fbpx
2000-2009Formula 1On this day

Nel 2009 Vettel vince a Silverstone e mette le ali

Il 21 giugno 2009, Sebastian Vettel ha segnato una tappa fondamentale nella sua carriera di pilota di Formula 1, conquistando a Silverstone, il Gran Premio di Gran Bretagna con un’impeccabile performance che gli ha garantito il suo primo hat trick. Questo termine, che nel gergo della Formula 1 indica l’aver ottenuto la pole position, il giro più veloce in gara e la vittoria finale, rappresenta un traguardo significativo per qualsiasi pilota.

La gara e i protagonisti

Vettel, al volante della sua Red Bull, ha dimostrato una padronanza assoluta del circuito di Silverstone. Sin dalle qualifiche del sabato, il giovane tedesco ha mostrato una velocità e una precisione notevoli, assicurandosi la pole position. La sua prestazione durante la gara è stata altrettanto impressionante, mantenendo il comando con autorità e registrando il giro più veloce, un’impresa che ha ulteriormente cementato il suo dominio in quella giornata memorabile.

Dietro di lui, il compagno di squadra Mark Webber ha completato una doppietta per la Red Bull, sottolineando la competitività del team austriaco in quella stagione. Sul terzo gradino del podio è salito Rubens Barrichello, al volante della Brawn GP, una vettura che in quel 2009 stava mostrando una competitività sorprendente, grazie anche alle soluzioni tecniche innovative adottate dal team.

Le Ferrari a punti

La gara ha visto entrambe le Ferrari finire a punti, con Felipe Massa che ha concluso al quarto posto e Kimi Raikkonen all’ottavo. Massa, nonostante un inizio di stagione complicato, ha mostrato una buona tenacia e consistenza, riuscendo a risalire la classifica e finire ai piedi del podio. Raikkonen, dal canto suo, ha lottato per conquistare qualche punto prezioso, anche se non è riuscito a esprimere tutto il potenziale della sua vettura.

Jenson Button e la Sfida per il Titolo

Il leader del mondiale, Jenson Button, ha avuto una gara meno brillante rispetto alle aspettative. Il pilota britannico, che stava vivendo una stagione eccezionale con la Brawn GP, è riuscito a concludere solo al sesto posto. Questo risultato ha rappresentato una battuta d’arresto nella sua corsa verso il titolo, anche se la sua posizione di leader del campionato non è stata immediatamente minacciata.

Un Trionfo per Vettel e la Red Bull

La vittoria di Vettel a Silverstone non è stata solo un trionfo personale, ma anche una dimostrazione del potenziale della Red Bull, che in quella stagione si è affermata come una delle forze principali nel panorama della Formula 1. La combinazione di una vettura competitiva, un team ben organizzato e il talento di un giovane pilota promettente come Vettel ha segnato l’inizio di un’era di successi per la scuderia austriaca.

L’ordine di arrivo a Silverstone 2009

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 15 Germany Sebastian Vettel
Austria Red Bull 01:22:49.328 60
1
10
2 14 Australia Mark Webber
Austria Red Bull 01:23:04.516 60
3
8
3 23 Brazil Rubens Barrichello
United Kingdom Brawn 01:23:30.503 60
2
6
4 3 Brazil Felipe Massa
Italy Ferrari 01:23:34.371 60
11
5
5 16 Germany Nico Rosberg
United Kingdom Williams 01:23:35.243 60
7
4
6 22 United Kingdom Jenson Button
United Kingdom Brawn 01:23:35.613 60
6
3
7 9 Italy Jarno Trulli
Japan Toyota 01:23:57.635 60
4
2
8 4 Finland Kimi Raikkonen
Italy Ferrari 01:23:58.950 60
9
1
9 10 Germany Timo Glock
Japan Toyota 01:23:59.151 60
8
0
10 21 Italy Giancarlo Fisichella
United Kingdom Force India 01:24:00.850 60
16
0
11 17 Japan Kazuki Nakajima
United Kingdom Williams 01:24:03.351 60
5
0
12 8 Brazil Nelson Piquet Jr.
France Renault +1 lap 59
14
0
13 5 Poland Robert Kubica
Switzerland BMW Sauber +1 lap 59
12
0
14 7 Spain Fernando Alonso
France Renault +1 lap 59
10
0
15 6 Germany Nick Heidfeld
Switzerland BMW Sauber +1 lap 59
15
0
16 1 United Kingdom Lewis Hamilton
United Kingdom McLaren +1 lap 59
19
0
17 20 Germany Adrian Sutil
United Kingdom Force India +1 lap 59
18
0
18 12 Switzerland Sébastien Buemi
Italy Toro Rosso +1 lap 59
20
0
RIT 11 France Sébastien Bourdais
Italy Toro Rosso Collision damage 37
17
0
RIT 2 Finland Heikki Kovalainen
United Kingdom McLaren Collision damage 36
13
0

Pubblicità

Redazione

La storia della Formula 1, raccontata quotidianamente, per non dimenticare i piloti e le gare che hanno reso celebre questo sport.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio