fbpx
1920-19291990-1999BiografieOn this day

L’arte di Paco Godia

Francisco Godia Sales, noto come Paco Godia, è nato il 21 marzo 1921 a Barcellona. Il pilota spagnolo ha esordito nel 1945 sul circuito di Montjuïc al volante di una Hotchkiss. Nel 1948 ha partecipato al Gran Premio di Albi con una Maserati, classificandosi sesto, e nel 1949 è giunto quarto a Le Mans con una Delage.

Nel 1950 ha gareggiato in Formula 2, guidando una Maserati al Gran Premio di Penya Rhin. Nel 1951 ha debuttato nel Campionato Mondiale di Formula 1 al Gran Premio di Spagna con la Scuderia Milano Maserati 4CLT, chiudendo al decimo posto. È stato, insieme a Juan Lover, il primo pilota spagnolo a partecipare a una gara di Formula 1.

paco godia pau gp 1957
© Getty Images

Ha ripreso a correre in Formula 1 nel 1954 al Gran Premio di Spagna, terminando sesto. Nel 1956, alla guida della Maserati 250F, ha conseguito un quarto posto nei Gran Premi di Germania e Italia, chiudendo al nono posto nel campionato, la posizione più alta mai raggiunta da un pilota spagnolo in Formula 1 prima di Fernando Alonso.

Nel 1957 ha partecipato come pilota privato agli ultimi tre eventi, ottenendo come miglior risultato il nono posto in Italia. Nelle gare non valide per il campionato, non ha completato le prove a Siracusa, Reims e Pau, ma ha tagliato il traguardo sesto al Gran Premio de Maroc e ha conquistato il podio nelle auto sportive in Svezia.

Hawthorn e Collins con la Ferrari al Nurburgring 1957 passano Paco Godia fermano ai box
© Willy Pragher/Wikipedia

Nel 1958 ha ottenuto il terzo posto al Gran Premio di Siracusa, gara non valida per il campionato, con la vecchia Maserati 250F. Dopo l’ottavo posto in Argentina, ha dovuto ritirarsi nelle altre tre gare a cui ha partecipato.

Ha fatto un breve ritorno alle corse nel 1966, partecipando a una gara di Formula 2 a Barcellona con una Lotus 32, e l’anno successivo con una Brabham BT15. Nel 1968 ha gareggiato con le auto sportive e ha vinto la 6 ore di Barcellona con Brian Muir al volante di una Ford GT40. Nel 1969 ha guidato una Porsche 908 Spyder nelle 12 ore di Barcellona e nella gara di 6 ore a Jarama. Alla fine dell’anno ha concluso la sua carriera di pilota, ma ha continuato a influenzare il mondo automobilistico, soprattutto per la costruzione del circuito di Catalunya.

Oltre alla sua carriera automobilistica, Godia è stato anche un appassionato collezionista d’arte, fondando un museo a Barcellona per esporre la sua eccezionale collezione di dipinti, sculture e ceramiche medievali. È deceduto il 28 novembre 1990.

PHOTO CREDITS
gettyimages.ch
Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio