2000-2009Formula 1On this day

La Spagna sorride a Kimi Raikkonen nel 2005, conquistando la sua prima vittoria stagionale

L’8 Maggio 2005, Kimi Raikkonen dominò il Gran Premio di Spagna disputato sul circuito di Catalunya; il pilota della McLaren Mercedes, riuscì a mettere fine, momentaneamente alla supremazia della Renault. Il finlandese tagliò per primo il traguardo dopo 66 giri, di fronte ad una folla di 115.000 persone, con un vantaggio di quasi 30 secondi sul secondo classificato, l’idolo del pubblico Fernando Alonso. Jarno Trulli su Toyota giunse terzo mentre il suo compagno di squadra Ralf Schumacher chiuse al quarto posto.

Sarebbe potuta andare diversamente per la Ferrari di Michael Schumacher, partito ottavo e risalito fino al terzo posto grazie ad una strategia indovinata. Il tedesco, però, subì la perdita di pressione della posteriore sinistra quando mancavano 22 giri al termine della corsa, e dopo la sostituzione della gomma danneggiata fu vittima dello stesso problema, questa volta all’anteriore. Il tedesco a questo punto dovette rientrato definitivamente ai box. Il suo compagno di squadra, Rubens Barrichello, costretto a partire dal fondo in seguito alla sostituzione del propulsore, avvenuta nella mattinata di sabato, non riuscì a raggiungere la zona punti.

gp spagna 2005 partenza
© Ferrari

Nella giornata di domenica, in una splendida giornata di sole, al via Kimi Raikkonen prese subito la testa della corsa, con Alonso che passò Ralf Schumacher, insediandosi al secondo posto. Lo stesso Ralf Schumacher guadagnò una posizione sopravanzando Mark Webber, scattato dalla prima fila.. Dietro di lui sfilano Fisichella, Trulli, Michael Schumacher, Montoya e Coulthard.

Al via le due Minardi rimasero bloccate sul rettifilo principale, costringendo la direzione gara a far entrare in pista la Safety Car. Quando la gara riprese Raikkonen cominciò a guadagnare visibilmente su Alonso, mentre Ralf Schumacher conservò la terza posizione, pressato da Webber. Trulli mantenne il quinto posto dopo aver acquisito un buon margine su Giancarlo Fisichella.

Dopo 14 giri Raikkonen riuscì a guadagnare 10 secondi di vantaggio su Alonso, ma nelle successive 10 tornate il suo distacco aumentò ulteriormente, raggiungendo i 25 secondi. Il pilota spagnolo della Renault sembrò infatti soffrire di problemi di guidabilità, tanto che Ralf Schumacher lo raggiunse in breve tempo, ma senza riuscire a superarlo. Webber rientrò ai box per primo, al 18° giro, cedendo la quarta posizione a Jarno Trulli, che riescì a porsi nella scia del suo compagno di squadra. Entrambi i piloti della Toyota a questo punto erano in caccia di Alonso. Dietro, un trenino di vetture guidato da Fisichella, seguito da Montoya che riuscì a passare Schumacher, poi Coulthard e Massa.

Al 24° giro rientrò ai box Ralf Schumacher, seguito da Trulli che una volta terminata la sua sosta si ritrovò davanti al compagno di squadra. Due tornate dopo, si fermarono anche il leader della gara e Alonso, seguiti da Coulthard e Massa.

A metà corsa era ancora Raikkonen in testa, davanti al tedesco della Ferrari, che ancora non ha effettuato il proprio rifornimento. Al 32° giro, arrivò la sosta di Schumacher che rientrò in pista al quarto posto.

gp spagna 2005 schumacher
© Ferrari

Passati 8 passaggi, Fisichella cominciò a rallentare per una perdita di aderenza della sua monoposto, questo costrinse il pilota romano ad una ulteriore sosta non programmata e consentendo ad Alonso di salire al secondo posto, mentre Schumacher assaporava il podio virtuale. Ma al 44° giro sulla monoposto del tedesco si verificò un problema, lo pneumatico posteriore sinistro iniziò a perdere pressione: questo costrinse il tedesco a rientrare ai box, perdendo diverse posizioni, purtroppo il problema si ripresentò al rientro in pista, ma con l’anteriore sinistra. Oramai la gara era compromessa, così al muretto Ferrari decisero di far rientrare definitivamente il campione del Mondo in carica.

La gara proseguiva con Raikkonen, davanti a Fernando Alonso, che a sua volta aveva un margine di 22 secondi su Trulli. Quarto è Ralf Schumacher, quinto Coulthard. Al 49° arrivarono le seconte soste, senza stravolgimenti di classifica.

Raikkonen mantenne senza difficoltà la prima posizione fino alla bandiera a scacchi. Alonso conquistò il secondo posto senza essere mai riuscito ad impensierire il pilota finlandese, mentre Trulli la spuntò di poco sul compagno di squadra Ralf Schumacher. Webber perse il quinto posto proprio a due giri dal termine, a vantaggio di Giancarlo Fisichella che realizzò un bel sorpasso in fondo al rettilineo principale. Montoya chiuse settimo, dopo una gara che lo ha vide fermarsi ben tre volte ai box. Coulthard finì ottavo, tenendo dietro Barrichello, appena fuori dalla zona punti.

Ecco l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 9 Finland Kimi Raikkonen
United Kingdom McLaren 01:27:16.830 66
1
10
2 5 Spain Fernando Alonso
France Renault 01:27:44.482 66
3
8
3 16 Italy Jarno Trulli
Japan Toyota 01:28:02.777 66
5
6
4 17 Germany Ralf Schumacher
Japan Toyota 01:28:03.549 66
4
5
5 6 Italy Giancarlo Fisichella
France Renault 01:28:14.766 66
6
4
6 7 Australia Mark Webber
United Kingdom Williams 01:28:25.330 66
2
3
7 10 Colombia Juan Pablo Montoya
United Kingdom McLaren +1 lap 65
7
2
8 14 United Kingdom David Coulthard
Austria Red Bull +1 lap 65
9
1
9 2 Brazil Rubens Barrichello
Italy Ferrari +1 lap 65
16
0
10 8 Germany Nick Heidfeld
United Kingdom Williams +1 lap 65
17
0
11 12 Brazil Felipe Massa
Switzerland Sauber Puncture 63
10
0
12 18 Portugal Tiago Monteiro
Ireland Jordan +3 laps 63
18
0
13 19 India Narain Karthikeyan
Ireland Jordan +3 laps 63
13
0
RIT 11 Canada Jacques Villeneuve
Switzerland Sauber Engine 51
12
0
RIT 1 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari Puncture 46
8
0
RIT 21 Netherlands Christijan Albers
Italy Minardi Gearbox 19
14
0
RIT 20 Austria Patrick Friesacher
Italy Minardi Spun off 11
15
0
RIT 15 Italy Vitantonio Liuzzi
Austria Red Bull Spun off 9
11
0

Sorgente
Ferrari
Topics
Pubblicità

Silvano Lonardo

Appassionato di tecnologia, Formula 1, Lego e vinili. Mi occupo web, SEO, web marketing e Google ADS. Blogger, insegnante di nuoto e papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close