fbpx
2010-2019Formula 1On this day

GP Singapore 2018: Hamilton re di Singapore, disastro Ferrari

Gara perfetta di Lewis Hamilton che conquista Singapore. Strategia sbagliata per la Ferrari con Vettel e ora il campionato si allontana.

Lewis Hamilton vince il GP di Singapore 2018 seguito da Max Verstappen e Sebastian Vettel. Il pilota inglese ha gestito la gara come voleva e il team tedesco ha azzeccato la strategia. La Ferrari, invece, tenta l’undercut su Hamilton, ma vengono sorpresi anche da Verstappen.

Partenza scoppiettante con Ocon a muro

Partenza abbastanza tranquilla nelle prime file. Vettel supera Verstappen, salendo in seconda posizione, al primo giro e si mette subito all’attacco di Hamilton. Sempre al via Ocon viene sbattuto al muro da Perez e così deve entrare la safety car.

Altri articoli interessanti

Strategia folle della Ferrari

Dopo la ripartenza non è cambiato molto e tutti i piloti cercano di gestire al meglio le gomme Hypersoft. Il primo team che anticipa la sosta è la Ferrari con Vettel che cercano di fare l’undercut su Hamilton con l’ultrasoft. 

gp singapore 2018 Sebastian Vettel
© Ferrari Press Area

La strategia però non da i frutti sperati, infatti il pilota Ferrari perde la posizione sia su Hamilton che su Verstappen che approfitta dei giri lenti di Vettel con gomma ultrasoft nuova. In seguito il team di Maranello cambia strategia con Raikkonen e monta la soft che poi risulterà la gomma da gara.

Ottima strategia di Red Bull e Mercedes

Il team Mercedes dopo che è entrato ai box Vettel fa rientrare subito Hamilton per mettergli gomma soft. Stessa strategia viene fatta da Red Bull con Verstappen che gli ha valso la seconda posizione in gara.

gp singapore 2018 Max Verstappen
© Red Bull Press Area

Pazzia di Perez

Oggi il premio follia deve essere dato quest’oggi a Sergio Perez. Il pilota messicano prende il compagno di squadra Ocon e lo butta contro il muro al primo giro. La pazzia del messicano non finisce qui, perché al 35esimo giro colpisce Sirtokin perché è frustrato. Alla fine la race direction ha dovuto dargli un drive through.

Dopo i pit stop poco è cambiato, perché tutti i piloti hanno cercato di gestire la gomma e benzina. Soltanto Daniel Ricciardo, con gomma ultrasoft  ha cercato di superare Raikkonen e Bottas ma non ci è riuscito.

Classifica finale

Alla fine vince Lewis Hamilton dominando, secondo Max Verstappen e Sebastian Vettel molto anonimo oggi. Quarta posizione per Valtteri Bottas che ha tenuto dietro con difficoltà Raikkonen e Ricciardo.

Settima posizione per un grande Fernando Alonso che si prende una bella soddisfazione qui a Singapore. Ottava posizione per Carlos Sainz che partiva dalle retrovie e ha fatto una bella rimonta. Nona posizione per Charles Leclerc che con una grande strategia di squadra rientra in zona punti dal gran premio d’Austria. Chiude la top ten Nico Hulkenberg.

Fuori dalla zona punti le due Haas che hanno faticato tantissimo per tutto il weekend.

gp singapore 2018
© Mercedes Press Area

Campionato in salita per Vettel

Sebastian Vettel si trova dopo il gran premio di Singapore a 40 punti da Lewis Hamilton, dopo un gran premio che doveva essere favorevole a lui e alla Ferrari stessa. Strategie sbagliate in qualifica e in gare e un clima non sereno sono i fattori che hanno causato questa disfatta e il trionfo della Mercedes. Ora si fa veramente dura per il pilota tedesco a sei gare dalla fine.

Sebastian Vettel : “Oggi la Ferrari non era veloce”

“Nel complesso oggi non eravamo abbastanza veloci, non avevamo il passo gara. Credo anche che abbiamo cercato di essere aggressivi all’inizio della gara ma poi le cose non hanno funzionato. Dopo di che ho fatto una gara diversa rispetto agli altri, con delle gomme diverse. Non ero molto convinto che sarei arrivato alla fine, però tornare ai box non era un’opzione perché avrei perso troppo tempo. Quindi ci siamo concentrati nel riuscire a portare la macchina al traguardo. Chiaramente perdere punti non aiuta però oggi per il modo in cui abbiamo gareggiato non c’era opportunità. Forse non eravamo neanche abbastanza veloci. Questo era un weekend nel quale potevamo solo battere noi stessi. Non abbiamo estratto il massimo dal nostro pacchetto.”

L’ordine di arrivo del GP di Singapore 2018

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:51:11.611 61
01:42.913
56
1
25
2 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 01:51:20.572 61
01:43.345
54
2
18
3 5 Germany Sebastian Vettel
Italy Ferrari 01:51:51.556 61
01:44.669
48
3
15
4 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 01:52:03.541 61
01:44.720
42
4
12
5 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 01:52:04.612 61
01:44.715
46
5
10
6 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 01:52:05.593 61
01:43.120
59
6
8
7 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom McLaren 01:52:54.622 61
01:43.164
57
11
6
8 55 Spain Carlos Sainz Jr
France Renault 01:51:33.079 60
01:45.211
50
12
4
9 16 Monaco Charles Leclerc
Switzerland Sauber 01:51:47.328 60
01:45.203
57
13
2
10 27 Germany Nico Hulkenberg
France Renault 01:52:01.055 60
01:46.093
53
10
1
11 9 Sweden Marcus Ericsson
Switzerland Sauber 01:52:14.828 60
01:45.169
50
14
0
12 2 Belgium Stoffel Vandoorne
United Kingdom McLaren 01:52:15.609 60
01:45.555
50
18
0
13 10 France Pierre Gasly
Italy Toro Rosso 01:52:24.251 60
01:46.063
56
15
0
14 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Williams 01:52:27.254 60
01:46.033
53
20
0
15 8 France Romain Grosjean
United States Haas 01:52:27.257 60
01:45.904
57
8
0
16 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 01:52:49.091 60
01:45.389
48
7
0
17 28 New Zealand Brendon Hartley
Italy Toro Rosso 01:53:03.752 60
01:44.889
38
17
0
18 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:51:28.990 59
01:41.905
50
16
0
19 35 Russian Federation Sergey Sirotkin
United Kingdom Williams 01:52:30.741 59
01:45.902
48
19
0
RIT 31 France Esteban Ocon
United Kingdom Force India 00:00:00.000 0
00:00.000
0
9
0

Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio