Senna vince, primo podio in Italia per Schumacher

Per la prima volta sul podio salì un giovanissimo pilota tedesco


Gran Premio Italia 1992 Ayrton Senna e Michael Schumacher

Il 13 settembre 1992, Ayrton Senna, vinse il Gran Premio d’Italia sul tracciato di Monza. Dietro la McLaren del brasiliano, sul podio salirono le Benetton di Martin Brundle e per la sua prima volta carriera anche un giovane Michael Schumacher.

La tredicesima gara della stagione era poco importante per classifica mondiale, dominata dalla Williams di Nigel Mansell. Il titolo di vice-campione del mondo se lo contendevano Ayrton Senna e il giovane pupillo di Flavio Briatore.

La qualifica, vide Mansell conquistare la sua undicesima pole position stagionale, davanti a “Magic” e Jean Alesi con una Ferrari ritrovata.

Gran Premio Italia 1992 Partenza
© Twitter

Alla partenza Mansell mantenne la posizione, imponendo il suo infernale ritmo, lasciando il vuoto dietro di se. Sembrava una gara finita, fino a quando l’inglese iniziò a perdere terreno lasciando il comando della corsa al compagno di squadra Riccardo Patrese. Inizia un bel duello tutto Williams fino a quando quando non arriva un ko tecnico per il “Leone” d’Inghilterra.

Per il pilota padovano si preannunciava un bel trionfo a casa propria, ma poi la FW14B. cominciò a a dare qualche segno di malfunzionamento, costringendo Patrese a rallentare e lasciando pista libera a Senna che passò per primo sotto la bandiera a scacchi.

Oltre alle due Benetton arrivarono dei punti anche per Gerhard Berger con l’altra McLaren, davanti allo sfortunato Patrese e l’altro italiano Andrea De Cesaris su Tyrrell.
Erano 19 anni che la Ferrari non subiva un doppio ko, con entrambi i piloti ritirati

L’ordine d’arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 1 Brazil Ayrton Senna
United Kingdom McLaren 01:18:15.349 53
2
10
2 20 United Kingdom Martin Brundle
Italy Benetton 01:18:32.399 53
9
6
3 19 Germany Michael Schumacher
Italy Benetton 01:18:39.722 53
6
4
4 2 Austria Gerhard Berger
United Kingdom McLaren 01:19:40.839 53
5
3
5 6 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Williams 01:19:48.507 53
4
2
6 4 Italy Andrea de Cesaris
United Kingdom Tyrrell +1 lap 52
21
1
7 9 Italy Michele Alboreto
United Kingdom Footwork +1 lap 52
16
0
8 22 Italy Pierluigi Martini
Italy Dallara +1 lap 52
22
0
9 30 Japan Ukyo Katayama
France Larrousse Transmission 50
23
0
10 16 Austria Karl Wendlinger
United Kingdom March +3 laps 50
17
0
11 21 Finland Jyrki Järvilehto
Italy Dallara Engine 47
14
0
RIT 33 Brazil Maurício Gugelmin
Ireland Jordan Transmission 46
26
0
RIT 5 United Kingdom Nigel Mansell
United Kingdom Williams Electrical 41
1
0
RIT 25 Belgium Thierry Boutsen
France Ligier Throttle 41
8
0
RIT 26 France Érik Comas
France Ligier Spun Off 35
15
0
RIT 15 Italy Gabriele Tarquini
Italy Fondmetal Gearbox 30
20
0
RIT 3 France Olivier Grouillard
United Kingdom Tyrrell Engine 26
18
0
RIT 12 United Kingdom Johnny Herbert
United Kingdom Lotus Engine 18
13
0
RIT 17 Italy Emanuele Naspetti
United Kingdom March Engine 17
24
0
RIT 27 France Jean Alesi
Italy Ferrari Fuel System 12
3
0
RIT 28 Italy Ivan Capelli
Italy Ferrari Electrical 12
7
0
RIT 24 Italy Gianni Morbidelli
Italy Minardi Engine 12
12
0
RIT 29 France Bertrand Gachot
France Larrousse Engine 11
10
0
RIT 11 Finland Mika Häkkinen
United Kingdom Lotus Engine 5
11
0
RIT 10 Japan Aguri Suzuki
United Kingdom Footwork Suspension 2
19
0
RIT 14 Belgium Eric van de Poele
Italy Fondmetal Clutch 0
25
0
DNQ 23 Brazil Christian Fittipaldi
Italy Minardi No Time 0

0
DNQ 32 Italy Stefano Modena
Ireland Jordan No Time 0

0

Il modello
Per l’occasione la Minichamps ha prodotto un modello scala 1/43 in versione limitata della Benetton B192. Il figurino è stato realizzato da Roberto Ticozzi

La gallery

Se ti è piaciuto condividilo sui social. Ti sarò eternamente grato.

Nessun commento

Lasciami un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.