2000-2009Formula 1On this day

Italia 2001: Montoya conquista la sua prima gara della carriera

Sedici settembre, anno 2001, GP d’Italia. Il mondo è ancora scosso dalle immagini dei due aerei che si schiantano contro le Torri Gemelle di New York, provocandone il crollo, con il terzo aereo che colpisce il Pentagono a Washington. Non è ancora una Formula 1 così aperta (come ora) alle tematiche extra sportive, ma la crisi geopolitica in atto, polarizzata tra gli USA e Al-Quaeda, intacca anche la sensibilità del Circus. In segno di lutto per i tremila morti degli attentati dell’11 settembre, la Ferrari rimuove ogni sponsor dalla livrea, che rimane rossa con il musetto tinto di nero. Nemmeno i piloti sembrano avere una gran voglia di correre.

Pure il mondo del motorsport, nel suo piccolo, sta attraversando un periodo nefasto. Pochi giorni prima, durante la corsa del Lausitzring della IndyCar, Alex Zanardi rimane coinvolto in un pauroso schianto con Alex Tagliani, che lo priverà per sempre dell’uso delle gambe. Zanardi supererà alla grande anche questa sfida, la più importante, ma in quei giorni di settembre è ancora appeso tra la vita e la morte. Per di più, i piloti approdano a Monza con i ricordi funesti dell’anno prima, quando una maxi carambola alla Variante della Roggia provocò il distaccamento di una ruota, che si scagliò, uccidendolo sul colpo, contro uno dei commissari a bordo pista.

Così, in un clima surreale, alla vigilia ci si accorda per mantenere le proprie posizioni di partenza nel corso del primo giro. Parola d’ordine: evitare sorpassi azzardati. Non tutti si accorderanno al proposito, e c’era da aspettarselo. Ma andiamo con ordine.

gp italia 2001 partenza
© Ferrari

Al via, Montoya scatta bene e mantiene la testa della corsa, seguito da Rubens Barrichello; i fratelli
Schumacher lottano per la terza posizione e alla fine è Michael a spuntarla. Coulthard è quinto, seguito da
De La Rosa, Irvine e Verstappen.
Alla prima chicane, intanto, Jenson Button tocca la Jordan di Trulli mandandola in testacoda e costringendo il pilota italiano al ritiro; la Benetton di Button perde, invece, l’alettone anteriore.
Hakkinen è autore di una brutta partenza e si ritrova in tredicesima posizione. Irvine ha problemi e finisce
in dodicesima posizione. Coulthard è costretto al ritiro al giro 7 per la rottura del motore sulla sua McLaren-Mercedes.

Al giro 9 Barrichello riesce a sopravanzare Montoya alla prima di Lesmo e diventa leader momentaneo della corsa, facendo segnare poco dopo anche il giro più veloce. Michael Schumacher segue molto da vicino Montoya. Nel frattempo Verstappen conquista la quinta posizione, seguito da Raikkonen. Alesi riesce, poi, a sopravanzare sia Raikkonen che l’olandese della Arrows, salendo in quinta posizione.
Al giro 15 per Barrichello iniziano i doppiaggi; al giro 17 Irvine è costretto al ritiro e Raikkonen è sesto dopo aver superato Verstappen.

Per i piloti partiti con una strategia di due soste iniziano i pit stop. Le Ferrari si fermano una dopo l’altra, Schumacher al giro 18 e Barrichello al giro 19; sfortunatamente il rifornimento del brasiliano è piuttosto lungo a causa di un problema col bocchettone della benzina che lo porta a rientrare in pista in terza posizione. Schumacher rientra al quarto posto. Ora leader della gara è di nuovo Montoya, seguito dal compagno di squadra Ralf Schumacher. Al giro 20 Hakkinen si ritira per un problema sulla sua McLaren.

Il pilota colombiano cerca di imprimere il suo ritmo alla corsa; ora è, infatti, decisamente più veloce perché meno carico di benzina e precede Ralf di circa 20 secondi.

Montoya si ferma per rifornire al giro 28 e Ralf passa così in prima posizione, seguito da Barrichello e
Michael Schumacher. Il colombiano rientra in pista alle spalle di Rubens Barrichello.
Ralf Schumacher, però, deve ancora rifornire e lo fa al giro 35, lasciando la testa della corsa al pilota della Ferrari e rientrando, poi, in quarta posizione, dietro a Montoya e al fratello Michael.

Al giro 40 del GP d’Italia 2001, i meccanici Ferrari sono pronti per il secondo pit stop di Schumacher; Barrichello si ferma
al giro successivo. Montoya torna a condurre la gara seguito da Ralf Schumacher, Barrichello, Michael Schumacher, De La Rosa e Villeneuve. Il brasiliano della Ferrari si avvicina sempre più a Ralf Schumacher e, al giro 48, con una splendida manovra, supera il pilota della Williams che, costretto al taglio della prima chicane, si lascia poi sorpassare per evitare una penalità. Praticamente in questo momento si congelano le prime sei posizioni che resteranno invariate fino al traguardo.

CLASSIFICA DEL GP D’ITALIA 2001

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 6 Colombia Juan Pablo Montoya
United Kingdom Williams 01:16:58.493 53
1
10
2 2 Brazil Rubens Barrichello
Italy Ferrari 01:17:03.668 53
2
6
3 5 Germany Ralf Schumacher
United Kingdom Williams 01:17:15.828 53
4
4
4 1 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:17:23.484 53
3
3
5 19 Spain Pedro de la Rosa
United Kingdom Jaguar 01:18:13.477 53
10
2
6 10 Canada Jacques Villeneuve
United Kingdom BAR 01:18:20.962 53
15
1
7 17 Finland Kimi Raikkonen
Switzerland Sauber 01:18:21.600 53
9
0
8 12 France Jean Alesi
Ireland Jordan +1 lap 52
16
0
9 9 France Olivier Panis
United Kingdom BAR +1 lap 52
17
0
10 7 Italy Giancarlo Fisichella
Italy Benetton +1 lap 52
14
0
11 16 Germany Nick Heidfeld
Switzerland Sauber +1 lap 52
8
0
12 23 Czech Republic Tomáš Enge
France Prost +1 lap 52
20
0
13 21 Spain Fernando Alonso
Italy Minardi +2 laps 51
21
0
RIT 15 Brazil Enrique Bernoldi
United Kingdom Arrows Crankshaft 46
18
0
RIT 20 Malaysia Alex Yoong
Italy Minardi Spun off 44
22
0
RIT 22 Germany Heinz-Harald Frentzen
France Prost Gearbox 28
12
0
RIT 14 Netherlands Jos Verstappen
United Kingdom Arrows Fuel Pressure 25
19
0
RIT 3 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren Gearbox 19
7
0
RIT 18 United Kingdom Eddie Irvine
United Kingdom Jaguar Engine 14
13
0
RIT 4 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom McLaren Engine 6
6
0
RIT 8 United Kingdom Jenson Button
Italy Benetton Engine 4
11
0
RIT 11 Italy Jarno Trulli
Ireland Jordan Collision 0
5
0

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button