Lewis Hamilton squalificato, Felipe Massa vince nel 2008 il GP del Belgio


gp belgio 2008 felipe massa
© Ferrari

Il 7 settembre 2008, Felipe Massa vinse il gran premio del Belgio, tredicesima gara della stagione di Formula 1. Ma il primo a passare sotto la bandiera a scacchi, fu Lewis Hamilton, penalizzato successivamente per aver tagliato l’ultima chicane del tracciato in un duello con il pilota finlandese della Ferrari che proprio negli ultimi 4 giri finì KO, tradito dalla pioggia. Una gara condotta con grande temperamento da Kimi Raikkonen, ma che terminò proprio nelle ultime fasi della corsa.

Raikkonen domina ma poi abdica

gp belgio 2008 podio
© Ferrari

Kimi Raikkonen partì quarto, alla prima curva era terzo, al termine del primo giro secondo, al secondo passaggio primo. Un ritmo nella prima parte di gara inarrivabile per tutti, Hamilton compreso ma poi la pioggia. A poche tornate dalla fine, il campione del mondo in carica dovette abdicare, dicendo addio al possibile bis mondiale con la Ferrari. Raikkonen finì a muro durante il duello finale con Hamilton che, anch’egli fuori pista evitò i muretti e conquistò momentaneamente un vittoria fondamentale per il titolo.

Massa ora pretende la prima guida

Felipe Massa, secondo al via dietro a Hamilton, “secondo” (poi vinse la gara) al traguardo e secondo nella classifica piloti, sempre dietro il pilota inglese della McLaren. Con otto punti di distacco da Hamilton in classifica, contro i 23 di Raikkonen, il brasiliano pretese la prima guida. E molto probabilmente ora la Ferrari non potrà dichiarare ancora che i due piloti possono giocarsela ad armi pari.

Podio le Nick Heidfeld, quasi podio per la Toro Rosso di Sébastien Bourdais

Sul terzo gradino del podio salì Nick Heidfeld ma fino a poche tornate dal traguardo, Bourdais occupava una storica terza posizione. La decisione della Bmw di montare le gomme intermedie nel finale, insieme ad Alonso, fecero sfumare un risultato migliore per il team ex-Minardi.

I commissari indagano sulla manovra di Lewis Hamilton

gp belgio 2008 felipe massa
© Ferrari

Il “ragazzino”, come lo definì Luca Baldisserri, superò Raikkonen dopo un taglio di chicane. Da qui il reclamo della Scuderia di Maranello che costò una sanzione al pilota della McLaren. I giudici sentirono i due piloti coinvolti, Hamilton prima e Raikkonen, dopo. La Ferrari lamentò che il pilota inglese della McLaren abbia tratto vantaggio dal taglio di chicane. Inoltre la stessa Scuderia di Maranello lamentò i continui cambi di direzione di Hamilton nel duello finale con Raikkonen. Ritenuto colpevole, il pilota inglese, subì una penalizzazione di 25 secondi finendo al terzo posto e lasciando a Felipe Massa la vittoria.

L’ordine d’arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 2 Brazil Felipe Massa
Italy Ferrari 01:22:59.394 44
2
10
2 3 Germany Nick Heidfeld
Switzerland BMW Sauber 01:23:08.777 44
5
8
3 22 United Kingdom Lewis Hamilton
United Kingdom McLaren 01:23:09.933 44
1
6
4 5 Spain Fernando Alonso
France Renault 01:23:13.872 44
6
5
5 15 Germany Sebastian Vettel
Italy Toro Rosso 01:23:13.970 44
10
4
6 4 Poland Robert Kubica
Switzerland BMW Sauber 01:23:14.431 44
8
3
7 14 France Sébastien Bourdais
Italy Toro Rosso 01:23:16.129 44
9
2
8 10 Australia Mark Webber
Austria Red Bull 01:23:42.170 44
7
1
9 12 Germany Timo Glock
Japan Toyota 01:24:06.439 44
13
0
10 23 Finland Heikki Kovalainen
United Kingdom McLaren Gearbox 43
3
0
11 9 United Kingdom David Coulthard
Austria Red Bull +1 lap 43
14
0
12 7 Germany Nico Rosberg
United Kingdom Williams +1 lap 43
15
0
13 20 Germany Adrian Sutil
United Kingdom Force India +1 lap 43
18
0
14 8 Japan Kazuki Nakajima
United Kingdom Williams +1 lap 43
19
0
15 16 United Kingdom Jenson Button
Japan Honda +1 lap 43
17
0
16 11 Italy Jarno Trulli
Japan Toyota +1 lap 43
11
0
17 21 Italy Giancarlo Fisichella
United Kingdom Force India +1 lap 43
20
0
18 1 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari Spun off 42
4
0
RIT 17 Brazil Rubens Barrichello
Japan Honda Gearbox 19
16
0
RIT 6 Brazil Nelson Piquet Jr.
France Renault Spun off 13
12
0

Se ti è piaciuto condividilo sui social. Ti sarò eternamente grato.

Nessun commento

Lasciami un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.