il suo pilota a una penalità di tre posizione che lo ha di fatto retrocesso alla sesta casella nella griglia di partenza. Mentre gli avversari non sbagliano un colpo e continuano a fare del loro meglio. Nella giornata di sabato non potevano fare di più né Verstappen, autore di giro stratosferico che gli ha fatto guadagnare la prima pole a Monaco, né Alonso, partito dalla prima fila.

In partenza c’è stata una certa variabilità fra chi aveva scelto gomme dure e medie, con la sola eccezione di Zhou in diciannovesima con la più morbida. Spenti i semafori, le vetture sono sviate senza grandi problemi; se non per uno Stroll alle prese con una foratura (a seguito di un contatto con Hülkenberg, da cui il tedesco è uscito poi penalizzato di cinque secondi) che lo ha costretto a entrare immediatamente ai box. Per altri la scelta di fermarsi subito è stata poi anche una mossa strategica. Come è stato per Perez, che ha montato una hard smarcando subito il cambio.

IL VIVO DELL’AZIONE

L’inizio della corsa è stata piuttosto regolare fino a che intorno all’undicesimo Sainz è arrivato a ridosso di Ocon mal valutando la sua tanta velocità. Tant’è che poi all’uscita dal tunnel lo spagnolo si è scontrato (lievemente) con il retrotreno dell’Alpine uscendone con l’ala anteriore danneggiata. Motivo questo per cui al madrileno poco dopo gli è stata segnalata la bandiera bianco e nera da parte della Direzione Gara.

Al trentaduesimo giro Hamilton ha dato il via alla danza dei pit stop per tutti coloro che si trovavano davanti. È stato poi il turno di Ocon, ma non dalle due Ferrari che hanno deciso di aspettare un paio di tornate in più per chiamare dentro il pilota madrileno. Nel frattempo la strategia del messicano di non fermarsi più era andata a monte a casa della rottura della sua ala per via di un contatto avuto con una Haas.

GP Monaco 2023 Max Verstappen-Gara
© Ryan Pierse/Red Bull Content Pool

L’ARRIVO DELLA PIOGGIA

Leclerc si è fermato solo alla quarantasettesima tornata. Mentre Verstappen, Alonso e Russell hanno dovuto aspettare ancora– in quel momento rispettivamente in prima, seconda e terza posizione. La tanta attesa pioggia di cui si era parlato fino a quel momento è arrivata al cinquantaduesimo creando scompiglio in pista. In questo frangente c’è stato un errore in casa Aston Martin nel richiamare all’inizio il due volte campione del mondo per montare una media nuova, cosa che lo ha obbligato a rientrare per un’intermedia dopo appena un giro.

Quando tutti hanno cominciato a montare gomma intermedia, la Ferrari ha dato nuovamente prova di poca lucidità nei momenti in cui c’è da affrontare una variabile imprevista (non che la SF23 abbia mostrato chissà quali performance). Con la tanta pioggia si sono cominciate a vedere tante bandiere gialle per via dei diversi lunghi. Fra questi c’è da segnalare quello di Russell, a cui per il mancato rientro in pista in sicurezza sono stati combinati cinque secondi.

Il caos generato dalla pioggia ha cominciato ad attenuarsi dopo una decina di minuti, e la gara ha ripreso il suo ritmo regolare. Alla fine Verstappen e la sua Red Bull hanno dimostrato (se ce ne fosse stato il bisogno) le loro qualità in tutte le condizioni vincendo alla grandissima. Alonso secondo e Ocon terzo chiudono il podio del GP di Monaco. Parentesi Ferrari (quinta forza) con Leclerc sesto e Sainz ottavo.

Max Verstappen: “Gara fantastica ma complicata da gestire

“Abbiamo allungato il nostro primo stint con gomma media perché sapevamo dell’arrivo della pioggia. La gestione non è stata affatto semplice. All’arrivo della pioggia non ci aspettavamo quella intensità, è stato difficile guidare. Ho toccato i muri un paio di volte.Vincere qui è super bello soprattutto nel modo in cui l’abbiamo fatto oggi. È stato davvero fantastico.”

GP Monaco 2023 max Verstappen
© Red Bull Content Pool

Fernando Alonso: “Ci abbiamo provato

“Abbiamo optato per una strategia differente rispetto a quella adottata da Max, scegliendo di iniziare la gara con le mescole dure. Così facendo abbiamo accantonato la possibilità di poterlo superare alla partenza, dato che il rettilineo fino alla curva 1 era breve. Uno stint lungo per tentare il colpaccio, con la speranza che una Safety Car potesse mescolare le carte. Onestamente sono rimasto sorpreso dall’assenza di Safety, stavolta. Ci abbiamo provato, ma oggi non siamo stati abbastanza veloci. Non abbiamo avuto il ritmo che ci aspettavamo. Inoltre l’arrivo della pioggia ha complicato il tutto, perché si doveva frenare al limite. Ho avuto un bloccaggio in curva 5 e anche un minimo errore poteva porre fine all’opportunità di salire nuovamente sul podio. Sono comunque felice di questo secondo posto, perché è stata una gara molto difficile da gestire. Non siamo i favoriti e i più veloci con Aston, ma non lo eravamo neanche nel 2010 con Ferrari e abbiamo raggiunto Abu Dhabi da leader del Mondiale. Non siamo stati i più veloci nel 2012, eppure siamo arrivati ​​in Brasile con delle opzioni. Questa è la strada che seguiremo, non penseremo troppo al Mondiale, ma neanche l’accantoneremo. Bastano un paio di ritiri di Max o altro, come quello che è successo a Perez qui, per aprire nuovi scenari. Perciò saremo il più costanti possibile, per non commettere errori e per ottenere il miglior risultato possibile.”

GP Monaco 2023 fernando Alonso
© Aston Martin Press Area

Esteban Ocon: “Bello tornare sul podio

“Ce l’abbiamo fatta. È stato un weekend super per tutto il team. Dal primo giorno al simulatore, e in tutte le sessioni abbiamo migliorato la vettura. Ringrazio il team. Non abbiamo fatto nessun piccolo errore in tutto il weekend, nemmeno quando abbiamo messo le Intermedie. Abbiamo fatto un bel giro perfetto. È davvero bello tornare sul podio. E spero che sia il primo di tanti; ieri ho avuto qualche contatto con il muro. Oggi, non è stato necessario. È una delle lezioni che abbiamo appreso.”

gp monaco 2023 ocon bello tornare sul podio
© Alpine Press Area

GP Monaco 2023: la classifica finale

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 1 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:48:51.980 78
01:16.604
23
1
25
2 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom Aston Martin 01:49:19.901 78
01:16.674
43
2
18
3 31 France Esteban Ocon
France Alpine F1 Team 01:49:28.970 78
01:16.528
41
3
15
4 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:49:31.042 78
01:15.650
33
5
13
5 63 United Kingdom George Russell
Germany Mercedes 01:49:48.264 78
01:16.798
48
8
10
6 16 Monaco Charles Leclerc
Italy Ferrari 01:49:53.870 78
01:15.773
46
6
8
7 10 France Pierre Gasly
France Alpine F1 Team 01:49:54.342 78
01:15.831
49
7
6
8 55 Spain Carlos Sainz Jr
Italy Ferrari 01:49:55.371 78
01:16.449
43
4
4
9 4 United Kingdom Lando Norris
United Kingdom McLaren 01:48:56.041 77
01:17.844
46
10
2
10 81 Australia Oscar Piastri
United Kingdom McLaren 01:49:05.939 77
01:17.513
47
11
1
11 77 Finland Valtteri Bottas
Italy Alfa Romeo 01:49:20.943 77
01:17.824
19
15
0
12 21 Netherlands Nyck De Vries
Italy AlphaTauri 01:49:49.297 77
01:17.561
43
12
0
13 24 China Zhou Guanyu
Italy Alfa Romeo 01:50:03.832 77
01:16.926
5
19
0
14 23 United Kingdom Alexander Albon
United Kingdom Williams 01:50:11.190 77
01:16.672
24
13
0
15 22 Japan Yuki Tsunoda
Italy AlphaTauri 01:48:59.525 76
01:17.680
36
9
0
16 11 Mexico Sergio Pérez
Austria Red Bull 01:49:41.004 76
01:16.269
5
20
0
17 27 Germany Nico Hulkenberg
United States Haas 01:49:50.486 76
01:16.991
6
18
0
18 2 United States Logan Sargeant
United Kingdom Williams 01:50:09.963 76
01:17.302
32
16
0
RIT 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:42:36.799 70
01:18.351
41
17
0
RIT 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Aston Martin 01:11:21.471 55
01:17.769
18
14
0

 

Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio