fbpx
1960-1969Formula 1On this day

Graham Hill si laurea campione del mondo 1962

Il 29 dicembre 1962, Graham Hill con la BRM P57 si aggiudicò l’ultimo Gran Premio della stagione sul circuito del Prince George Circuit di East London in Sudafrica e si laureò campione del mondo per la prima volta. Il pilota inglese chiuse la stagione con 4 vittorie.
Il campionato costruttori andò alla BRM (British Racing Motors) che conquistò così il suo primo e ultimo titolo.

Erano trascorsi tre mesi tra il Gran Premio degli Stati Uniti, penultima gara del Campionato del Mondo, e l’appuntamento in Sudafrica. In quel periodo, le squadre corsero in Messico per una gara fuori campionato, dove perse la vita Ricardo Rodríguez nel tentativo di qualificare una delle Lotus di Rob Walker. Poi, a dicembre, si disputarono due altre gare: la prima a Kyalami, vinta da Jim Clark, e la seconda a Westmead, andata al suo collega del Team Lotus, Trevor Taylor. Tuttavia, a Westmead, ci fu un’ulteriore tragedia per la squadra del team di Walker, dove morì Gary Hocking a seguito di un ribaltamento in curva della sua Lotus 24.

Il giorno dell’evento, il primo Gran Premio del Sudafrica, arrivarono a East London circa 90.000 spettatori ad assistere a questa ultima sfida per il titolo tra Graham Hill e Jim Clark.

Clark conquistò la pole position con Hill al suo fianco. La seconda fila fu condivisa dalla Brabham di Jack Brabham e da Innes Ireland sulla Lotus 24 della British Racing Partnership. John Surtees era quinto in griglia con la sua Lola, appena davanti alla Cooper di Tony Maggs.

Alla partenza, Clark andò in testa con Hill che lo inseguiva. Clark era in forma dominante e Hill non riusciva a tenere il passo, mentre la battaglia per il terzo posto era vivace e coinvolgeva McLaren, Surtees e Maggs. Dopo 20 giri, Clark era avanti di 13 secondi, mentre Surtees si ritirò per problemi al motore. A 25 giri dalla fine, la Lotus di Clark iniziò a fumare costringendo il pilota scozzese ad una sosta forzata ai box per una perdita d’olio. Hill passò il testa passando per primo sotto la bandiera a scacchi e conquistando così il suo primo Titolo iridato. Con 50 secondi di distacco arrivarono le due Cooper di Bruce McLaren e Tony Maggs. L’unico altro pilota a vedere l’arrivo fu Jack Brabham con la sua Brabham BT3.

L’ordine di arrivo del GP del Sudafrica 1962

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 3 United Kingdom Graham Hill
United Kingdom BRM 02:08:03.300 82
2
9
2 8 New Zealand Bruce McLaren
United Kingdom Cooper-Climax 02:08:53.100 82
8
6
3 9 South Africa Tony Maggs
United Kingdom Cooper-Climax 02:08:53.600 82
6
4
4 10 Australia Jack Brabham
United Kingdom Brabham 02:08:57.100 82
3
3
5 11 United Kingdom Innes Ireland
United Kingdom Lotus +1 lap 81
4
2
6 20 South Africa Neville Lederle
United Kingdom Lotus +4 laps 78
10
1
7 4 United States Richie Ginther
United Kingdom BRM +4 laps 78
7
0
8 18 Zimbabwe John Love
United Kingdom Cooper-Climax +4 laps 78
12
0
9 5 South Africa Bruce Johnstone
United Kingdom BRM +6 laps 76
17
0
10 14 South Africa Ernie Pieterse
United Kingdom Lotus +11 laps 71
13
0
11 15 Netherlands Carel Godin de Beaufort
Germany Porsche Fuel system 70
16
0
RIT 1 United Kingdom Jim Clark
United Kingdom Lotus Oil Leak 62
1
0
RIT 21 South Africa Doug Serrurier
South Africa LDS Radiator 62
14
0
RIT 7 United Kingdom Roy Salvadori
United Kingdom Lola Fuel Leak 56
11
0
RIT 22 South Africa Mike Harris
United Kingdom Cooper-Climax Wheel bearing 31
15
0
RIT 6 United Kingdom John Surtees
United Kingdom Lola Engine 26
5
0
RIT 2 United Kingdom Trevor Taylor
United Kingdom Lotus Gearbox 11
9
0
WD 12 Zimbabwe Gary Hocking
United Kingdom Lotus Driver killed prior to event 0

0
WD 16 South Africa Syd van der Vyver
United Kingdom Lotus Car damaged 0

0
WD 17 United States Tony Settember
United Kingdom Emeryson No Time 0

0
WD 19 Zimbabwe Sam Tingle
United Kingdom Lotus Driver competing elsewhere 0

0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio