1990-1999On this day

Jacques Villeneuve vince a Silverstone e si avvicina a Damon Hill

Dalla Francia alla Gran Bretagna: in occasione del decimo appuntamento stagionale, il mondiale di Formula 1 1996 fa tappa sul circuito di Silverstone, dove le monoposto di casa, le Williams, dominano interamente le qualifiche con Hill davanti a Villeneuve per soli due decimi.

Gp Gran Bretagna 1996 PartenzaAl via, però, Capitan Zero perde terreno e scivola in quinta posizione, scavalcato dal compagno di squadra canadese, da Jean Alesi, Mika Hakkinen e Michael Schumacher. La gara del pilota tedesco, tuttavia, dura appena tre giri: un problema idraulico sulla sua Ferrari F310 lo costringe al ritiro. Un epilogo a cui andrà incontro anche Eddie Irvine dopo un paio di tornate, quando la sua Rossa sventola bandiera bianca per noie al differenziale.

Se la fortuna è cieca, la sfiga, invece, ci vede benissimo e colpisce anche Damon Hill: l’inglese rimane bloccato dietro ad Hakkinen e continua a lamentarsi di problemi di guidabilità sulla sua Williams. Un dado ruota della sua FW18, infatti, inizia gradualmente a staccarsi fino a causare un brusco fuori pista nel corso del 27esimo giro, quando Hill è costretto a ritirarsi nei pressi della curva Copse.

Nel frattempo inizia la battaglia dei pit-stop: con la sua prima sosta Villeneuve perde il comando in favore di Alesi, il quale a sua volta tornerà in seconda posizione quando sarà anche per lui il momento di effettuare rifornimento e cambio gomme. Al ritorno in pista, però, la sua Benetton manifesta dei problemi ai freni e lo costringe a tornare ai box, spianando la strada alla B196 gemella di Gerhard Berger.

Gp Gran Bretagna 1996 Podio
L’austriaco, tuttavia, è troppo lontano per impensierire il leader della corsa: Jacques Villeneuve, infatti, andrà a centrare la sua seconda affermazione stagionale, riducendo il divario in classifica dal compagno di squadra Hill a soli 15 punti. Sul secondo gradino del podio ci sarà Berger, mentre Mika Hakkinen conquisterà la medaglia di bronzo al volante della sua McLaren motorizzata Mercedes.

L’ordine d’arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 6 Canada Jacques Villeneuve
United Kingdom Williams 01:33:00.874 61
2
10
2 4 Austria Gerhard Berger
Italy Benetton 01:33:19.900 61
7
6
3 7 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren 01:33:51.704 61
4
4
4 11 Brazil Rubens Barrichello
Ireland Jordan 01:34:07.590 61
6
3
5 8 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom McLaren 01:34:23.381 61
9
2
6 12 United Kingdom Martin Brundle
Ireland Jordan +1 lap 60
8
1
7 19 Finland Mika Salo
United Kingdom Tyrrell +1 lap 60
14
0
8 15 Germany Heinz-Harald Frentzen
Switzerland Sauber +1 lap 60
11
0
9 14 United Kingdom Johnny Herbert
Switzerland Sauber +1 lap 60
13
0
10 17 Netherlands Jos Verstappen
United Kingdom Footwork +1 lap 60
15
0
11 21 Italy Giancarlo Fisichella
Italy Minardi +2 laps 59
18
0
RIT 3 France Jean Alesi
Italy Benetton Brakes 44
5
0
RIT 9 France Olivier Panis
France Ligier Handling 40
16
0
RIT 10 Brazil Pedro Paulo Diniz
France Ligier Engine 38
17
0
RIT 5 United Kingdom Damon Hill
United Kingdom Williams Wheel 26
1
0
RIT 20 Portugal Pedro Lamy
Italy Minardi Gearbox 21
19
0
RIT 16 Brazil Ricardo Rosset
United Kingdom Footwork Electrical 13
20
0
RIT 18 Japan Ukyo Katayama
United Kingdom Tyrrell Engine 12
12
0
RIT 2 United Kingdom Eddie Irvine
Italy Ferrari Differential 5
10
0
RIT 1 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari Hydraulics 3
3
0
DNQ 23 Italy Andrea Montermini
Italy Forti DNQ 0
21
0
DNQ 22 Italy Luca Badoer
Italy Forti DNQ 0
22
0

Topics
Pubblicità

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close