fbpx
1970-1979Formula 1On this day

Il campione che fa il vice

Alla vigilia dell’ultimo Gran Premio della stagione ’79. al Glen, Villeneuve non vince da diversi mesi. Il tempo, però, non è passato invano, a Monza Scheckter ha conquistato il titolo e all’orizzonte si sta profilando un avversario ostico e pericoloso: la Williams FW07, portata al successo da Jones e dal “vecchio” Regazzoni.
In questo finale di stagione, la macchina inglese è decisamente più veloce, ma la Ferrari riesce a tenergli testa.
In America, il canadese deve mettere in sicurezza il suo secondo posto in classifica, Jones è a soli quattro punti e da l’idea di essere più concreto del canadese nella gestione della gara.

Al venerdì, sotto una pioggia torrenziale, Villeneuve ottiene il miglior tempo mentre al sabato, sotto un sole splendente, Jones ottiene subito la pole davanti alla nuova stella Piquet e al ferrarista Villeneuve.
Il neo iridato Scheckter non va oltre il sedicesimo posto in griglia, forse le noie al motore e un certo appagamento, non hanno aiutato la prestazione del sud africano.
Il giorno della gara, la pioggia è un ospite sgradito.
Piquet decide di usare le slick, imitato da Andretti e Scheckter.

Altri articoli interessanti

Alla partenza, il campione olandese, scatta meglio di tutti, lo stesso Jones rimane sorpreso dal guizzo del canadese, che mantiene in equilibrio la sua Ferrari t4 in perenne sbandata in ogni curva e riesce, giro dopo giro, ad aumentare il proprio vantaggio in testa alla corsa.
Quando la pioggia sta decimando i partecipanti ecco apparire un raggio di sole. Gilles si ferma a cambiare le gomme per montare le slick. In testa va la Williams di Jones che, il giro successivo si ferma ai box.

La sostituzione avviene in 34 secondi e quando viene rispedito in pista, una ruota mal fissata, si sfila dal mozzo portando la macchina inglese a ritirarsi dopo una sbandata di diverse centinaia di metri.
Gilles non ha più problemi, senza l’australiano, il canadese vince facilmente.
Al festival Ferrari è mancato il campione del mondo, che dopo una grande rimonta era riuscito ad occupare addirittura il secondo posto. Mentre al muretto rosso, stanno assaporando il piacere di una doppietta, lo scoppio di una gomma mette fuori gioco Scheckter.

Villeneuve, vincendo conquista matematicamente il secondo posto in classifica generale, ma a vincere è stato il Drake, che solo un anno prima si era inventato pilota un corridore di motoslitte che, solo i giochi di squadra, lo hanno privato di un titolo meritato.

GP degli Stati Uniti 1979: la classifica finale

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 12 Canada Gilles Villeneuve
Italy Ferrari 01:52:17.734 59
3
9
2 16 France René Arnoux
France Renault 01:53:06.521 59
7
6
3 3 France Didier Pironi
United Kingdom Tyrrell 01:53:10.933 59
10
4
4 18 Italy Elio de Angelis
United Kingdom Shadow 01:53:48.246 59
20
3
6 7 United Kingdom John Watson
United Kingdom McLaren +1 lap 58
13
1
7 14 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi +5 laps 54
23
0
RIT 6 Brazil Nelson Piquet
United Kingdom Brabham Transmission 53
2
0
RIT 33 Ireland Derek Daly
United Kingdom Tyrrell Spun Off 52
15
0
RIT 11 South Africa Jody Scheckter
Italy Ferrari Tyre 48
16
0
RIT 29 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Arrows Suspension 44
19
0
RIT 27 Australia Alan Jones
United Kingdom Williams Wheel 36
1
0
RIT 22 Switzerland Marc Surer
United Kingdom Ensign Engine 32
21
0
RIT 28 Switzerland Clay Regazzoni
United Kingdom Williams Accident 29
5
0
RIT 5 Argentina Ricardo Zunino
United Kingdom Brabham Spun Off 25
9
0
RIT 15 France Jean-Pierre Jabouille
France Renault Engine 24
8
0
RIT 20 Finland Keke Rosberg
United Kingdom Wolf Accident 20
12
0
RIT 8 France Patrick Tambay
United Kingdom McLaren Engine 20
22
0
RIT 4 France Jean-Pierre Jarier
United Kingdom Tyrrell Accident 18
11
0
RIT 1 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus Gearbox 16
17
0
RIT 2 Argentina Carlos Reutemann
United Kingdom Lotus Spun Off 6
6
0
RIT 26 France Jacques Laffite
France Ligier Spun Off 3
4
0
RIT 25 Belgium Jacky Ickx
France Ligier Spun Off 2
24
0
RIT 35 Italy Bruno Giacomelli
Italy Alfa Romeo Spun Off 0
18
0
DNQ 36 Italy Vittorio Brambilla
Italy Alfa Romeo No Time 0

0
DNQ 30 Germany Jochen Mass
United Kingdom Arrows No Time 0

0
DNQ 17 Netherlands Jan Lammers
United Kingdom Shadow No Time 0

0
DNQ 31 Mexico Hector Rebaque
Mexico Rebaque No Time 0

0
DNQ 19 Brazil Alex Ribeiro
Brazil Fittipaldi No Time 0

0
DNQ 24 Italy Arturo Merzario
Italy Merzario No Time 0

0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio