fbpx
1980-1989Formula 1On this day

Imola 1980: l’highlander della Formula Uno

La dodicesima prova del campionato del mondo di F1 edizione 1980, si tenne eccezionalmente a Imola.
Prendendo la denominazione di GP d’Italia, venne rispettato un accordo preso l’anno prima e nonostante i diversi premi conquistati dall’Autodromo di Monza, I’impianto romagnolo potra’ vantarsi  della denominazione di gran premio nazionale per quella stagione.
Come l’anno prima, quando si corse un gran premio non valido per il campionato, il pubblico accorse in massa, assiepandosi lungo la striscia d’asfalto e in ogni posto libero.
L’unica assente è una Ferrari competitiva infatti, la  312 t5 relega la rossa a pura comparsa.
Jody Scheckter, campione del mondo in carica, ma di fatto pensionato, non può che soccombere alla pochezza della vettura, mentre Villeneuve si esalta con prestazioni eccezionali ma poco redditizie in termini di risultato.

gp italia 1980 gilles villeneuve
© Motorsport Images/ Twitter

Durante le prime prove, la Ferrari decide di far debuttare la prima monoposto a motore turbo, che nelle mani del canadese si trasforma in un stallone indomabile dal futuro promettente.
Gilles mette alla frusta la 126-C – questa è la denominazione della monoposto – arrivando a compiere sovrasterzi di potenza con conseguenti testacoda che mandano in visibilio il pubblico ma nello sconforto il box di Maranello in affanno a capire l’effettivo valore della vettura.
Chi scrive era presente alle prove. Ricordo benissimo che Gilles, alla Variante Alta, mal digeriva la potenza del turbo tutt’altro che progressiva, arrivando a danzare in pista fino a mandare a noi spettatori tanti frammenti di gomma.
Nonostante lo spettacolo offerto dal canadese, i migliori tempi sono spiccati delle Renault e dall’ Alfa Romeo (quella vera!) con Giacomelli che conquista un incoraggiante terzo posto. mentre Gilles, con la superata 312-T5, il settimo.
Al sabato le prove furono un successo in termini di spettacolo e di pubblico, Gilles con la Ferrari turbo riesce a strappare dei tempi incoraggianti ma i migliori crono sono sempre della Renault. Questa volta, però, di Arnoux, che a pochi minuti dal termine della sessione relega il compagno al secondo posto e, allo stesso tempo, Carlos Reutemann con la Williams conquista il terzo posto ai danni dell’Alfa che finisce quarta.

gp italia 1980 partenza
© F1.com/Facebook

Alla partenza Reutemann rimane quasi fermo per un problema al cambio mentre in testa Arnoux comanda davanti al compagno e via via tutti gli altri.
Qualche giro dopo Jabouille con la renault n 15 passa il proprio compagno che alla splendida Acque Minerali viene passato anche da Piquet. Villeneuve scatenato passa Giacomelli alla Tosa, e si butta all’inseguimento dei primi. La T5 sembra reagire bene nelle mani del canadese che quel giorno, sembra tenere un passo ai livelli dei primi.

Al sesto giro il pubblico alla Tosa, me compreso, è testimone di un incidente da far fermare il cuore.
L’improvvisa esplosione di un pneumatico posteriore della Ferrari numero 2 porta la monoposto a sbattere contro il muretto esterno della semicurva prima della Tosa. La macchina, nell’impatto, si distrugge perdendo ruote e pezzi e rimbalzando in pista.
Col rottame della Ferrari in mezzo alla pista e Gilles immobile nell’abitacolo. Il silenzio cala sul autodromo
Si teme il peggio. Poi, quasi come un raggio di sole in un giorno d pioggia ecco il canadese muoversi e uscire dall’abitacolo seppur visibilmente scioccato dall’incidente. Il canadese ha subito un colpo di frusta laterale, che gli ha salvato la vita ma lo ha lasciato frastornato al punto da essere portato al centro medico per controlli preventivi.
Nonostante il dramma sfiorato la corsa continua con le Renault in testa ma troppo fragili, prima Jabouille poi Arnoux devono soccombere alla debolezza delle proprie vetture lasciando a Nelson Piquet il successo finale.
Dietro al brasiliano, ancora in corsa per il titolo mondiale, si classificano Jones e il rimontante Reutemann con le Williams.

Il doppio podio permette alla scuderia di Grove di conquistare il primo titolo costruttori della sua storia e mettere un’opzione seria sul titolo mondiale piloti.
La corsa si chiude con uno sbiadito Scheckter che termina ottavo, doppiato ma col pubblico soddisfatto per lo spettacolo offerto in pista.

CLASSIFICA DEL GP D’IMOLA 1980

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 5 Brazil Nelson Piquet
United Kingdom Brabham 01:38:07.520 60
5
9
2 27 Australia Alan Jones
United Kingdom Williams 01:38:36.450 60
6
6
3 28 Argentina Carlos Reutemann
United Kingdom Williams 01:39:21.190 60
3
4
4 12 Italy Elio de Angelis
United Kingdom Lotus +1 lap 59
18
3
5 21 Finland Keke Rosberg
Brazil Fittipaldi +1 lap 59
11
2
6 25 France Didier Pironi
France Ligier +1 lap 59
13
1
7 8 France Alain Prost
United Kingdom McLaren +1 lap 59
24
0
8 1 South Africa Jody Scheckter
Italy Ferrari +1 lap 59
16
0
9 26 France Jacques Laffite
France Ligier +1 lap 59
20
0
10 16 France René Arnoux
France Renault +2 laps 58
1
0
11 50 United Kingdom Rupert Keegan
United Kingdom Williams +2 laps 58
21
0
12 31 United States Eddie Cheever
Italy Osella +3 laps 57
17
0
13 3 France Jean-Pierre Jarier
United Kingdom Tyrrell Brakes 54
12
0
RIT 15 France Jean-Pierre Jabouille
France Renault Gearbox 53
2
0
RIT 9 Switzerland Marc Surer
Germany ATS Engine 45
23
0
RIT 11 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus Engine 40
10
0
RIT 29 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Arrows Engine 38
7
0
RIT 4 Ireland Derek Daly
United Kingdom Tyrrell Accident 33
22
0
RIT 7 United Kingdom John Watson
United Kingdom McLaren Wheel Bearing 20
14
0
RIT 6 Mexico Hector Rebaque
United Kingdom Brabham Suspension 18
9
0
RIT 20 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi Accident 17
15
0
RIT 2 Canada Gilles Villeneuve
Italy Ferrari Puncture 5
8
0
RIT 23 Italy Bruno Giacomelli
Italy Alfa Romeo Puncture 5
4
0
RIT 22 Italy Vittorio Brambilla
Italy Alfa Romeo Spun Off 4
19
0
DNQ 43 United Kingdom Nigel Mansell
United Kingdom Lotus No Time 0

0
DNQ 30 Germany Manfred Winkelhock
United Kingdom Arrows No Time 0

0
DNQ 14 Netherlands Jan Lammers
United Kingdom Ensign No Time 0

0
DNQ 41 United Kingdom Geoff Lees
United Kingdom Ensign No Time 0

0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio