fbpx
Formula 1Il Cavallino nella storia

Un 2023 tra incostanza e speranza

Il gruppo di lavoro gestito da Mattia Binotto, visti i buoni risultati ottenuti dalla F175 nel 2022, ha impostato la progettazione della monoposto 2023 mantenendo vive le linee di base della monoposto precedente.
La situazione dentro la GES è però tutt’altro che tranquilla, il team principal Mattia Binotto è sfiduciato dalla proprietà tanto che a gennaio, con la macchina ormai finita ma non ancora pronta, viene sostituito con Frederic Vasseur.
Il nuovo team principal si ritrova una monoposto, molto simile alla precedente, alla quale viene attribuita la sigla SF23.

Ferrari sf23 fiorano 2023
© Ferrari Press Area

L’arma che dovrebbe riportare l iride a Maranello, è caratterizzata da pance con una forma più stretta verso il retrotreno con delle feritoie per lo smaltimento dell’aria calda poste dietro le prese d’aria dei radiatori.
La power unit, spesso protagonista nel 2022 di diverse rotture, è stata fatta oggetto di diversi interventi volti a ritrovare l’affidabilità perduta e aumentarne la potenza.

Altri articoli interessanti

Durante i test collettivi, la SF23 ha fatto registrare delle prestazioni eccezionali in termini di velocità ma anche un anomalo consumo delle gomme che preoccupa molto i piloti stupiti da un comportamento tanto anomalo.
Vasseur, sul ponte di comando della Ges, si rende conto di dover avviare un profondo lavoro di aggiornamento della monoposto ma anche di dover riorganizzare la gestione sportiva inserendo figure importanti che possano dare continuità ai risultati.
Sulla monoposto, gli ingegneri si sono concentrati sul fondo della vettura arrivando a modificare profondamente la monoposto al Gran Premio di Spagna.

gp italia 2023 carlos sainz
© Ferrari Press Area

Nonostante le modifiche i piloti, Charles Leclerc e Carlos Sainz, sono spesso stati vittime del comportamento anomalo della macchina decisamente troppo sensibile alle variazioni della pista o delle condizioni atmosferiche.
Fino al Gran Premio d’Olanda le prestazioni degne di nota sono pochissime, poi nel week end olandese la macchina sembra trovare una sua configurazione infatti a Monza, dove la Ferrari ha esibito una livrea celebrativa della vittoria conquistata a Le Mans, le monoposto di Maranello sono state protagoniste conquistando la pole e il terzo gradino del podio.

24 ore di le mans 2023 499 ferrari
© Ferrari Press Area

A Singapore Sainz riesce a vincere l’unica gara non conquistata dalle Red Bull mentre Leclerc, velocissimo in qualifica tanto da conquistare 5 pole, sul finire di stagione ha sfiorato la vittoria a Las Vegas e ad Abu Dhabi ha ottenuto un secondo posto che permettono al monegasco di guardare alla stagione 2024 con rinnovata fiducia.
La stagione dei proclami di vittoria si chiude con un mesto terzo posto in classifica ma con una rinnovata voglia di ritrovare la via della vittoria e percorrere quella della leggenda.

gp singapore 2023 carlos sainz
© Ferrari Press Area

Pubblicità

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio