fbpx
12 Ore di Sebring1950-195924 ore di Le MansBiografieFormula 1

Hans-Joachim Stuck: un pilota di auto da corsa leggendario

Hans-Joachim Stuck è un pilota automobilistico tedesco che ha gareggiato in Formula Uno e in molte altre categorie. È il figlio del leggendario Hans Stuck. Da ragazzo, suo padre gli insegnò a guidare sul Nürburgring, cosa che portò il diciannovenne alla vittoria nella prima corsa di 24 Ore nel 1970. Vi vinse di nuovo anche nel 1998 e nel 2004, ogni volta con un’auto da turismo BMW.

Il bavarese sempre amichevole e divertente, alto e biondo che vive in Austria è soprannominato Strietzel in onore di una torta dolce. Nel 1972, Stuck collaborò con Jochen Mass per guidare una Ford Capri RS2600 fino alla vittoria nella gara di resistenza 24 Ore di Spa in Belgio. Le sue campagne con la BMW 3.0 CSL “Batmobile” ebbero molto successo nel 1974 e 1975, nel DRM tedesco e negli Stati Uniti insieme a Ronnie Peterson. Più tardi, negli anni ’70, corse con la BMW 320i turbo.

Dopo qualche successo in Formula 2 con una March-BMW, ​​entrò anche in F1 con la March. Complessivamente, Stuck ha partecipato a 79 Gran Premi, debuttando il 13 gennaio 1974. Ha ottenuto 2 podi e ha segnato 29 punti iridati. Stuck ebbe un discreto successo alla Brabham-Alfa nel 1977, guidando il Gran Premio degli Stati Uniti dell’Ovest del 1977 a Watkins Glen sotto la pioggia, ma fu sostituito da Niki Lauda per il 1978. Stuck perse l’opportunità di unirsi alla Williams F1 poco prima che questa squadra avesse successo.

Hans Joachim Stuck Brabham BT45B 1977 GP Monaco
© Wikimedia/Martin Lee

A causa della sua altezza di 194 cm, non si adattava bene alle vetture di F1 della fine degli anni ’70 che avevano l’abitacolo spostato in avanti. Lasciare la F1 in quel periodo probabilmente gli ha risparmiato brutti infortuni alla gamba, come quelli subiti da Ronnie Peterson, Clay Regazzoni, Marc Surer e altri.

Boutsen Hans Joachim Stuck Bouchut Le Mans 1995
© Wikimedia/Martin Lee

Stuck ha continuato a correre con auto da turismo e sportive in tutto il mondo, vincendo due volte la 24 Ore di Le Mans con una Porsche 962, è stato campione DTM nel 1990 con Audi prima di tornare alla Porsche fino alla 24 Ore di Le Mans nel 1997. Da allora , è tornato alla BMW.

Stuck si è ritirato dalle corse nel 1991, ma ha continuato a lavorare nel mondo dell’automobilismo come commentatore televisivo e istruttore di guida.

Alcuni dei suoi successi più importanti includono:

24 Ore di Le Mans: 1986, 1987
12 Ore di Sebring: 1975
1000 km del Nürburgring: 1981
1000 km di Imola: 1984
Campionato DTM: 1990

Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio