fbpx
1950-19592020-202924 ore di Le MansBiografieFormula 1

Philippe Streiff dalla Formula 1 a paladino dei disabili

Il pilota francese dopo l'incidente nel 1989 è diventato un portavoce per i diritti dei disabili

Philippe Streiff è stato un ex pilota automobilistico francese costretto al ritiro dagli sport motoristici dopo essere rimasto tetraplegico. Prima dell’incidente che pose fine alla sua carriera durante i test pre-stagionali di F1 nel 1989, Streiff registrò 53 partenze nel Campionato del Mondo di Formula 1 con quattro squadre diverse, ottenendo un podio.

Inizio carriera tardivo

Nato nel giugno 1955 a La Tronche, nella regione Auvergne-Rhône-Alpes in Francia, Streiff studiò alla Scuola Nazionale delle Arti e dei Mestieri di Aix-en-Provence. Grande appassionato di sport motoristici fin dall’infanzia, iniziò a gareggiare relativamente tardi, nel 1976. L’anno successivo frequentò la scuola di corse sul circuito di Nogaro, mentre nel 1978 entrò nella serie francese della Formula Renault e ottenne la sua prima vittoria sul circuito Paul Ricard.

La tappa successiva fu la Formula 3 Europea nel 1980, nella quale vinse l’ultima gara della stagione sul circuito di Zolder. Nel 1980, Streiff tornò in Francia per vincere il titolo nazionale di Formula 3, mentre nel Campionato Europeo di Formula 3 si classificò 4° assoluto. Tuttavia, il momento clou del 1981 fu il 2° posto alla 24 Ore di Le Mans. Guidò per Jean Rondeau insieme a Jack Haran e Jean-Louis Schlesser.

Solidi risultati nell’Europeo di Formula 2

Nel 1982, Streiff debutò nel campionato europeo di Formula 2 come pilota del team Motul GPA. Anche dopo essere stato costretto al ritiro in 6 gare su 13, il pilota francese guadagnò un numero rispettabile di punti e si classificò 6° in campionato. La stagione successiva della stessa serie fu leggermente migliore. Guidando per l’Ecurie Armagnac Bigorre, concluse la stagione al 4° posto dopo aver conquistato quattro podi. Finalmente, nel 1984, come pilota dell’Automobile Gonfaronnaises Sportives, riuscì a conquistare la sua prima (e ultima) vittoria in Formula 2, nell’ultima gara della stagione a Brands Hatch. Ottenne altri tre podi quella stagione ma non riuscì comunque a entrare nella Top 3 assoluta, quindi si dovette accontentare ancora una volta del 4° posto.

Vicecampione della 24 Ore di Le Mans

Nel medesimo anno, Streiff ottenne nuovamente un podio nella 24 Ore di Le Mans. Alla guida della Porsche 956B con Sarel van der Merwe e David Hobbs, arrivò terzo. È interessante notare che Porsche ottenne le posizioni da 1 a 7 a Le Mans nel 1984 e aveva otto vetture nella Top 10. Philippe debuttò anche in Formula 1 nel 1984 guidando per la Renault Elf al primo Gran Premio del Portogallo, ma non riuscì a terminare la gara. Quella fu l’ultima gara della stagione e Gerard Larrousse, direttore della squadra, volle ringraziarlo per i due anni trascorsi come collaudatore alla Renault nel 1983 e 1984.

Streiff e il suo unico podio

Nel 1985, la Formula 2 fu sostituita dalla Formula 3000. Streiff rimase un pilota AGS, ma la stagione non fu molto fortunata e finì ottavo in classifica. A metà stagione, grazie al supporto del Gruppo Blanchet Locatop, entrò nel team Ligier in sostituzione di Andrea de Cesaris. In quattro gare, Streiff ottenne un risultato sorprendente, arrivando terzo nell’ultima gara in Australia, dietro a Keke Rosberg e al suo compagno di squadra Jacques Laffite.

© Official pages Facebook

Philippe Streiff e la Tyrrell

Nel 1986, Philippe Streiff fu assunto per la prima volta nella sua carriera come pilota di Formula 1 a tempo pieno. Il francese venne ingaggiato dal team Tyrrell come sostituto di Stefan Bellof, rimasto ucciso in un incidente a Spa. La prima stagione con la nuova squadra non fu gloriosa, ma Streiff riuscì comunque a segnare punti in due gare, con il quinto posto in Australia come momento clou della stagione. Rimase con la Tyrrell anche nel 1987, ottenendo nuovamente punti in due gare, terminando sesto in Francia e quarto in Germania.
Per la stagione 1988, Streiff tornò all’AGS, che era entrata nel mondo della Formula 1. Purtroppo la macchina era lenta e inaffidabile, e il francese non riuscì a segnare nemmeno un punto. Tuttavia, decise di rimanere con l’AGS per un altro anno, ma si verificò una tragedia che lo costrinse a terminare la sua carriera.

La fine di una carriera

Il 15 marzo 1989, durante i test pre-stagionali sul circuito di Jacarepagua in Brasile, Philippe Streiff subì un grave incidente. Lo schianto fu così terribile che nell’impatto si ruppe perfino il roll-bar. Streiff rimase bloccato nell’auto e dopo essere stato salvato rimase tetraplegico. I soccorritori brasiliani furono accusati di aver aggravato le ferite del povero pilota rimuovendo l’auto dal luogo dell’incidente e non installando un materasso a depressione. Le lezioni apprese da questo intervento hanno successivamente migliorato il trattamento dei conducenti feriti.

Philippe Streiff
© Official pages Facebook

Ancora coinvolto negli sport motoristici

Philippe Streiff era determinato a rimanere negli sport motoristici, nonostante fosse tetraplegico. A partire dal 1993 e per diversi anni, organizzò una gara di kart al Palais Omnisports di Parigi-Bercy, mettendo a confronto i migliori piloti del mondo. La gara inaugurale fu l’ultimo duello tra Alain Prost e Ayrton Senna. L’evento fu ripreso nel 2011 con la prima gara di kart elettrici.
Nel 2002, Philippe Streiff divenne consigliere della delegazione interministeriale per i disabili, presso il Ministero della Salute. Nel 2007 è stato nominato consulente tecnico del Ministero dei Trasporti, presso la Direzione della Sicurezza e della Circolazione stradale (DSCR). Ha condotto anche una missione nella sottodirezione dell’educazione stradale del DSCR, per educare i giovani alla guida e alla sicurezza stradale.

Dopo il 2010, si dedicò a un progetto visionario con kart elettrici. Nel frattempo, il suo impegno lo aveva portato a diventare consulente tecnico della delegazione interministeriale francese per i disabili. La Renault, casa con la quale aveva debuttato in Formula 1 alla fine del 1984, gli mise a disposizione una Espace appositamente adattata al suo handicap. Una collaborazione che ha permesso a Streiff di tornare ad essere ingegnere grazie al costruttore francese, che gli ha permesso di trasformare il joystick della sua sedia a rotelle nel volante del futuro.

Streiff torna quindi a far parlare di sé per alcune dichiarazioni relative allo stato di salute di Michael Schumacher e poi entra pesantemente in polemica con la FIA dopo un’intervista nella quale prende posizioni molto dure e nette sull’incidente occorso a Jules Bianchi, che lo vede attaccare i vertici dell’autorità sportiva.

L’ex pilota francese di Formula 1 Philippe Streiff è morto all’età di 67 anni. “Sono addolorato nell’apprendere della morte di Philippe Streiff. Ha dimostrato un coraggio e una determinazione incredibili per tutta la vita“, ha dichiarato il presidente del circuito, Stefano Domenicali in un tweet.

I am saddened to hear that Philippe Streiff has passed away. He showed incredible guts and determination throughout his life. The way he overcame his accident and rebuilt his life was inspirational. We all send our condolences to his family at this sad time. (Stefano Domenicali)

Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio