fbpx
Formula 1Storia dei Gran Premi

La dolorosa Imola

I ricordi legati alla pista di San Marino sono sicuramente tra i più vividi. Ma sono altrettanto i più dolorosi. Prima Roland Ratzenberger, poi Ayrton Senna. Quando si parla di Imola è difficile non rimandare la memoria proprio a quei due grandi nomi della Formula 1. Ma la storia di questo tracciato inizia alcuni anni prima.

La prima gara, il Gran Premio Dino Ferrari dà ufficialmente inizio all’era della Formula 1 nel 1979, precisamente il 16 settembre. In realtà il progetto iniziale viene alla luce nel 1950, con la progettazione e la realizzazione di un tracciato che inanella sedici curve, per un totale di quasi 5 chilometri. Il primo vero battesimo, molto prima dell’entrata in scena della Formula 1, avviene poi nel 1952, solamente due anni dopo la realizzazione del tracciato. A inaugurare la pista italiana, inoltre, non possono che essere nomi illustri del motorsport, come i piloti Farina, Villoresi e Ascari.

Circuito Imola
© autodromoimola.it

Finalmente, nel 1953 prende il via la primissima gara di inaugurazione, il Gran Premio Coni, che di fatto apre la strada poi alla volontà della pista di ospitare tra i più celebri eventi del motorsport, arrivando  nel 1979/1980 all’apice della Formula 1. In quegli anni Imola ospita il Gran Premio d’Italia, di fatto sottraendolo all’eterna rivale di Monza. Un’occasione importante ed emozionante, che vede tra gli spalti anche Enzo Ferrari.

E proprio Ferrari, in un suo libro pubblicato non a caso nel 1980, ha dedicato parole di grande amore e di grande elogio per il tracciato romagnolo.

Enzo Ferrari 1980

Valutai fin dal primo momento che quell’ambiente collinoso poteva un giorno diventare un piccolo Nurburgring per le difficoltà naturali che il costruendo nastro stradale avrebbe compendiato, offrendo così un percorso veramente selettivo per uomini e macchine. Da questo mio parere i promotori di Imola si sentirono confortati. Nel maggio del 1950 si cominciò a costruire. Un piccolo Nurburgring – mi ripetevo quel giorno volgendo lo sguardo intorno – un piccolo Nurburgring, con pari risorse tecniche, spettacolari e una lunghezza di percorso ideale”.

Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio