fbpx
2000-2009Formula 1On this day

Le Ferrari ritornano, Alonso si prepara ad andare

Il 19 dicembre 2005, la Formula Uno in letargo per la pausa invernale, viene scossa da una notizia che riscalda gli animi: il campione del mondo 2005, Alonso, ha firmato per la McLaren per disputare la stagione 2007 con team anglo tedesco.
La Renault accusa il colpo ma confida nella proffessionalità dello spagnolo che dovrà difendere il titolo e cercare di bissare il trionfo nel 2006.
Nella stagione 2005, l’assurdo regolamento che vietava i cambi gomma, aveva favorito i teams gommati Michelin e la McLaren Mercedes di Raikkonen è stata la sfidante principale del binomio franco iberico.
Nella imminente stagione 2006 la federazione ha deciso di reinserire i cambi gomma e improvvisamente l’avversario di Alonso cambia e sin dai test si evidenzia un ritorno ai vertici della Ferrari che, affianco a Schumy ha deciso di schierare la promessa Felipe Massa facendo contento il figlio di Todt, da sempre manager del brasiliano.
Eccezionalmente il mondiale prende il via in Bahrain e fin dalle prime prove si capisce che l’annata sarà una lotta tra Alonso e Schumacher.
Alla fine delle qualifiche la prima fila è un monocolore rosso Ferrari con Schumacher in pole davanti a Massa.
Al via il tedesco tiene la prima posizione protetto dal compagno Massa che riesce a tenersi dietro Alonso.
Nonostante la Ferrari sia un pò piu veloce, Alonso approfitta di qualche sbavatura di Massa e azzarda un sorpasso che lo porta al secondo posto e si prepara ad andare a prendere il tedesco della Ferrari.
Massa prova a tenere il ritmo dello spagnolo ma in fondo al rettilineo ritarda troppo la frenata e si gira in un spettacolare testacoda.
La corsa sembra in pausa, le posizioni rimangono invariate anche dopo la prima serie di pit stop. Al giro 36 Schumacher rientra er la seconda sosta lasciando il comando ad Alonso che, con pista libera, riesce a compiere tre giri con tempi record e rientra per la sua seconda sosta.
Al termine del pit stop, il campione del mondo esce alla pari col tedesco della Ferrari, ma riesce a sopravanzarlo con una frenata al limite.
I giri che separano dalla bandiera scacchi sono una lotta tra il campione del domani, Alonso e il re incontrastato della Formula 1, Schumacher.
Le prestazioni troppo simili di Renault e Ferrari di fatto congelano la classifica. A far divertire il pubblico ci ha pensato Raikkonen, di cui si dice abbia già firmato per la Ferrari, che dall’ultima posizione riesce a risalire fino al terzo posto.
Quando la bandiera a scacchi si abbassa il campione del mondo vince di un inezia davanti a Schumacher e, più staccato Raikkonen.
Curiosamente il podio vede tutti piloti che intrecceranno la loro carriera col cavallino ma soprattutto che, viste le prestazioni così simili di Renault e Ferrari, saranno i dettagli a decretare il vincitore finale.

GO Bahrain 2016: la classifica finale

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Spain Fernando Alonso
France Renault 01:29:46.205 57
4
10
2 5 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:29:47.451 57
1
8
3 3 Finland Kimi Raikkonen
United Kingdom McLaren 01:30:05.565 57
22
6
4 12 United Kingdom Jenson Button
Japan Honda 01:30:06.197 57
3
5
5 4 Colombia Juan Pablo Montoya
United Kingdom McLaren 01:30:23.253 57
5
4
6 9 Australia Mark Webber
United Kingdom Williams 01:30:28.137 57
7
3
7 10 Germany Nico Rosberg
United Kingdom Williams 01:30:49.248 57
12
2
8 15 Austria Christian Klien
Austria Red Bull 01:30:52.976 57
8
1
9 6 Brazil Felipe Massa
Italy Ferrari 01:30:56.112 57
2
0
10 14 United Kingdom David Coulthard
Austria Red Bull 01:31:01.746 57
13
0
11 20 Italy Vitantonio Liuzzi
Italy Toro Rosso 01:31:12.202 57
15
0
12 16 Germany Nick Heidfeld
Switzerland BMW Sauber +1 lap 56
10
0
13 21 United States Scott Speed
Italy Toro Rosso +1 lap 56
16
0
14 7 Germany Ralf Schumacher
Japan Toyota +1 lap 56
17
0
15 11 Brazil Rubens Barrichello
Japan Honda +1 lap 56
6
0
16 8 Italy Jarno Trulli
Japan Toyota +1 lap 56
14
0
17 18 Portugal Tiago Monteiro
Russian Federation Midland +2 laps 55
19
0
18 22 Japan Takuma Sato
Japan Super Aguri +4 laps 53
20
0
RIT 23 Japan Yuji Ide
Japan Super Aguri Mechanical 35
21
0
RIT 17 Canada Jacques Villeneuve
Switzerland BMW Sauber Engine 29
11
0
RIT 2 Italy Giancarlo Fisichella
France Renault Hydraulics 21
9
0
RIT 19 Netherlands Christijan Albers
Russian Federation Midland Driveshaft 0
18
0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio