1990-1999Formula 1On this day

Il ritorno delle frecce d’argento al GP di Spagna 1999

Dopo la doppietta Ferrari a Monaco, il campione del mondo in carica, Mika Hakkinen, arriva in Spagna con un ritardo notevole nel campionato, nonostante la McLaren-Mercedes fosse chiaramente la vettura più veloce.

Le qualifiche

Jean Alesi non si fa scoraggiare da un paio di giorni di prove difficili, conquistando la pole provvisoria con uno splendido giro al primo turno. Non è il più veloce di tutti in nessuno dei settori di quel giro, ma il pilota Sauber si trova comunque in testa alla classifica dei tempi delle qualifiche.

Nonostante gli sforzi di Hakkinen, Schumacher, Irvine e Coulthard, Alesi rimane in testa fino a due terzi della sessione. Ma alla fine Schumacher porta la Ferrari in testa, per pochi millesimi di secondo, con David Coulthard a ruota con un distacco di tre centesimi di secondo, compiendo ottimi progressi nell’ultimo settore, prima che Eddie conquistasse la pole provvisoria.

È infine Mika a riprendersi la testa, segnando un altro incredibile ultimo settore, per strappare la pole invece definitiva con un margine significativo di 131 millesimi su Irvine.

Saranno otto i piloti in un secondo, si promette una gara al fulmicotone. “Credo che il motivo per cui sono in pole position siano soprattutto merito degli ingegneri, che hanno fatto un ottimo lavoro per raggiungere finalmente l’equilibrio della vettura“, dichiara un sollevato Hakkinen. “È stata una qualifica molto impegnativa, come del resto lo è stata tutta la stagione, i tempi sono molto vicini, sarà una gara emozionante“.

Eddie Irvine si dice entusiasta: “Sono molto contento di essere in prima fila. La macchina è ben bilanciata per tutto il weekend, ma perdere mezz’ora questa mattina avrebbe potuto costarmi la pole”. Il suo compagno di squadra non è molto contento. “La mia macchina era perfetta, ma non altrettanto in qualifica. Prima di questo fine settimana, non avrei creduto che avremmo potuto essere a meno di due decimi dalla pole. Quindi sono abbastanza ottimista sulla possibilità di fare una buona gara”.

jean_alesi__spain_1999
© Sutton Images

Dietro agli uomini di punta, il tempo di Alesi è d’oro, per il quinto posto finale. “Mi sento benissimo”, ha detto. “È stato favoloso essere il più veloce per così tanto tempo, ma sapevo che non poteva durare ed essere quinto in griglia è un sogno”.

Un’altra buona sessione per Jacques Villeneuve, sesto con la BAR. “Non vedo perché non dovrebbe continuare. Domani sono fiducioso che saremo veloci in gara, ora speriamo di riuscire ad arrivare alla bandiera a scacchi”.

La gara

Partenza GP Spagna 1999
© Sutton Images

Allo spegnimento dei semafori, Mika non commette errori e passa subito in testa. Dietro, la gara della Ferrari ha una battuta d’arresto, perché non solo Coulthard si affianca a Irvine, ma Eddie supera Michael, consentendo a un Villeneuve in rapida partenza di portarsi in terza posizione e di distaccare le Ferrari dalle McLaren in testa.

E quindi un 1-2 targato frecce d’argento, aprendo rapidamente un vantaggio significativo su Villeneuve, davanti alle Ferrari. Mika vola, compiendo una serie di giri nell’ordine dell’1:25, e fa un varco sul suo compagno di squadra, il cui lavoro è reso facile da un impressionante Jacques Villeneuve che tiene a bada le Ferrari. Gli sforzi di Jacques sono riconosciuti dalla McLaren, il cui progettista Adrian Newey commenta: “Jacques ci ha fatto un enorme favore alla partenza, mettendosi davanti alle Ferrari”.

“Sono partito abbastanza bene, ma poi sono rimasto bloccato tra Eddie e David e non potevo andare da nessuna parte. Ho dovuto frenare per non tamponarli. Questo ha dato a Villeneuve la possibilità di passarmi, e così è stato”. Queste le parole di Schumacher.

Con le soste iniziate presto, per ricucire lo stato di vantaggio, molti team pensano a una strategia a tre soste e si specula su quando la Ferrari avrebbe fatto rientrare Schumacher, soprattutto considerando il fitto traffico nel punto in cui sarebbe rientrato.

Irvine è il primo a fermarsi, una mossa sorprendente vista la situazione di Michael, bloccato dietro la BAR. Schumacher si ferma subito dopo, contemporaneamente a Villeneuve, passando la BAR ai box. Nonostante l’entusiasmo del team, la sosta è il primo segnale della mancanza di esperienza del team come squadra a tutto tondo, rispetto alle scuderie di testa.

villeneuve GP Spagna 1999
© Sutton Images

Le Ferrari superano entrambe la BAR e Michael Schumacher si lancia in un’altra impresa, dopo il pit stop di Frentzen. Con la Jordan fuori dai giochi e girando al di sotto dell’1:25, Michael riduce drasticamente il distacco da Coulthard, da quindici secondi a zero in altrettanti giri.

Mentre si avvicina a Coulthard, Schumi coglie l’occasione per fermarsi una seconda volta. Ma i suoi sforzi sono vanificati in quanto trova una Arrows che entra nella corsia dei box davanti a lui, privando la Ferrari di secondi preziosi, costringendo Michael a rallentare.

Quando Michael rientra, la pressione è tutta su Coulthard, che sa che il ritmo tenuto da Schumacher prima della sosta può dare al tedesco la possibilità di passarlo. Ma il terzo treno di gomme di Michael non è neanche lontanamente paragonabile al secondo, e quando lo scozzese si ferma, riesce a rientrare davanti alla Ferrari e a rimanerci. David parte alla carica, avvicinandosi al suo compagno di squadra di testa mentre la gara volge al termine.

Villeneuve, che si trovava in quinta posizione, si vede sfuggire il suo miglior risultato da qualche tempo a questa parte durante la seconda sosta: è costretto al ritiro dalla rottura del cambio nel corso del 41º giro.

Jacques, tuttavia, si dice soddisfatto dei progressi compiuti in Spagna: “Ho fatto un’ottima partenza che mi ha sorpreso! La macchina era davvero buona e stavo girando forte, riuscendo a tenere a bada Michael fino al primo pitstop. Nonostante un grande sforzo da parte del mio equipaggio, è riuscito a passarmi nella pitlane. È stata una gara incoraggiante per la squadra perché abbiamo fatto dei veri progressi”.

Intanto un divertente duello per il sesto posto tra Trulli, Barrichello e Hill si frappone tra i primi tre e la pista libera, mentre alcuni doppiati entrano nel mirino del trio già citato. Il cattivo uso della bandiera blu sembra aggravare la situazione di Hakkinen, che si fa strada tra Damon, Rubens e Jarno, ma il suo vantaggio rispetto del suo compagno di squadra è tale da non incutere timore.

A questo punto la gara si stabilizza definitivamente; Hakkinen continua a condurre fino alla fine, conquistando la seconda vittoria stagionale davanti a Coulthard, Michael Schumacher, Irvine e Ralf Schumacher.

A nessuno può togliere nulla allo straordinario 1-2 della McLaren. Le Ferrari conservano la leadership del titolo piloti e costruttori. Michael Schumacher, porta a termine tutte le gare a cui ha preso parte quest’anno, anche se una volta fuori dai punti, ed è ancora in vantaggio con 6 punti dal campione del mondo.

L’ordine di arrivo del GP di Spagna 1999

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom McLaren 01:34:13.665 65
1
10
2 2 United Kingdom David Coulthard
United Kingdom McLaren 01:34:19.903 65
3
6
3 3 Germany Michael Schumacher
Italy Ferrari 01:34:24.510 65
4
4
4 4 United Kingdom Eddie Irvine
Italy Ferrari 01:34:43.847 65
2
3
5 6 Germany Ralf Schumacher
United Kingdom Williams 01:35:40.873 65
10
2
6 19 Italy Jarno Trulli
France Prost +1 lap 64
9
1
7 7 United Kingdom Damon Hill
Ireland Jordan +1 lap 64
11
0
8 23 Finland Mika Salo
United Kingdom BAR +1 lap 64
16
0
9 9 Italy Giancarlo Fisichella
Italy Benetton +1 lap 64
13
0
10 10 Austria Alexander Wurz
Italy Benetton +1 lap 64
18
0
11 14 Spain Pedro de la Rosa
United Kingdom Arrows +2 laps 63
19
0
12 15 Japan Toranosuke Takagi
United Kingdom Arrows +3 laps 62
20
0
RIT 20 Italy Luca Badoer
Italy Minardi Spun off 50
22
0
RIT 22 Canada Jacques Villeneuve
United Kingdom BAR Gearbox 40
6
0
RIT 12 Brazil Pedro Paulo Diniz
Switzerland Sauber Transmission 40
12
0
RIT 17 United Kingdom Johnny Herbert
United Kingdom Stewart Transmission 40
14
0
RIT 8 Germany Heinz-Harald Frentzen
Ireland Jordan Halfshaft 35
8
0
RIT 11 France Jean Alesi
Switzerland Sauber Transmission 27
5
0
RIT 5 Italy Alessandro Zanardi
United Kingdom Williams Gearbox 24
17
0
RIT 18 France Olivier Panis
France Prost Gearbox 24
15
0
RIT 21 Spain Marc Gené
Italy Minardi Gearbox 0
21
0
DSQ 16 Brazil Rubens Barrichello
United Kingdom Stewart Disqualified 64
7
0

Giuseppe Lapietra

Classe '90, tante esperienze lavorative alle spalle, ma una sola passione, quella dei motori. Arriva tardivamente a conoscere la Formula 1, chiedendosi poi perché non l'abbia conosciuta prima. Il lato amarcord lo scopre quasi per scherzo grazie a una pagina FB che fonda assieme ad un amico, restandole ammaliato. Guarda comunque al futuro! Si diletta nella fotografia, e strizza un occhio anche alla tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button