fbpx
2010-2019Formula 1On this day

GP Ungheria 2018: vince Hamilton, le due Rosse sul podio

È Lewis Hamilton il vincitore all'Hungaroring, Vettel e Raikkonen secondo e terzo limitano i danni

Lewis Hamilton conferma la pole position conquistata ieri e vince il GP d’Ungheria 2018 senza che la sua vittoria venisse mai seriamente messa in dubbio. Sebastian Vettel, partito con una strategia diversa, è riuscito a conquistare la seconda posizione, dopo aver sopravanzato Valtteri Bottas nelle ultime fasi di gara. Pilota finlandese che per difendersi ha colpito il ferrarista riportando danni all’ala anteriore. Questo ha favorito il rientro di un Daniel Ricciardo in rimonta ed anche tra i due c’è stato un contatto, che ha comunque permesso all’australiano di guadagnarsi la quarta posizione.

gp ungheria 2018 partenza
© Mercedes AMG F1

Tuttavia in gara la la freccia d’argento numero 44 si trasforma in The Hammer e vince di forza dopo una partenza a fionda che permette a Hamilton di tenersi la prima posizione, seguito da Bottas che lo copre dalle due Ferrari. Il quattro volte campione del mondo parte con le ultrasoft, così come la maggior parte dei piloti. Tranne alcuni tentennamenti Hamilton tiene la leadership, salvo quando ha fatto il pit stop.

Il quattro volte campione del mondo ringrazia prima di tutto la pioggia, vera protagonista degli ultimi due weekend, che ha condizionato le sorti delle due gare.

In quinta posizione Valtteri Bottas, ma il finlandese è stato messo sotto investigazione per le sue manovre al limite e verranno valutato dal collegio di commissari nel post-gara. Terza posizione per Kimi Raikkonen che conferma il doppio piazzamento a podio per la Ferrari. Il finlandese della Rossa ha basato la sua gara su una strategia a doppio stop che gli ha permesso di rimontare furiosamente negli ultimi giri. Se la Red Bull di Ricciardo, partita dalla dodicesima posizione, ha rimontato sino alla quarta, meno bene è andata a Max Verstappen, fermatosi dopo pochi giri causa un problema all’MGU-K.

Sesta posizione e gran risultato per Pierre Gasly su Toro Rosso, unico pilota non dei top team a terminare la gara non doppiato, settimo Kevin Magnussen, che permette alla Haas di staccarsi da Force India e guadagnare punti su Renault, anche grazie al punto della decima posizione conquistato da Romain Grosjean. Renault che ha chiuso la gara con il solo Carlos Sainz a punti, in nona posizione. Buona gara in rimonta per Fernando Alonso, che ha terminato la sua corsa in ottava posizione, mentre il suo compagno ha dovuto dare forfait per un problema al cambio, quando si trovava in posizione da punti.

Le parole ai protagonisti

Lewis Hamilton

Abbiamo avuto tanti alti e bassi in campionato, come nelle montagne russe ma il team è rimasto sempre forte. Siamo in una buona posizione ora ed è importante che ora non si facciano più errori. Le scorse due gare sono state benedette dalla pioggia, sono così grato. I ragazzi hanno lavorato duramente quest’anno, loro meritano un buon risultato. C’è ancora molto da fare perché Ferrari è leggermente davanti a noi, loro avevano il passo in questo weekend, specialmente su questo tracciato. Per questo dobbiamo portare alcuni miglioramenti per provare a chiudere il gap con loro, ma sono felice del lavoro fatto dai ragazzi, dobbiamo continuare così. Il nostro obiettivo è quello di spingere insieme e diventare più forti per la seconda parte di stagione. Sono felice per la pausa estiva; farò cose totalmente differenti, ma continuerò sempre ad allenarmi per migliorare il mio fisico.

gp ungheria 2018 sebastian vettel
© Ferrari Press Area

Sebastian Vettel

Oggi con il primo set di pneumatici eravamo veloci, ma alla fine sono un po’ deluso, perché ho perso 3 o 4 secondi nel traffico. Neanche il pit stop che abbiamo fatto è stato perfetto, visto che abbiamo perso del tempo. Da lì è stato difficile quando mi sono ritrovato dietro Valtteri, cercando di sorpassarlo. Comunque alla fine sapevo di poter andare più veloce di lui, visto che avevo gomme più fresche. Comunque, abbiamo fatto il massimo e credo che la seconda posizione sia il risultato migliore che potessimo ottenere oggi. Abbiamo fatto bene molte cose, altre forse meno bene, ma questo fa parte del gioco. E’ stata una settimana molto difficile per noi, per cui credo che avere entrambe le macchine sul podio sia un buon risultato. Sono felice di vedere che la macchina è veloce, che si è comportata bene finora su tutti i circuiti, e penso che questa sia la cosa più importante. La nostra vettura ha un grande potenziale, così adesso me ne vado in vacanza sentendomi tranquillo per le prossime gare.

gp ungheria 2018 kimi raikkonen
© Ferrari Press Area

Kimi Raikkonen

La gara mi è passata in fretta, abbiamo spinto fino alla fine e, con la strategia a due soste, abbiamo sempre avuto le gomme in buone condizioni per farlo. Non poter bere durante la gara non è stato il massimo, ma neppure un grosso problema. Oggi eravamo veloci, ma sappiamo tutti quanto sia difficile sorpassare su questa pista.
Nella seconda metà della stagione cercheremo di cambiare le cose e fare ancora un po’ meglio. So che la strada è ancora lunga, tutto può succedere e le cose cambiano in fretta. Continuiamo a spingere, cercando di migliorare anche nei dettagli e di essere costanti, e sono sicuro che potremo arrivare a risultati ancora migliori.

gp ungheria 2018 podio
© Mercedes AMG F1

L’ordine di arrivo del GP d’Ungheria 2018

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 44 United Kingdom Lewis Hamilton
Germany Mercedes 01:37:16.427 70
01:21.107
63
1
25
2 5 Germany Sebastian Vettel
Italy Ferrari 01:37:33.550 70
01:20.056
70
4
18
3 7 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 01:37:36.528 70
01:20.292
55
3
15
4 3 Australia Daniel Ricciardo
Austria Red Bull 01:38:02.846 70
01:20.012
46
12
12
5 77 Finland Valtteri Bottas
Germany Mercedes 01:38:06.427 70
01:21.736
39
2
10
6 10 France Pierre Gasly
Italy Toro Rosso 01:38:29.700 70
01:21.685
64
6
8
7 20 Denmark Kevin Magnussen
United States Haas 01:37:21.386 69
01:21.302
60
9
6
8 14 Spain Fernando Alonso
United Kingdom McLaren 01:37:58.161 69
01:22.090
68
11
4
9 55 Spain Carlos Sainz Jr
France Renault 01:38:10.524 69
01:22.774
58
5
2
10 8 France Romain Grosjean
United States Haas 01:38:11.045 69
01:22.606
58
10
1
11 28 New Zealand Brendon Hartley
Italy Toro Rosso 01:38:12.400 69
01:22.612
62
8
0
12 27 Germany Nico Hulkenberg
France Renault 01:38:18.622 69
01:21.261
69
13
0
13 31 France Esteban Ocon
United Kingdom Force India 01:38:27.230 69
01:22.876
63
18
0
14 11 Mexico Sergio Pérez
United Kingdom Force India 01:38:36.913 69
01:23.263
56
19
0
15 9 Sweden Marcus Ericsson
Switzerland Sauber 01:37:57.725 68
01:23.671
53

0
16 35 Russian Federation Sergey Sirotkin
United Kingdom Williams 01:38:07.313 68
01:23.708
53
20
0
17 18 Canada Lance Stroll
United Kingdom Williams 01:38:08.022 68
01:22.660
51
15
0
RIT 2 Belgium Stoffel Vandoorne
United Kingdom McLaren 01:09:53.912 49
01:23.077
46
16
0
RIT 33 Netherlands Max Verstappen
Austria Red Bull 00:07:08.059 5
01:23.985
5
7
0
RIT 16 Monaco Charles Leclerc
Switzerland Sauber 00:00:00.000 0
00:00.000
0
17
0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio