fbpx
1980-1989Formula 1On this day

Mansell vince in Brasile con la F1-89. È l’anno dei cambiamenti!

Il 26 marzo 89, Nigel Mansell con la Ferrari si aggiudica il primo Gran Premio della stagione sul tracciato di Jacarepagua in Brasile. Questa gara segna diverse novità e cambiamenti: i motori non sono più turbo ma potevano raggiungere la cilindrata fino a 3500 cm³ aspirati, con un numero di cilindri massimo pari a 12 e senza limite di consumo.
La Ferrari decise di adottare un motore V12. Molte scuderie, invece, tra cui la Benetton, decisero di adottare un propulsore Ford ad otto cilindri. Williams Renault e McLaren Honda invece rimasero su motori a dieci cilindri. Con il 1989, termina anche il monopolio della Goodyear con il ritorno di Pirelli.
Invece l’innovazione più rilevante la porta la Ferrari. Sulla F1-89 viene montato un nuovo sistema di cambio semiautomatico a gestione elettronica che permette di cambiare i rapporti attraverso una pratica leva al volante senza più dover staccare le mani dal comando.

piloti formula 1 1989

Le qualifiche

In qualifica è Ayrton Senna a dettare il passo con la McLaren. Al fianco del brasiliano troviamo la Williams – Renault di Riccardo Patrese. Le Ferrari, invece si piazzano in terza posizione con Gerhard Berger e in sesta con il nuovo acquisto Mansell.

Si spengono i semafori

Al via è il caos: Senna e Berger si toccano e per Gerhard la gara finisce subito mentre Senna resta in pista ma è fuori dai giochi. “Il leone d’Inghilterra” è in gran forma e al quarto giro supera la Williams di Thierry Boutsen gettandosi all’inseguimento dell’altra, guidata dal leader della corsa Riccardo Patrese.

Al giro numero 14, il pilota inglese porta la sua F1-89 in testa alla gara. Il gran caldo costringe a cambi gomme più frequenti del previsto. Mansell si ritrova per due volte Alain Prost davanti ma in entrambe le occasioni lo supera riuscendo a girare anche due secondi al giro più forte del francese della McLaren.

La gioia di Nigel Mansell

Al traguardo Nigel Mansell vince una bellissima gara precedendo Prost e la March dell’idolo locale Mauricio Gugelmin che conquista il suo primo podio in carriera.

L’ordine di arrivo del GP del Brasile 89

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 27 United Kingdom Nigel Mansell
Italy Ferrari 01:38:58.744 61
6
9
2 2 France Alain Prost
United Kingdom McLaren 01:39:06.553 61
5
6
3 15 Brazil Maurício Gugelmin
United Kingdom March 01:39:08.114 61
12
4
4 20 United Kingdom Johnny Herbert
Italy Benetton 01:39:09.237 61
10
3
5 9 United Kingdom Derek Warwick
United Kingdom Arrows 01:39:16.610 61
8
2
6 19 Italy Alessandro Nannini
Italy Benetton 01:39:16.985 61
11
1
7 3 United Kingdom Jonathan Palmer
United Kingdom Tyrrell +1 lap 60
18
0
8 12 Japan Satoru Nakajima
United Kingdom Lotus +1 lap 60
21
0
9 26 France Olivier Grouillard
France Ligier +1 lap 60
22
0
10 4 Italy Michele Alboreto
United Kingdom Tyrrell +2 laps 59
20
0
11 1 Brazil Ayrton Senna
United Kingdom McLaren +2 laps 59
1
0
12 30 France Philippe Alliot
France Larrousse +3 laps 58
26
0
13 22 Italy Andrea de Cesaris
Italy Dallara +4 laps 57
15
0
14 38 Germany Christian Danner
Germany Rial +5 laps 56
17
0
15 6 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Williams Alternator 51
2
0
RIT 10 United States Eddie Cheever
United Kingdom Arrows Collision 37
24
0
RIT 34 Germany Bernd Schneider
Germany Zakspeed Collision 36
25
0
RIT 7 United Kingdom Martin Brundle
United Kingdom Brabham Halfshaft 27
13
0
RIT 16 Italy Ivan Capelli
United Kingdom March Suspension 22
7
0
RIT 11 Brazil Nelson Piquet
United Kingdom Lotus Fuel system 10
9
0
DSQ 17 Italy Nicola Larini
Italy Osella Disqualified 10
19
0
RIT 8 Italy Stefano Modena
United Kingdom Brabham Half Shaft 9
14
0
RIT 5 Belgium Thierry Boutsen
United Kingdom Williams Engine 3
4
0
RIT 23 Italy Pierluigi Martini
Italy Minardi Chassis 2
16
0
RIT 28 Austria Gerhard Berger
Italy Ferrari Collision 0
3
0
RIT 24 Spain Luis Perez-Sala
Italy Minardi Collision 0
23
0
DNQ 29 France Yannick Dalmas
France Larrousse No Time 0

0
DNQ 25 France René Arnoux
France Ligier No Time 0

0
DNQ 33 Switzerland Gregor Foitek
Italy Euro Brun No Time 0

0
DNQ 31 Brazil Roberto Moreno
Italy Coloni No Time 0

0
DNPQ 21 Italy Alex Caffi
Italy Dallara No Time 0

0
DNPQ 18 Italy Piercarlo Ghinzani
Italy Osella No Time 0

0
DNPQ 39 Germany Volker Weidler
Germany Rial No Time 0

0
DNPQ 32 France Pierre-Henri Raphanel
Italy Coloni No Time 0

0
DNPQ 41 Germany Joachim Winkelhock
France AGS No Time 0

0
DNPQ 35 Japan Aguri Suzuki
Germany Zakspeed No Time 0

0
DNPQ 36 Sweden Stefan Johansson
Italy Onyx No Time 0

0
DNPQ 37 France Bertrand Gachot
Italy Onyx No Time 0

0

Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio