fbpx
1930-19391960-1969BiografieFormula 1IndyCar

Mike Spence: l’angelo della curva uno

Mike Spence nacque a Croydon, nel Surrey (rione nella zona sud di Londra), il 30 dicembre 1936. Spence sconfisse la poliomielite da bambino, fortunatamente senza effetti negativi.

Suo padre e suo zio possedevano una società denominata Coburn Engineering Ltd che gestiva un garage a Maidenhead. Nel 1957, dopo aver terminato il servizio militare, Mike si unì alla società.

Aveva sempre nutrito il sogno di diventare un pilota da corsa. Iniziò a gareggiare nel 1959 all’età di 22 anni con l’auto sportiva Turner 950 di suo padre. Avendo dimostrato un certo talento, provò una AC-Bristol prima di acquistare una vettura Cooper T52 di Formula Junior nel 1960 iscritta sotto la bandiera della Coburn Engineering Racing. Dopo essere arrivato costantemente tra i primi 5 all’inizio della stagione, vinse lo Stanley Sears Trophy a maggio e l’evento North Staffs MC a settembre. Vinse anche la prima manche al GP della Lotteria a Monza.

Grazie alle sue buone prestazioni nel 1960, acquistò una nuova Emeryson Formula Junior.

Nel 1961, fece il suo debutto in Formula 1 nel Solitude GP fuori campionato in Germania, guidando una Emeryson-Climax ufficiale. Corse con la stessa vettura più tardi quell’anno nel Lewis-Evans Trophy a Brands Hatch, finendo secondo, e nel Commander York Trophy a Silverstone, che vinse.

L’anno seguente, Spence entrò nella sua Formula Junior Lotus sotto la guida del team di Ian Walker. Mike preparava lui stesso l’auto la sera dopo il lavoro; ottenne molti piazzamenti nei primi tre posti e una grande vittoria a Reims.

Nel 1963, fu assunto dal Team Lotus gestito da Ron Harris con un contratto di tre anni. Guidò nel team Formula Junior, ma la vettura si rivelò difficile da gestire e la fiducia di Mike calò. Tuttavia, le cose gradualmente migliorarono quando l’auto fu resa più competitiva. Verso la fine della stagione, fece il suo debutto nel Gran Premio d’Italia dopo che Trevor Taylor si era infortunato. Con una Lotus 25 era settimo, quando il motore si spense.
Nel 1964, la Lotus iniziò l’anno con Jim Clark e Arundell in Formula 1, sebbene Spence avesse già corso in Formula 1 nel Gran Premio di Syracuse, fuori campionato. Spence corse principalmente in F2, vincendo il campionato britannico di Formula 2 per il Team Lotus. Tuttavia, a luglio, Arundell ebbe un grave incidente nella gara di Formula 2 a Reims e Spence divenne il secondo pilota di Clark. Unendosi a Clark a partire dal Gran Premio di Gran Bretagna, Spence finì sesto in Italia, nel Gran Premio degli Stati Uniti a Watkins Glen era secondo prima del guasto all’iniettore mentre arricò quarto in Messico.

gp sudafrica 1965 - Mike Spence, Jim Clark e Graham Hill
Nella foto: Mike Spence, Jim Clark e Graham Hill

Anche se Peter Arundell aveva fatto una buona impressione non era ancora del tutto in forma. Pertanto, Colin Chapman mantenne Spence nella squadra con Jim Clark per il 1965. Spence vinse la Race of Champions e si comportò bene in altre occasioni. Tuttavia, Arundell era pronto a tornare e per la stagione ’66, Mike fu escluso dalla guida, ma si congedò alla grande vincendo il Gran Premio del Sudafrica, fuori campionato, il giorno di Capodanno.

mike spence 1965 East London GP
© Wikimedia

Spence, fu così ingaggiato dalla BRM, trovando un sedile fisso alla Reg Parnell Racing, utilizzando vecchie Lotus 25 equipaggiate con motori V8 BRM da 2 litri. Il pilota britannico amava anche le gare di auto sportive e sempre lo stesso anno guidò una Ford GT40 privata nella 1000 km del Nürburgring, finendo 12° assoluto con Richard Bond.

Fu promosso nel team ufficiale BRM nel 1967, insieme a Jackie Stewart, per aiutare a risolvere la problematica vettura BRM H16. Spence fece un lavoro superbo, arrivando quinto nel Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps, tre posizioni dietro Stewart, nell’unica occasione in cui entrambe le BRM H-16 finirono a punti insieme.

Spence corse anche con la favolosa Chaparral alata con Phil Hill, che era veloce ma fragile e soffriva di ripetuti guasti alla trasmissione. Tuttavia, a Brands Hatch, con la BOAC 500, l’auto ebbe il suo grande giorno, facendo meglio delle Ferrari. Spence corse anche nel Can-Am Challenge del 1967 al volante di una McLaren M1B-Chevrolet, finendo terzo due volte.

Pronto per il successo

Nel 1968, Mike Spence correva da dieci anni e con la nuova BRM P126 con motore V12 si fece notare sia nei warm-up in F1, sia nella Brands Hatch Race of Championships che nella Silverstone International Trophy. Nel frattempo si sposò e iniziò a gestire una prospera attività di garage a Maidenhead. Tutto sembrava pronto per il successo ma il destino la pensò diversamente.

colin champman 20 giugno 1965
© Wikimedia/Anefo

Dopo la morte di Jim Clark, Colin Chapman invitò Spence, una settimana prima delle prime corse di qualificazione, a unirsi alla Lotus con turbina al Brickyard 400 con il team Granatelli. L’inglese di Croydon guidò la STP-Lotus progettata da Chapman lungo l’Indianapolis Speedway in una giornata ventosa per un giro di prova e dove ottenne il secondo giro più veloce di sempre. Spence però aveva intenzione con Graham Hill per correre a Madrid il Gran Premio di Spagna per poi tornare a Indianapolis. Ma prima che la giornata finisse, quando mancavano solo 48 minuti alle prove, decise di testare la turbina del suo compagno di squadra, Greg Weld. Apparentemente Spence perse il controllo nella prima curva, scivolò per 300 piedi e colpì il muro con un angolo di 45 gradi. Gli osservatori credettero che la ruota anteriore destra parzialmente allentata si fosse piegata all’indietro e avesse strappato il casco di Spence, ma il pilota fu trovato con il sottogola ancora allacciato e con i segni dei pneumatici su di esso. L’auto rimbalzò per 110 metri lungo il muro per poi finire al centro della pista.

L’osservatore capo, Walt Myers, disse al pilota inglese che stava andando troppo in alto in curva e che aveva acceso la luce gialla per avvertire Spence. Mentre nei test di guida per principianti il capo steward Harln Fengler aveva avvertito Spence delle “curve non convenzionali” e di non affrontarle troppo basse.

Quel giorno Graham Hill e Spence fecero segnare dei record di velocità spingendo le loro vetture turbo oltre i 250 Km/h: era la prima volta che due auto raggiungevano velocità così elevate.

Spence non riprese ma conoscenza: morì circa quattro ore dopo l’incidente, per ferite alla testa. Sua moglie, Sandy, in quel momento era a Londra.

Colin Chapman aveva perso due buoni amici: Jimmy Clark in aprile nella gara di Formula II a Hockenheim, in Germania, e ora Mike Spence. Il caso vuole che in passato Clark aveva programmato di correre per il team di Andy Granatelli, ma fu sostituito poi da Mike Spence. A seguito dell’incidente di Spence, Chapman disse che non avrebbe più corso nelle gara di Indy, lasciò tutto e accompagnò il corpo del pilota in Inghilterra. La mattina successiva all’incidente, le turbine erano scomparse dai garage; l’USAC le sequestrò per un controllo approfondito. Ma non trovarono nulla di anomalo nelle tre vetture rimanenti tantoché Joe Leonard, Art Pollard e Graham Hill le guidarono in gara, finendo rispettivamente 12°, 13° e 19°.

Con la morte di Spence, il mondo del motorsport perse uno dei suoi talenti più promettenti. Spence aveva il potenziale per diventare uno dei più grandi piloti di Formula 1 di tutti i tempi.

Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio