1970-1979On this day

Jack Brabham vince in Sudafrica all’età di 44 anni

Il 7 marzo 1970, all’età di 44 anni, Jack Brabham su Brabham-Ford vinse il 4° GP del Sudafrica sul circuito di Kyalami, precedendo il neozelandese, Denny Hulme su McLaren e a Jackie Stewart su March.
Il giornale dell’epoca, “Corriere Corse” esordì con questa frase: “Stagione nuova e piloti, vecchi: è stata la grande festa dei vecchietti“, fu questa la frase chiave della prima gara della stagione.
Si pensava che Brabham, insieme a Graham Hill, fossero pronti alla pensione volontaria, invece i due piloti diedero spettacolo, mandando in secondo piano le giovani stelle.
La stagione, che apriva il nuovo decennio, vide all’esordio molte auto nuove, ma anche, tante squadre rinnovate e molti volti nuovi. La Ferrari, arrivò con un nuovo motore boxer guidata dal solo Jacky Ickx.
Una vettura potente, ma ancora con qualche problema di affidabilità, invece la vetture più attese furono le 5 March, messe in pista dal team inglese. La De Tomaso, portò in pista una vettura nuovissima, icosì fece anche la Matra con una monoposto estremamente grossa ma con un nuovissimo propulsore.

Nelle qualifiche del sabato ci fu il dominio delle due March di Stewart e Amon, mentre Brabham e Jochen Rindt con la Lotus, occupavano la seconda fila, davanti alla Ferrari di Jacky Ickx seguito dalla McLaren di Denny Hulme. John Surtees con l’altra monoposto di Woking e Jean-Pierre Beltoise con la sua Matra, conquistarono la settima e ottava posizione. A chiudere la la top ten furono Jo Siffert con la March e Bruce McLaren con la sua McLaren Ford.

Alla partenza, Stewart, Brabham, Ickx e Rindt, si presero subito le prime posizioni, mentre Amon, ne prese due. Alla fine del primo rettilineo, Rindt tentò di sorpassare Amon, ma finì per scardinare la March dell’australiano, perdendo varie posizioni. Intanto il leader della corsa iniziava a creare il vuoto dietro si se. Nella confusione, Ickx passò in seconda posizione davanti a Beltoise, Oliver, McLaren e Brabham.
Dopo cinque giri, il pilota della Brabham, iniziò a riprendersi conquistando prima il quarto posto, poi passò Beltoise e in pochi chilometri si attaccò agli scarichi della Ferrari.
Qualche altro metro e lo scatenato quarantaquattrenne, superò anche la vettura di Ickx.
Nelle retrovie, Graham Hill, partito diciannovesimo, iniziò la sua rimonta personale con la Lotus.

Mentre si accorciavano le distanze tra i primi due, dietro iniziò una bella battaglia tra Ickx, McLaren, Hulme e Beltoise.
Mentre Hulme, conquistò il terzo posto ad danni di della Ferrari, Brabham, superò il leader della gara, agguantando la prima posizione.

Dopo 38 giri, Stewart dovette arrendersi anche alla McLaren di Denny Hulme, mentre Bruce McLaren, fu costretto a parcheggiare la propria monoposto per un problema al motore. Sorte simile per Jacky Ickx, avvolto dal fumo della sua Ferrari, quando mancavano venti giri alla fine del GP

Le posizioni si congelarono fino alla fine, regalando a Jack Brabham la sua quattordicesima vittoria in carriera. L’altro vecchietto, Graham Hill, invece arrivò sesto, conquistando un punto, dopo una bella rimonta.

Ecco l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 12 Australia Jack Brabham
United Kingdom Brabham 01:49:35.400 80
3
9
2 6 New Zealand Denny Hulme
United Kingdom McLaren 01:49:43.500 80
6
6
3 1 United Kingdom Jackie Stewart
United Kingdom March 01:49:52.500 80
1
4
4 3 France Jean-Pierre Beltoise
France Matra 01:50:48.500 80
8
3
5 10 United Kingdom John Miles
United Kingdom Lotus +1 lap 79
14
2
6 11 United Kingdom Graham Hill
United Kingdom Lotus +1 lap 79
19
1
7 4 France Henri Pescarolo
France Matra +2 laps 78
18
0
8 23 Zimbabwe John Love
United Kingdom Lotus +2 laps 78
22
0
9 20 Mexico Pedro Rodríguez
United Kingdom BRM +4 laps 76
16
0
10 16 Switzerland Jo Siffert
United Kingdom March +5 laps 75
9
0
11 24 South Africa Peter de Klerk
United Kingdom Brabham +5 laps 75
21
0
12 25 South Africa Dave Charlton
United Kingdom Lotus Engine 73
13
0
13 9 Austria Jochen Rindt
United Kingdom Lotus Engine 72
4
0
RIT 17 Belgium Jacky Ickx
Italy Ferrari Engine 60
5
0
RIT 7 United Kingdom John Surtees
United Kingdom McLaren Engine 60
7
0
RIT 21 Canada George Eaton
United Kingdom BRM Engine 58
23
0
RIT 2 France Johnny Servoz-Gavin
United Kingdom March Engine 57
17
0
RIT 5 New Zealand Bruce McLaren
United Kingdom McLaren Engine 39
10
0
RIT 22 United Kingdom Piers Courage
Italy De Tomaso Accident 39
20
0
RIT 8 United States Mario Andretti
United Kingdom March Overheating 26
11
0
RIT 14 Germany Rolf Stommelen
United Kingdom Brabham Engine 23
15
0
RIT 19 United Kingdom Jackie Oliver
United Kingdom BRM Gearbox 22
12
0
RIT 15 New Zealand Chris Amon
United Kingdom March Overheating 14
2
0

Topics
Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close