1950-1959Formula 1On this day

La Ferrari di Maurice Trintignant, batte la concorrenza e si aggiudica il GP di Monaco 1955

Il 22 maggio 1955, a distanza di 3 anni, la Formula 1, tornò a correre sulle strade per principato per la XV edizione del Gran Premio di Monaco, seconda gara stagionale.

mercedes benz w196 GP monaco 1955
© Daimler AG

In griglia solo 20 auto potevano partecipare all’evento e tra queste arrivarono tre Mercedes-Benz con due versioni di monoposto a passo corto assegnate, a Juan-Manuel Fangio e Stirling Moss mentre Hans Herrmann corse, con quella utilizzata nel GP d’Argentina.
Purtroppo il tedesco non riuscì a prender parte alla gara, dopo essersi infortunato pesantemente, in un incidente durante le prove. Per questo fu sostituito in gara dal francese André Simon.

In qualifica di ripeté la sfida tra le vetture tedesche e quelle italiane, che monopolizzarono le prime 12 posizioni in griglia.
Ma il favorito di tutti era Juan Manuel Fangio, tra l’altro vincitore della prima gara del campionato, davanti al proprio pubblico. Infatti, durante le qualifiche del sabato fu proprio l’argentino a conquistare la pole, affiancato da Alberto Ascari con la Lancia D50 e Stirling Moss. I tre, divisi da un solo decimo, fecero meglio di Eugenio Castellotti con l’altra Lancia e Jean Behra con la Maserati.

juan manuel fangio GP monaco1955
© Daimler AG

Terza fila per Roberto Mieres, con la Maserati 250F, affiancato da Luigi Villoresi su Lancia e Luigi Musso con la terza vettura del tridente.
A chiudere la top 10 ci pensarono Maurice Trintignant con versione 625 della Ferrari, davanti a André Simon. Alla dodicesima posizione si piazzò Mike Hawthorn, alla sua prima apparizione a Monte Carlo con la Vanwall, l’unica vettura ufficiale inglese, a parte la Hersham and Walton Motors pilotata da Ted Whiteaway, ma che non si qualificò per la gara.

juan manuel fangio e stirling moss GP monaco1955
© Daimler AG

La gara prese il via con le due Mercedes davanti a tutti, mentre Behra, riuscì, al giro numero 17 a posizionarsi al terzo posto. La classifica si congelò fino all’interminabile sosta del francese, per sistemare un problema alla tubazione dell’olio. Il team del tridente, optò di sostituire Cesare Perdisa, permettendo a Behra di continuare la gara con la sua monoposto.

Dopo 10 giri, il colpo di scena: per un problema alla trasmissione, Fangio fu costretto a parcheggiare la propria vettura, lasciando la leadership a Moss il quale, nonostante un grande vantaggio, iniziò una inutile corsa per tentare di doppiare Ascari, ultimo pilota a pieni giri. Questo comportamento, fece andare in fumo la Mercedes dell’inglese, regalando su un piatto d’argento il primo posto al pilota milanese della Lancia, seguito dal ferrarista Trintignant e da Eugenio Castellotti.

Ma la gloria di Ascari durò solo qualche chilometro: perché alla Chicane del Porto, il pilota italiano perse il controllo della propria vettura, sfondando le protezioni laterali della pista e finendo in mare.
Situazione che lasciò tutti sbigottiti, ma che fortunatamente si risolse, in pochi attimi, con Ascari che risalì a galla, raggiungendo un assistente che nel frattempo si tuffò, per soccorre il povero pilota, che ne uscì con taglio sul naso. Le cause dell’incidente furono avvalorate da Ascari, che parlò di un bloccaggio del freno anteriore destro, dovuto al passaggio sull’olio lasciato da Moss.

Al comando si ritrovò Maurice Trintignant, che vinse la sua prima vittoria in carriera, seguito da Castellotti. In terza posizione si piazzò la Maserati della coppia Behra/Perdisa.

Ecco l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 44 France Maurice Trintignant
Italy Ferrari 02:58:09.800 100
9
8
2 30 Italy Eugenio Castellotti
Italy Lancia 02:58:30.000 100
4
6
3 34 France Jean Behra
Italy Cesare Perdisa
Italy Maserati +-98 laps 99
99
5
5
2
2
4 42 Italy Nino Farina
Italy Ferrari +1 lap 99
14
3
5 28 Italy Luigi Villoresi
Italy Lancia +1 lap 99
7
2
6 32 Monaco Louis Chiron
Italy Lancia +5 laps 95
19
0
7 10 France Jacques Pollet
France Gordini +9 laps 91
20
0
8 48 Italy Piero Taruffi
Belgium Paul Frère
Italy Ferrari +-72 laps 86
86
15
15
0
0
9 16 United Kingdom Stirling Moss
Germany Mercedes +19 laps 81
3
0
RIT 40 Italy Cesare Perdisa
France Jean Behra
Italy Maserati Spun off 86
86
11
11
0
0
RIT 26 Italy Alberto Ascari
Italy Lancia Accident 80
2
0
RIT 46 United States Harry Schell
Italy Ferrari Engine 68
18
0
RIT 36 Argentina Roberto Mieres
Italy Maserati Transmission 64
6
0
RIT 12 France Élie Bayol
France Gordini Transmission 63
16
0
RIT 2 Argentina Juan Manuel Fangio
Germany Mercedes Transmission 49
1
1
RIT 8 France Robert Manzon
France Gordini Gearbox 38
13
0
RIT 4 France André Simon
Germany Mercedes Engine 24
10
0
RIT 18 United Kingdom Mike Hawthorn
United Kingdom Vanwall Throttle 22
12
0
RIT 14 France Louis Rosier
Italy Maserati Fuel leak 8
17
0
RIT 38 Italy Luigi Musso
Italy Maserati Transmission 7
8
0
DNQ 22 United Kingdom Lance Macklin
Italy Maserati No Time 0

0
DNQ 24 United Kingdom Ted Whiteaway
United Kingdom HWM No Time 0

0
DNQ 4 Germany Hans Herrmann
Germany Mercedes Driver injured 0

0

Sorgente
Credits Foto
Topics
Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close