fbpx
1970-1979Formula 1On this day

Monza 1977: attenti all’uomo nero

Nel 1977 Monza, il tempio della velocità, abbraccia una Ferrari in testa alla classifica ed il pubblico si aspetta, neanche a dirlo, un bagliore rosso tagliare il traguardo in prima posizione!

L’annuncio della separazione tra la casa del cavallino e Lauda ha lasciato il pubblico impietrito: nessuno riesce a capacitarsi che l’uomo che ha fatto grande la Ferrari possa divorziare per andare alla Brabham…

Nelle prove i big sono tutti vicinissimi, il campione del mondo Hunt, con un gran giro, si assicura la pole position, ma accanto a lui ecco una rossa,…quella di Reutemann.

niki lauda gp italia 1977
© Hoch Zwei

L’argentino viene applaudito dalla folla che sta imparando ad amarlo, al posto di Lauda.

Al via Scheckter scatta benissimo e detta subito legge, ma sulla sua scia si mette Andretti che in rettilineo, dotato di alettone neutro, si presenta come un avversario imbattibile e guadagna la prima posizione.

La Wolf del sudafricano gli resiste, si mette in scia e prova a seguirlo, quando al 24 giro il motore cede allo sforzo o, come raccontano i presenti, cede per un errato cambio di marcia alla chicane…

Lauda, anche se lascerà la Ferrari, ci tiene a ben figurare e sta facendo la solita corsa prudente per non sforzare troppo la sua monoposto.

Niki, prima della partenza, è stato protagonista di un battibecco con Forghieri perché convinto che la squadra abbia montato il motore migliore sulla macchina del compagno…

La convinzione diventa certezza quando si accorge che in corsa non riesce mai ad impensierirlo.

Improvvisamente, passando sui cordoli la Ferrari n. 12 di Reutemann perde uno scarico, la potenza del motore diminuisce e…Lauda…passa.

Con Andretti in testa e le Ferrari sul podio, la corsa si trasforma in un tributo ai due team piu rappresentativi della formula uno.

Lauda sa che non può prendere la Lotus, gli basta arrivare secondo per assicurarsi il titolo.

niki lauda gp italia 1977
© Hoch Zwei

Corre con una precisione degna di un computer: tutti i giri uguali!

È così attento e concentrato da vedere un riflesso sull’asfalto, capire che è olio e sfilarlo, lasciando il compagno argentino a danzare sulla pista resa viscida dal lubrificante….

L’uscita di pista dell’argentino rappresenta l’ultima emozione prima della bandiera a scacchi.

Andretti vince la corsa, Lauda conquista il titolo, ma perde l’amore dei tifosi italiani.

Il pilota austriaco riesce a conquistare il suo secondo titolo mondiale, ma a posteriori è stata davvero vincente la scelta di lasciare il cavallino per una questione di soldi e di principio?

Ne sarà valsa la pena?

L’ordine di arrivo del GP d’Italia 1977

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 5 United States Mario Andretti
United Kingdom Lotus 01:27:50.300 52
4
9
2 11 Austria Niki Lauda
Italy Ferrari 01:28:07.260 52
5
6
3 17 Australia Alan Jones
United Kingdom Shadow 01:28:13.930 52
16
4
4 2 Germany Jochen Mass
United Kingdom McLaren 01:28:18.780 52
9
3
5 22 Switzerland Clay Regazzoni
United Kingdom Ensign 01:28:20.410 52
7
2
6 3 Sweden Ronnie Peterson
United Kingdom Tyrrell 01:29:09.520 52
12
1
7 27 Belgium Patrick Nève
United Kingdom March +2 laps 50
24
0
8 26 France Jacques Laffite
France Ligier +2 laps 50
8
0
9 24 United Kingdom Rupert Keegan
United Kingdom Hesketh +4 laps 48
23
0
RIT 10 South Africa Ian Scheckter
United Kingdom March Transmission 41
17
0
RIT 12 Argentina Carlos Reutemann
Italy Ferrari Spun Off 39
2
0
RIT 16 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Shadow Spun Off 39
6
0
RIT 14 Italy Bruno Giacomelli
United Kingdom McLaren Engine 38
15
0
RIT 1 United Kingdom James Hunt
United Kingdom McLaren Spun Off 26
1
0
RIT 4 France Patrick Depailler
United Kingdom Tyrrell Engine 24
13
0
RIT 20 South Africa Jody Scheckter
United Kingdom Wolf Engine 23
3
0
RIT 15 France Jean-Pierre Jabouille
France Renault Engine 23
20
0
RIT 34 France Jean-Pierre Jarier
United States Penske Engine 19
18
0
RIT 23 France Patrick Tambay
United Kingdom Ensign Engine 9
21
0
RIT 19 Italy Vittorio Brambilla
United Kingdom Surtees Accident 5
10
0
RIT 6 Sweden Gunnar Nilsson
United Kingdom Lotus Suspension 4
22
0
RIT 30 United States Brett Lunger
United Kingdom McLaren Engine 4
19
0
RIT 7 United Kingdom John Watson
United Kingdom Brabham Accident 3
14
0
DNQ 9 Brazil Alex Ribeiro
United Kingdom March No Time 0

0
DNQ 28 Brazil Emerson Fittipaldi
Brazil Fittipaldi No Time 0

0
DNQ 18 Italy Lamberto Leoni
United Kingdom Surtees No Time 0

0
DNQ 38 United Kingdom Brian Henton
Netherlands Boro No Time 0

0
DNQ 36 Spain Emilio de Villota
United Kingdom McLaren No Time 0

0
DNQ 25 United Kingdom Ian Ashley
United Kingdom Hesketh No Time 0

0
DNQ 29 Belgium Teddy Pilette
United Kingdom BRM No Time 0

0
DNQ 33 Austria Hans Binder
United States Penske No Time 0

0
DNQ 41 Switzerland Loris Kessel
Switzerland Apollon No Time 0

0
DNQ 21 Italy Giorgio Francia
United Kingdom Brabham No Time 0

0

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button