1980-1989Formula 1On this day

Zandvoort ’82: “Ciccio bellissimo”

Il 1982 fu un anno particolarmente complesso per la Ferrari che, nel mese di maggio, subì l’imprevista perdita del suo talentuoso ed estroso pilota: Gilles Villeneuve!

Fu così che fino a luglio la scuderia del cavallino si trovò a schierare una sola monoposto, sia per rispetto alla memoria del campione, sia per le difficoltà di trovare un sostituto nel bel mezzo del campionato.

Enzo Ferrari, dispiaciuto per la perdita di Gilles, ma anche per le mancate vittorie, a Fiorano, mentre stava assistendo allo shakedown delle sue macchine, si lascia andare ad una previsione per lui inconsueta: “in Olanda vinceremo”!

Dopo diversi mesi la squadra italiana, infatti, proprio in Olanda, torna a schierare due monoposto.

Sulla mitica n. 27 prende posto Tambay.

Il pilota francese era già entrato in passato tra i favoriti dal Drake, ma il suo arrivo a Maranello sembrava essere stato definitivamente pregiudicato quando venne ingaggiato proprio il “Canadese Volante”!

Ma il destino aveva deciso di scrivere un epilogo diverso…ed offrire una nuova opportunità a Tambay!

In Olanda per Pironi è tutto semplice.

Durante le qualifiche decide di non giocarsi la pole e settare la macchina per la gara.

1982 gp olanda partenza
© ANEFO / Hans van Dijk

Allo scattare del verde, come di consueto, ad impegnare la prima curva ci sono le Renault di Prost e di Arnoux, ma nella loro scia appare la sagoma della Ferrari n. 28…

A Didi sono sufficienti due giri per prendere il comando della gara.

Le Renault hanno vita breve. Arnoux al ventiduesimo giro va dritto alla prima curva danneggiando la propria monoposto e procurandosi una contusione a una gamba.
Prost al trentaquattresimo giro deve alzare bandiera bianca: il motore lo lascia in asso, senza nessun avvertimento, sul rettilineo d’arrivo…

nelson piquet alain prost gp olanda 1982
© ANEFO / Hans van Dijk

In testa, la Ferrari domina senza problemi: unico timore è dato da una gomma consumata che… potrebbe scoppiare.

Dai box segnalano a Pironi di rallentare il ritmo, Piquet, secondo, ha così modo di avvicinarsi, forte dei suoi 312 km/orari in rettilineo.

Tambay al debutto con la n. 27, quella di Gilles, è autore di una gara concreta, sebbene viziata da problemi di alimentazione.

Il francese non sforza la meccanica della sua Ferrari e si accontenta di debuttare con un onorevole ottavo posto.

Didi vince in Olanda!

Finalmente il pilota torna ad essere consapevole delle proprie potenzialità, dimentica i fantasmi del passato e torna a sorridere ed a riguadagnare nuovamente il soprannome di “Cicciobello”, nomignolo che i tifosi gli avevano attribuito stante la sua indubbia bellezza!

Didier Pironi con il suo primo posto si porta ad un solo punto da Watson, in quel momento leader della classifica, e grazie alla riacquistata fiducia in sé stesso si pone l’obiettivo di portarsi al comando della classifica già dalla successiva gara in Inghilterra!

Zandvoort ’82: l’ordine di arrivo

Pos No Pilota Team Tempo Giri Griglia Punti
1 28 France Didier Pironi
Italy Ferrari 01:38:03.254 72
4
9
2 1 Brazil Nelson Piquet
United Kingdom Brabham 01:38:24.903 72
3
6
3 6 Finland Keke Rosberg
United Kingdom Williams 01:38:25.619 72
7
4
4 8 Austria Niki Lauda
United Kingdom McLaren 01:39:26.983 72
5
3
5 5 Ireland Derek Daly
United Kingdom Williams +1 lap 71
12
2
6 30 Italy Mauro Baldi
United Kingdom Arrows +1 lap 71
16
1
7 3 Italy Michele Alboreto
United Kingdom Tyrrell +1 lap 71
14
0
8 27 France Patrick Tambay
Italy Ferrari +1 lap 71
6
0
9 7 United Kingdom John Watson
United Kingdom McLaren +1 lap 71
11
0
10 29 Switzerland Marc Surer
United Kingdom Arrows +1 lap 71
17
0
11 23 Italy Bruno Giacomelli
Italy Alfa Romeo +2 laps 70
8
0
12 9 Germany Manfred Winkelhock
Germany ATS +2 laps 70
18
0
13 10 Chile Eliseo Salazar
Germany ATS +2 laps 70
25
0
14 31 France Jean-Pierre Jarier
Italy Osella +3 laps 69
23
0
15 2 Italy Riccardo Patrese
United Kingdom Brabham +3 laps 69
10
0
RIT 17 Germany Jochen Mass
United Kingdom March Engine 60
24
0
RIT 33 Netherlands Jan Lammers
Hong Kong Theodore Engine 41
26
0
RIT 11 Italy Elio de Angelis
United Kingdom Lotus Handling 40
15
0
RIT 22 Italy Andrea de Cesaris
Italy Alfa Romeo Electrical 35
9
0
RIT 15 France Alain Prost
France Renault Engine 33
2
0
RIT 16 France René Arnoux
France Renault Spun Off 21
1
0
RIT 4 United Kingdom Brian Henton
United Kingdom Tyrrell Throttle 21
20
0
RIT 18 Brazil Raul Boesel
United Kingdom March Engine 21
22
0
RIT 20 Brazil Chico Serra
Brazil Fittipaldi Fuel System 18
19
0
RIT 35 United Kingdom Derek Warwick
United Kingdom Toleman Oil Leak 15
13
0
RIT 26 France Jacques Laffite
France Ligier Handling 4
21
0
DNQ 14 Colombia Roberto Guerrero
United Kingdom Ensign No Time 0

0
DNQ 36 Italy Teo Fabi
United Kingdom Toleman No Time 0

0
DNQ 25 United States Eddie Cheever
France Ligier No Time 0

0
DNQ 12 Brazil Roberto Moreno
United Kingdom Lotus No Time 0

0
DNPQ 19 Spain Emilio de Villota
United Kingdom March No Time 0

0

Federico Sandoli

Esperto di logistica e trasporti, sempre pronto a recepire le novità ed a proporre soluzioni operative innovative. Lettore accanito, con una passione particolare per la scienza, la medicina ed…i supereroi. Iscritto al Club Ferrari di Maranello dalla nascita, curo da sempre la mia passione per la Ferrari e la F1 in genere. Colleziono modellini che posiziono rigorosamente in funzione del periodo dell’anno e degli eventi legati a piloti e case costruttori e custodisco gelosamente alcune lettere autografe oggetto di uno scambio di corrispondenza con l’Ing. Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button