fbpx
1950-1959Formula 1On this day

Un podio tutto Ferrari al GP Germania 1959

Il 2 agosto, per il quinto appuntamento del mondiale, la Formula 1 si spostò in Germania. Per volontà dei politici tedeschi, la corsa fu spostata dal lunghissimo Nürburgring ad un circuito dalla forma di un bastone: parliamo tracciato dell’AVUS, nei pressi della città di Berlino. Costruito nel 1921, l’impianto che prendeva il nome

dall’Automobil Verkehrs und Ubungs-Strasse; ovvero da un tratto di autostrada nato per il passaggio delle vetture private, ma anche per le prove delle automobili sportive. L’AVUS era progettato per adattarsi anche alle corse automobilistiche aprendo un varco nello spartitraffico e creando la curva sud mentre la curva nord fu successivamente trasformata nel 1936 con la realizzazione di una parabolica inclinata di 46 gradi che faceva concorrenza con i 9 gradi di Indianapolis e 31 di Daytona.

Purtroppo il circuito, non era proprio adatto alla Formula 1 e così, per timori che ci sarebbero stati problemi alle gomme la direzione decise di disputare la gara in due manche.

Sullo schieramento tornarono le Ferrari dopo aver saltato l’appuntamento in Gran Bretagna. La Scuderia di Maranello si presentò con quattro 246 affidandole a Brooks, poi gli statunitensi Phil Hill e Dan Gurney, mentre Cliff Allison fu iscritto come pilota di riserva. Il week end tedesco vide purtroppo la scomparsa dell’ex-pilota pilota Ferrari, Jean Behra, deceduto in una gara di contorno alla guida di una Porsche che sbandando urtò violentemente contro l’asta di una bandiera. Il pilota francese aveva appena lasciato la Ferrari proprio prima della corsa dopo un’accesa lite ai box.
In casa Cooper non ci furono cambiamenti confermando il solito equipaggio composto da Jack Brabham , Bruce McLaren e Masten Gregory, mentre la RRC Walker Racing Team iscrisse Maurice Trintignant e Stirling Moss. BRM scese in pista con Harry Schell, Jo Bonnier e l’eroe locale Hans Herrmann mentre la Lotus schierò come al solito Graham Hill e Innes Ireland.

Le qualifiche

In qualifica fu Allison a far registrare i miglior tempo ma secondo il regolamento di quei tempi, il pilota di riserva, qualora schierato non in sostituzione di un compagno di squadra, era obbligato a partire dal fondo. La pole position passò quindi a Tony Brooks affiancato in griglia da Stirling Moss, Dan Gurney e Jack Brabham. Dietro di loro, in seconda fila si piazzarono Gregory, Phil Hill e Bonnier mentre la terza fila si chiuse con Harry Schell, Bruce McLaren, Graham Hill e Hans Herrmann.

Tony Brooks gp germania 1959
© Ferrari Press Area

La gara

Nella prima manche, si assistette all’immediata uscita di scena di Moss a causa di un problema alla trasmissione. Gregory che nel frattempo passò in testa si fece subito sorpassare da Brooks, tallonato dai due americani Gurney e Gregory. Quest’ultimo però dovette cedere la posizione alla terza Ferrari di Hill per un guasto al motore.
Al giro 16, si fermò anche Brabham con lo stesso problema di Moss, mentre Allison con la quarta Rossa dovette alzare bandiera bianca per un guasto alla frizione, nel corso del secondo giro.

La seconda manche che prevedeva una griglia composta dalle posizioni finali della prima, vide la partenza lampo di McLaren che si prese il comando ma fu rapidamente superato da Phil Hill, Bonnier, Brooks e Gurney. Nei giri seguenti Brooks ritornò leader grazie alla robustezza della 246, mentre le altre vetture soffrivano la tenuta alla curva nord. Le tre Ferrari comandavano comodamente il GP di Germania 1959, ma della bandiera a scacchi Herrman fu vittima di un brutto incidente alla curva sud dovuto al malfunzionamento dei freni della sua BRM; l’auto colpì le balle di fieno e finì per fare una serie di capriole. Herrman fu sbalzato fuori dall’abitacolo mentre il pubblico temeva già il peggio, invece il pilota si rialzò praticamente illeso.

La Scuderia Ferrari lasciò i tracciato dell’AVUS, che non tornerà mai più a far parte del calendario del mondiale di Formula 1, con una tripletta che rilanciò le ambizioni di Brooks in classifica.

GP Germania 1959: l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 4 United Kingdom Tony Brooks
Italy Ferrari 02:09:31.600 60
1
9
2 6 United States Dan Gurney
Italy Ferrari 02:09:34.500 60
3
6
3 5 United States Phil Hill
Italy Ferrari 02:10:36.400 60
6
4
4 8 France Maurice Trintignant
United Kingdom Cooper-Climax +1 lap 59
12
3
5 9 Sweden Jo Bonnier
United Kingdom BRM +2 laps 58
7
2
6 18 United Kingdom Ian Burgess
United Kingdom Cooper-Climax +4 laps 56
15
0
7 10 United States Harry Schell
United Kingdom BRM +11 laps 49
8
0
RIT 2 New Zealand Bruce McLaren
United Kingdom Cooper-Climax Transmission 36
9
0
RIT 11 Germany Hans Herrmann
United Kingdom BRM Accident 36
11
0
RIT 3 United States Masten Gregory
United Kingdom Cooper-Climax Engine 23
5
0
RIT 1 Australia Jack Brabham
United Kingdom Cooper-Climax Transmission 15
4
0
RIT 16 United Kingdom Graham Hill
United Kingdom Lotus Gearbox 10
10
0
RIT 15 United Kingdom Innes Ireland
United Kingdom Lotus Differential 7
13
0
RIT 17 United Kingdom Henry Clifford Allison
Italy Ferrari Clutch 2
14
0
RIT 7 United Kingdom Stirling Moss
United Kingdom Cooper-Climax Transmission 1
2
0

PHOTO CREDITS
ferrari.com
Pubblicità

Silvano Lonardo

Mi occupo di Digital Strategist. Appassionato di Formula 1, ciclismo, pallamano e Lego. Insegnante di nuoto e due volte papà.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio