fbpx
1980-1989Formula 1On this day

Lauda svalutato, Lauda che lascia

Austria 1985: decima prova del GP di F1. Nei box l’attesa è tanta…

Il GP sarà teatro dell’ennesimo duello tra Prost ed Alboreto, ma anche dell’attesa conferenza stampa indetta da Lauda per il sabato prima dell’inizio delle prove.

Venerdì, le McLaren, grandi favorite della vigilia, dimostrano subito di essere le più veloci.

Prost riesce a battere Lauda, imponendo un tempo di quasi 8 decimi più veloce.

Subito dietro le McLaren si piazzano le Williams Honda.

Le Ferrari si rivelano subito poco competitive: Johansson undicesimo, peggio di lui Alboreto che troviamo addirittura diciannovesimo.

Il pilota italiano fu vittima di diverse rotture che lo obbligarono a qualificarsi con la macchina del compagno, ovviamente non regolata a sua misura.

Alla conferenza stampa di Niki, sabato, ci sono addetti ai lavori, giornalisti e curiosi.

Lauda, oltre che un fuoriclasse è un personaggio e le sue conferenze non sono mai banali.

L’austriaco, dopo un rapido preambolo, annuncia a tutti che si sarebbe ritirato dalle competizioni alla fine della stagione in corso e che al suo posto in McLaren sarebbe arrivato un altro ex iridato

Sulla platea cala un assordante silenzio, nessuno avrebbe immaginato questa decisione!

I più attribuiscono il ritiro del campione alla scelta della McLaren di aver optato per Rosberg, offertosi alla scuderia inglese con un ingaggio molto più basso di quello dell’austriaco…

Lauda, a onor del vero, si irritò moltissimo col collega finlandese, per il quale nutriva poca stima, ma ancora di più con il team.

La McLaren, accettando l’offerta al ribasso di Rosberg, di fatto aveva rinnegato tutto il lavoro fatto con Niki e gli accordi presi con il pilota!

Conscio del proprio valore, Lauda, preferisce annunciare il ritiro, ben consapevole che avrebbe finito la stagione da separato in casa…, ma la dignità ed i valori hanno pur sempre un peso!

Il sabato, dopo pochi minuti dall’inizio delle qualifiche, sul circuito si abbatte un forte temporale.

Nei primi minuti delle prove, Mansell riesce a strappare il secondo posto a Lauda, mentre Alboreto riesce a risalire fino al nono posto.

Il giorno della gara Lauda promette di vincere.

Allo scattare del verde infila il poleman Prost e sembra poter dominare la gara.

Nel gruppo una serie di incidenti, innescati dalla partenza lenta di Mansell, obbligano la direzione di gara ad esporre la bandiera rossa per permettere alle macchine coinvolte di poter ripartire.

Ad approfittarne è anche Prost, che già nel primo giro si era accorto di avere dei problemi alla trasmissione della propria macchina.

Alla seconda partenza Prost riesce mantenere la testa, mentre l’ennesima partenza al rallenty di Mansell consente a Rosberg di occupare la seconda posizione ai danni di Niki Lauda.

Subito dietro tutti gli altri, con Ferrari e Lotus impegnate in una sfida di altri tempi, purtroppo lontano dalle posizioni che contano…

Dopo pochi giri, Rosberg si arrende al motore della sua monoposto, lasciando al duo McLaren pista libera.

Lauda e Prost accelerano diventando imprendibili per chiunque e rendendo monotona la gara…

A riaccendere l’attenzione è, purtroppo, l’incidente occorso a De Cesaris che, dopo essere stato autore di diversi tonneau, alla curva Texaco distrugge la sua Ligier, uscendone fortunatamente illeso…

andrea de cesaris gp austria 1985
© LAT Images

Prost si accorge che le gomme della sua McLaren stanno avendo un consumo anomalo, probabilmente sulla macchina non erano state fatte le regolazioni da lui richieste…

Risultato?

Deve fermarsi ai box per cambiarle, lasciando campo libero a Lauda che, con un ritmo martellante, si porta a 30 secondi di vantaggio sul compagno!

L’austriaco sembra avere la vittoria in mano. Prost, sfruttando le gomme nuove, riesce a rosicchiargli un po’ del margine guadagnato, ma senza nessuna speranza di vittoria.

La svolta del GP d’Austria 1985 la troviamo al quarantesimo giro, quando Johansson tenta di passare Alboreto, più per spingerlo ad aumentare il ritmo che per un vero desiderio di sopraffarlo, e Lauda vede il suo motore emettere una nefasta nuvola grigiastra e…rompersi…

stefan johansson gp austria 1985
© Ferrari

Prost, privo dello scomodo compagno di squadra, è libero di conquistare la sua ventesima vittoria!

A seguire un coriaceo Senna ed un pervicace Alboreto, che col terzo posto tiene vive le sue speranze mondiali…

L’ordine di arrivo del GP d’Austria 1985

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 2 France Alain Prost
United Kingdom McLaren 01:20:12.583 52
1
9
2 12 Brazil Ayrton Senna
United Kingdom Lotus 01:20:42.585 52
14
6
3 27 Italy Michele Alboreto
Italy Ferrari 01:20:46.939 52
9
4
4 28 Sweden Stefan Johansson
Italy Ferrari 01:20:51.656 52
12
3
5 11 Italy Elio de Angelis
United Kingdom Lotus 01:21:34.675 52
7
2
6 8 Switzerland Marc Surer
United Kingdom Brabham +1 lap 51
11
1
7 3 Germany Stefan Bellof
United Kingdom Tyrrell Out of Fuel 49
22
0
8 18 Belgium Thierry Boutsen
United Kingdom Arrows +3 laps 49
16
0
9 24 Netherlands Huub Rothengatter
Italy Osella +4 laps 48
24
0
10 15 France Patrick Tambay
France Renault Engine 46
8
0
RIT 26 France Jacques Laffite
France Ligier Accident 43
15
0
RIT 29 Italy Pierluigi Martini
Italy Minardi Suspension 40
23
0
RIT 1 Austria Niki Lauda
United Kingdom McLaren Engine 39
3
0
RIT 17 Austria Gerhard Berger
United Kingdom Arrows Turbo 33
17
0
RIT 19 Italy Teo Fabi
United Kingdom Toleman Electrical 31
6
0
RIT 16 United Kingdom Derek Warwick
France Renault Engine 29
13
0
RIT 10 United Kingdom Kenny Acheson
United Kingdom RAM Engine 28
23
0
RIT 7 Brazil Nelson Piquet
United Kingdom Brabham Exhaust 26
5
0
RIT 5 United Kingdom Nigel Mansell
United Kingdom Williams Engine 25
2
0
RIT 22 Italy Riccardo Patrese
Italy Alfa Romeo Engine 25
10
0
RIT 30 United Kingdom Jonathan Palmer
Germany Zakspeed Engine 17
25
0
RIT 9 France Philippe Alliot
United Kingdom RAM Turbo 16
21
0
RIT 25 Italy Andrea de Cesaris
France Ligier Accident 13
18
0
RIT 23 United States Eddie Cheever
Italy Alfa Romeo Turbo 6
20
0
RIT 6 Finland Keke Rosberg
United Kingdom Williams Oil Pressure 4
4
0
DNS 20 Italy Piercarlo Ghinzani
United Kingdom Toleman Non Starter 0
19
0
DNQ 4 United Kingdom Martin Brundle
United Kingdom Tyrrell No Time 0

0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio