fbpx
1980-1989Formula 1On this day

GP Sudafrica 1985: un ruggito nel buio

Il Sudafrica, nel 1985 ospitò un Gran Premio controverso. La piaga del appartheid aveva reso il florido stato Africano inviso al mondo, sentimento acuito dalla detenzione ingiusta di Mandela, detenzione che scatenò le proteste contro il regime africano.Le squadre erano combattute se partecipare o meno, Renault e Ligier, in linea con la politica dell’Eliseo, decisero di non prendere parte alla manifestazione e sino all’ultimo Alfa e Osella furono in dubbio  se essere presenti.
In Francia scoppiò lo scandalo Prost, l pilota transalpino decise, nonostante gli inviti a non farlo da parte della presidenza della repubblica, di partecipare all’evento, attirandosi le critiche di sportivi e politici. Qualche mese dopo il transalpino verrà confortato dal Papa che, nel corso di un udienza privata, rimarcò come Sport e Politica dovessero mantenersi separati il più possibile. Si mosse anche Enzo Ferrari in persona.

Il Drake rilasciò una dichiarazione secondo la quale, se la McLaren avesse rifiutato di partecipare al gran premio, anche la Ferrari si sarebbe astenuta, questo per evitare ogni vantaggio dall’assenza dell’avversario nella corsa alla conquista del titolo costruttori. Che nostalgia per questi personaggi e per quella formula uno.La rai, in linea con le proteste, decise di non trasmettere il gran premio lasciando la diffusione della gara a Telemontecarlo.

In un atmosfera surreale Mansell conquistò la pole davanti a Piquet e al teammate Rosberg.In grave difficoltà furono le Ferrari, l’altura del circuito, influì negativamente sui propulsori italiani provocando rotture a ripetizione. Alla fine del turno di qualifiche le macchine italiane dovettero “accontentarsi” dell’ ottava fila a 3 secondi dalla pole.

mansell prost johansson go suadrica 1985
© F1.com

Allo scattare del semaforo del GP del Sudafrica 1985 Mansell scattò benissimo dalla pole mentre il suo compagno Rosberg partì male perdendo  diverse posizioni. Ma Rosberg è deciso a rendere indimenticabile un Gran Premio che dimenticheremo tutti infatti il finlandese inizia una rimonta che dopo pochi giri lo porta al comando della gara.

Il pilota della Williams incappa nell’olio lasciato da Piquet e scivola fuori pista. Con Rosberg fuori dai primi sei, ma ancora in grado di rientrarci, la corsa è nelle mani di Mansell che conduce davanti a Prost e al rientrante Lauda.

Quando la gara sembra non aver più nulla da dire, Lauda deve ritirarsi mentre Rosberg, in scia a Prost, lo passa andando a prendersi il secondo posto. La Williams numero 5 conduce fino alla bandiera a scacchi conquistando la sua seconda vittoria proprio davanti a Rosberg conquistando la prima doppietta Williams motorizzata Honda.
La Ferrari si salva con Johansson che, grazie ai numerosi ritiri, riesce a conquistare un insperato quarto posto.
La F1 avrebbe rivisto il Sudafrica solo nel ’92, ovvero quando la segregazione fondata sul colore della pelle era ormai una pagina passata della sua storia.

L’ordine di arrivo del GP del Sudafrica 1985

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 5 United Kingdom Nigel Mansell
United Kingdom Williams 01:28:22.866 75
1
9
2 6 Finland Keke Rosberg
United Kingdom Williams 01:28:30.438 75
3
6
3 2 France Alain Prost
United Kingdom McLaren +1 lap 74
9
4
4 28 Sweden Stefan Johansson
Italy Ferrari +1 lap 74
16
3
5 17 Austria Gerhard Berger
United Kingdom Arrows +1 lap 74
11
2
6 18 Belgium Thierry Boutsen
United Kingdom Arrows +1 lap 74
10
1
7 3 United Kingdom Martin Brundle
United Kingdom Tyrrell +2 laps 73
17
0
RIT 11 Italy Elio de Angelis
United Kingdom Lotus Engine 52
6
0
RIT 29 Italy Pierluigi Martini
Italy Minardi Radiator 45
20
0
RIT 1 Austria Niki Lauda
United Kingdom McLaren Turbo 37
8
0
RIT 4 France Philippe Streiff
United Kingdom Tyrrell Accident 16
19
0
RIT 12 Brazil Ayrton Senna
United Kingdom Lotus Engine 8
4
0
RIT 27 Italy Michele Alboreto
Italy Ferrari Turbo 8
15
0
RIT 7 Brazil Nelson Piquet
United Kingdom Brabham Engine 6
2
0
RIT 20 Italy Piercarlo Ghinzani
United Kingdom Toleman Engine 4
13
0
RIT 19 Italy Teo Fabi
United Kingdom Toleman Engine 3
7
0
RIT 8 Switzerland Marc Surer
United Kingdom Brabham Engine 3
5
0
RIT 24 Netherlands Huub Rothengatter
Italy Osella Electrical 1
21
0
RIT 22 Italy Riccardo Patrese
Italy Alfa Romeo Accident 0
12
0
RIT 23 United States Eddie Cheever
Italy Alfa Romeo Accident 0
14
0
DNS 33 Australia Alan Jones
United Kingdom Lola Unwell 0
18
0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio