fbpx
2010-2019Formula 1On this day

Barra a dritta verso il mondiale

L’autodromo di Monza ospita la tredicesima prova della stagione 2012 di Formula Uno. La Ferrari ha preparato al meglio la propria monoposto, la F2012, macchina non eccezionale che nelle mani di Alonso diventa l’unica in grado di sfidare Vettel e la Red Bull per la conquista del titolo mondiale.
Nelle prime prove del venerdì a spiccare il miglior tempo è l’ex beniamino del pubblico italiano, Schumacher, bravo a sfruttare al meglio la maggiore velocità di punta della sua Mercedes.
Le Ferrari si devono accontentare del quarto e quinto o tempo, con Alonso che patisce la rottura del motore indisponendo non poco lo spagnolo.

gp italia 2012 lewis hamilton
© Pirelli Press Area

Al pomeriggio continuato i problemi per la Ferrari numero 5, durante il suo giro veloce, Alonso rompe il cambio e per radio sferza la squadra irritato da questa serie di inconvenienti non previsti.
Radio box dice che a irritare particolarmente lo spagnolo non sono tanto i problemi occorsi, al venerdi non lasciano strascichi sullo schieramento ma il miglior tempo di Hamilton a suo dire alla portata della sua Ferrari.
Anche al sabato Hamilton si riconferma leader ma a un millesimo troviamo Alonso, finalmente soddisfatto della sua rossa.
Scattano le qualifiche e nella prima manche lo spagnolo della Ferrari non ha avversari.
L’asturiano si conferma velocissimo anche nella seconda manche, ipotecando la pole ma in Q3 improvvisamente i protagonisti cambiano e Massa e la coppia McLaren si giocano la posizione al palo. Alonso smorza l’entusiasmo del pubblico con un giro lentissimo infatti la rossa dell’asturiano ha un problema alla barra antirollio che rende la monoposto inguidabile facendogli cogliere un misero e sconfortante decimo posto.
Il risultato in qualifica della numero 5 raffredda le speranza del pubblico ma non quelle del pilota che si dice pronto a vincere partendo anche dalla quinta fila.

Altri articoli interessanti
gp italia 2012 partenza
© Pirelli Press Area

Il giorno della gara il pubblico si riversa sulle tribune con speranza ed entusiasmo e alla partenza spinge la Ferrari di Alonso verso un improbabile rimonta.
In testa Hamilton non ha problemi a mantenere il primo posto seguito da Massa, autore di un ottimo spunto che lo porta a superare Button. Alonso alla fine del primo giro, tra l’entusiasmo generale, è già settimo e mette nel mirino Raikonen che riesce a passare alla prima chicane.
Dal tredicesimo giro iniziano i cambi gomma e a guadagnarci è il messicano Perez che si ritrova in testa-
Nella sua rincorsa alle prime posizioni Alonso tenta di superare Vettel alla curva grande, ma il tedesco reagisce al tentativo di sorpasso spingendo l’asturiano sull’erba.
Mai domo, lo spagnolo ci riprova e al ventinovesimo giro riesce a superare il tedesco della Red Bull che per la sua difesa è stato sanzionato dalla direzione gara con drive-through.

gp italia 2012 fernando alonso
© Pirelli Press Area

Con le gomme ormai sulle tele, Perez si ferma ai box lasciando il comando a Hamilton, seguito dal compagno Button e dalle due Ferrari con Alonso che passa il compagno Massa per assicurarsi il podio. Dopo poche tornate Button si deve arrendere per un problema all’alimentazione lasciando il secondo e terzo gradino del podio ai ferraristi. Perez, grazie a una scelta di gomme azzeccata riesce a girare su tempi eccezionali e in pochi giri si accoda alle Ferrari e passa Massa, accusato dal muretto di non aver posto nessuna resistenza.
Superato il brasiliano della Ferrari, Perez chiede alla sua Sauber uno sforzo maggiore e raggiunge Alonso, in crisi con le gomme, passandolo al giro 46. Dopo il sorpasso di Perez, l’unico colpo di scena è il ritiro di Vettel che dall’espressione del viso sembra vedere allontanarsi il titolo in direzione Maranello.
Il gran premio d’Italia è conquistato da Hamilton davanti a Perez e Alonso, col messicano che avvicinato dalla McLaren per saggiare la disponibilità del messicano di trasferirsi a Woking ma al posto di chi …?

Monza 2012: la classifica finale

Pos No Pilota Team Tempo Giri Fast Lap Led Griglia Punti
1 4 United Kingdom Lewis Hamilton
United Kingdom McLaren 01:19:41.221 53

48
1
25
2 15 Mexico Sergio Pérez
Switzerland Sauber 01:19:45.577 53

5
12
18
3 5 Spain Fernando Alonso
Italy Ferrari 01:20:01.815 53

0
10
15
4 6 Brazil Felipe Massa
Italy Ferrari 01:20:10.888 53

0
3
12
5 9 Finland Kimi Raikkonen
United Kingdom Lotus 01:20:12.102 53

0
7
10
6 7 Germany Michael Schumacher
Germany Mercedes 01:20:12.480 53

0
4
8
7 8 Germany Nico Rosberg
Germany Mercedes 01:20:14.771 53
01:27.239
0
6
6
8 11 United Kingdom Paul di Resta
United Kingdom Force India 01:20:22.278 53

0
9
4
9 14 Japan Kamui Kobayashi
Switzerland Sauber 01:20:25.119 53

0
8
2
10 19 Brazil Bruno Senna
United Kingdom Williams 01:20:29.365 53

0
13
1
11 18 Venezuela Pastor Maldonado
United Kingdom Williams 01:20:29.903 53

0
22
0
12 16 Australia Daniel Ricciardo
Italy Toro Rosso 01:20:31.537 53

0
14
0
13 10 Belgium Jerome d'Ambrosio
United Kingdom Lotus 01:20:57.082 53

0
15
0
14 20 Finland Heikki Kovalainen
United Kingdom Caterham +1 lap 52

0
17
0
15 21 Russian Federation Vitaly Petrov
United Kingdom Caterham +1 lap 52

0
18
0
16 25 France Charles Pic
United Kingdom Marussia +1 lap 52

0
20
0
17 24 Germany Timo Glock
United Kingdom Marussia +1 lap 52

0
19
0
18 22 Spain Pedro de la Rosa
Spain Hispania Racing +1 lap 52

0
23
0
19 23 India Narain Karthikeyan
Spain Hispania Racing +1 lap 52

0
21
0
20 2 Australia Mark Webber
Austria Red Bull Tyres 51

0
11
0
21 12 Germany Nico Hulkenberg
United Kingdom Force India Brakes 50

0
24
0
22 1 Germany Sebastian Vettel
Austria Red Bull Alternator 47

0
5
0
RIT 3 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom McLaren Fuel pressure 32

0
2
0
RIT 17 France Jean-Eric Vergne
Italy Toro Rosso Suspension 8

0
16
0

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio